The Crown

0

Avevo visto la prima puntata della prima serie e non ero riuscita a finirla, dalla noia avevo abbandonato la visione. Poi circa un anno dopo, sollecitata dalle recensioni entusistiche, ho riprovato. Stessa puntata, prima serie e la mia reazione è stata la stessa. Thanks, but no thanks.

E invece con questa terza serie, contando sul talento indiscusso di Olivia Colman nella parte della Regina ho riprovato e sono stata catturata quasi dalla prima inquadratura. Scenografia e fotografia meravigliose, colonna sonora accattivante, attori stupendi e storie finalmente coinvolgenti.

L’ambientazione negli anni ’60 e ’70 è molto interessante perchè narra vicende molto più vicine a noi. L’esistenza della monarchia è messa in discussione dai mutamenti travolgenti dei costumi, dalla crisi economica e politica del Paese. L’etichetta rigida delle reazioni della Royal Family comincia a essere criticata e mal tollerata. Inoltre nel plot di questi decenni germogliano le storie private, divenute tormentoni nei tempi successivi.

In questo ambito ci sono interessanti sorprese, per esempio il personggio della Principessa Anna, che nel gossip italico è sempre stata descritta solo come un personaggio di sottofondo dal look vagamente equino. Invece in The Crown si scopre quanto Princess Anne fosse una ragazza sveglia e ribelle.

Poi c’è la meravigliosa Helena Bonham Carter che interpreta Princess Margareth, inquieta, eccentrica e intollerante alle regole di famiglia. In un intervista l’attrice ha ammesso di aver chiesto alla buonanima di Margareth il permesso di poterla interpretare (attraverso il contatto di un’amica veggente!).

Ha avuto via libera (dopotutto la Bonham Carter è aristocratica) e dall’aldilà Margareth le ha consigliato di curare molto la gestualità del suo personaggio mentre fumava. Dettaglio non da poco, anche perchè Margareth fumava H24 e infatti è morta per complicanze gravi ai polmoni.

Olivia Colman è una Queen perfetta, sempre molto trattenuta, gelida al punto giusto. Il mio personaggio preferito è Carlo (lo è sempre stato) “dannato” dal suo destino da erede al trono, viene boicottato in ogni scelta personale. Iinizia proprio in questo periodo la love story con Camilla Shand, descritta, senza troppo deferenza dagli sceneggiatori, piuttosto capra e zoccola.

(Dopo aver fatto un appassionato binge watching di tutta la serie, usare questa mug non è più la stessa cosa!)

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

twelve + eighteen =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

© All Right Reserved