…e le cose belle

13

Dopo essermi vergognosamente lamentata nel post precedente ecco i souvenir più piacevoli della vacanza.

La visita al Parco Botanico di Pamplemousses, dove ci sono alberi e fiori incredibili:


l’albero del bamboo

Questo è un banano. Infatti nel menù dell’hotel i panbanana abbondavano, buoni ma devo dire che quello di Natalia è molto meglio!
by Emma
by Anita

Poi le nuotate in mezzo all’acqua cristallina e calda.
Proprio davanti alla spiaggia dell’hotel, Anita ed io abbiamo fatto uno snorkeling de’ noantri, solo con la maschera e le scarpette di gomma perchè c’era un sacco di corallo che tagliava, e abbiamo visto dei pesci coloratissimi tra cui l’esperta Anita ha riconosciuto il velenosissimo pesce farfalla (meglio non toccarlo) e tra la vegetazione l’altrettanto micidiale cetriolo di mare.
Quindi se volete far fuori qualcuno basta andare lì: proporgli una nuotatina, spingerlo inavvertitamente sul pesce farfalla e se non soccombe, infilargli in gola un po’ del cetriolo. Tra l’altro il cetriolo, secondo i medici legali, è una delle poche erbe velenose che nell’autopsia non lascia traccia di veleno.
Per arrivare a questa spiaggia ci vogliono undici ore e mezzo di volo, e non passano mai, ma pensateci: togliersi dalle balle qualcuno sarebbe per sempre!

Un’altra cosa divertente del viaggio è stata la scoperta dei canali delle televisioni indiane: stupende!
Tutte le sere in camera me ne sciroppavo un paio di orette: film di Bollywood, pubblicità, talk show, gare di ballo. Mi gustavo tutto. Non capivo niente a parte qualche sottotitolo nei film, ma il trucco, l’atteggiamento e l’impostazione dei conduttori sono impagabili e divertentissimi.
Gli indiani probabilmente provano le stesse emozioni guardando i nostri palinsesti.
E sì certo, anche nel mezzo dell’Oceano Indiano nei notiziari c’erano le immagini di Ruby!

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Related Posts

13 Replies to “…e le cose belle”

  1. Ahahahah! In ogni amante della natura si nasconde un serial killer!

  2. Scusa ma non ti sei portata dietro qualche cetriolo?!? Bentornata nella nebbia…sigh!

  3. E io che ero rimasta all’antica quanto nostrana frittata di foglie d’oleandro….
    Bentornata Extra,chissà come sei bronzata…eh?;)

  4. Un paio d’anni fa abbiamo fatto 18 ore di volo per tuffarci in un mare un po’ come quello che descrivi. Alla fine, tra cetrioli e pesci pietra, era diventato un incubo 🙂
    Ma che bello, però!

  5. La vacanza esotica manca, nel nostro carnet di viaggiatori fai-da-te-no-alpitour.
    E della vostra direi che gli aspetti positivi hanno superato quelli negativi…
    Chissà che prima o poi non ci pensiamo pure noi…

  6. Cosa non si scopre! Le Mauritius sono in India! Ohibò avrei perso tutto se me lo avessero chiesto al milionario… Ma che tu sappia anche i cetrioli di mare della Croazia sono velenosi? No perchè se così fosse mi sono lasciata scappare molte occasioni, no, ma forse quelle sono lumache…

  7. Cetriolo di mare… per tutto il resto c’è mastercard?

    L’unica vacanza organizzata della mia vita l’ho fatta 2 anni fa con Comandante e nane nel Mar Rosso, in un villaggio… dopo 2 giorni di sorrisi da emiparesi e “NO GRAZIE”, gli animatori si tenevano alla larga. Il comandante si chiede ancora come ioabbia fatto 😀

    bentornata!

  8. Dunque mi piacerebbe viaggiare ma ho paura ad organizzarne uno da sola! beh, veramente ho un “fifa boia” (così rendo bene l’idea) e questa dell’organizzazione forse è tutta una scusa, o è una scusa la paura, boh! insomma mi sarebbe piaciuto molto essere dove sei stata tu ma anche essere già a casa adesso! Va bene dai , il lettino dello psicologo è pronto? bentornata baci

Comments are closed.

© All Right Reserved