Fitness a tutti i costi

Da piccola non potevo arrampicarmi sugli alberi, correre, saltare. Dovevo stare ferma altrimenti sudavo e rischiavo il raffreddore oppure rovinavo i vestiti. Queste erano le regole di mia madre. Così sono cresciuta da bambina, obbediente, elegante e soprattutto ferma. Tutto un mondo di movimento e felicità mi è stato precluso.
Quando sono andata a scuola, soprattutto alle medie, ero sfigatissima in ginnastica. E ne soffrivo molto perchè essere bravi negli sport era estremamente fico. Nel frattempo mi erano anche cresciute le tette, ai tempi non erano stati ancora inventati i reggiseni sportivi, e quindi non provavo neanche più a correre neppure di nascosto. Avrei corso male, lentamente e per di più sballonzolando.
Forse per questo triste passato ginnico, quando dopo i vent’anni sono diventata finalmente indipendente ho cominciato ad andare in palestra, a nuotare, a fare yoga, pilates, cyclette. Ho provato di tutto nei diversi periodi della mia vita. Muovermi mi piace moltissimo e non posso più farne a meno. Ovviamente il trauma infantile pesa, infatti quando frequento qualche classe ho la sindrome della prima della classe. Sono una secchiona del tappetino. Mi torco, mi piego e mi danno per far felice l’insegnante. Quest’inverno considerata la vita sedentaria che dovevo fare costretta a stare in casa a scrivere ho deciso di provare l’improvabile. Nella palestra dove vado alcune volte negli spogliatoi vedevo delle donne stremate uscite da una lezione di GAG, che poi adesso i corsi hanno nomi diversi ma in pratica è un allenamento come quello dei marine, che dicevano meraviglie di una certa insegnante. Quando facevo domande ribadivano che era il massimo, loro frequentavano da anni, avevano intostito anche il muscolo addominale più profondo e recondito, lasciando trapelare con parole non dette che non ce l’avrei mai fatta. Troppo dura. Allora l’ex bambina paralizzata che è in me ha avuto uno scatto di orgoglio e a loro insaputa mi sono iscritta al corso.
Ho dovuto dimenticare la sindrome da teacher’s pet: ho fatto schifo per parecchie settimane. A metà lezione pensavo: “per favore adesso uccidetemi”, ma ho tenuto duro. Prima dell’inizio quando l’insegnante metteva “Rolling in the deep”, mixata a tutto volume, sentivo un brivido di terrore, era la sigla del tormento. Ma poi visualizzavo Adele cicciona e mi facevo torturare felice. Quando dopo un’ora di martirio, l’insegnante urlava, “a terra per gli addominali” mi sembrava quasi sublime. A fine lezione sopravvivere è una sensazione deliziosa, sembra di aver pagato per tutti i nostri peccati. Adesso poi la massima soddisfazione è che non sono più la peggiore, è arrivata una più scarsa di me. E la mia scalata a diventare la cocca della maestra è tutta in salita (ottimo per i glutei) ma è già iniziata.

Giveaway di Fare i cosmetici naturali


Da ragazza mi spiaccicavo in testa un tuorlo d’uovo per nutrire i capelli. In un giornale poi avevo letto che andava bene anche la maionese (ho sempre avuto i capelli secchi) ma quello è stato troppo.
Poi ci sono stati gli anni in cui tutte le mattine mi spalmavo la faccia di yougurth naturale mischiato all’argilla ventilata, qualche volta ha suonato la mia vicina e si è spaventata, ma comunque mi veniva una pelle bellissima. Successivamente, ho avuto il mio periodo del’aromaterapia quando raccoglievo spasmodicamente solo boccettini di vetro scuro (perchè la luce influisce sulle composizioni degli olii essenziali) e li riempivo con unguenti nutrienti, energizzanti, rilassanti, ecc.
Insomma sono sempre stata una fan della bellezza fai-da-te, e infatti ho speso anche parecchi soldi da Lush, ma ora ho trovato questo manuale che offre ben 100 ricette di preparazioni naturali, per il viso, il corpo e i capelli. E per farle non c’è bisogno di reperire i soliti ingredienti “naturali” introvabili e frustranti, reperibili solo se si vive in un parco botanico. Preparare i propri cosmetici è facile, divertente e anche soddisfacente soprattutto se si pensa che i cosmetici che il prezzo dei cosmetici che si acquistano è al 92% dato da packaging, distribuzione e marketing.
Anche Anita è gasatissima e ha già individuato una ricetta in cui si produce l’olio alla rosa e per farlo ci vogliono un sacco di petali, pensavamo di spogliare nottetempo (tanto ora vien buio presto) le rose dei giardini vicino a casa nostra, ma questo maltempo ci ha rovinato il piano. Adesso cercheremo una preparazione al ciclamino o viola del pensiero che in giro di questi ne ho visti parecchi!
Quindi se anche voi avete vicini antipatici a cui non vi dispiacerebbe rovinare piante e balconi e volete anche regalare cosmetici hand-made per Natale, mettetevi avanti (oggi piove e già mi sento troppo invernale) partecipando al giveaway per vincere una copia di questo manuale. Sempre le stesse regole: commento al post e ripresa sul blog o su FB, scadenza fra una settimana il 4 novembre.

Sciamana 2

Questa è una notizia di una settimana fa, ma purtroppo non ho avuto tempo di raccontarvela prima…
Fa ancora caldo e in casa mia c’è la squadra di chi soffre le alte temperature contro i freddolosi.
Il primo team è composto da Sant’ e Anita, l’altro da Emma e la sottoscritta. Quindi c’è sempre lotta per l’uso dell’aria condizionata. Soprattutto nel momento della nanna. Di solito con me Sant’ non riesce a tenerla accesa all night long, mentre nella camera delle ragazze Emma, qualche volta, si addormenta ignara del gelo organizzato dalla sorella.
Infatti un mattina, di una settimana fa appunto, andando a svegliarle devo affrontare una temperatura polare. Spengo l’aria condizionata, brontolo un po’ e mi illudo che sia finita lì.
Invece due giorni dopo, domenica mattina, Emma si sveglia e lamenta un gran mal di gola. Quasi non riesce a parlare, le guardo la gola e orrore! Su una tonsilla ci sono dei mostri: grosse placche bianche!
Porcavacca.
Comincio a porconare e me la prendo con la colpevole: Anita.
“Vuoi eliminare tua sorella? Cerca un modo meno scontato!”
Mi girano moltissimo: é domenica (ricerca più affanosa di una farmacia aperta) e soprattutto perchè placca significa antibiotico. E magari anche febbre. Non riesco a smettere con i porconi. Invento parolacce nuove.
Mi esce anche un po’ di fumo dalle orecchie!
(Emma soffre per la gola, ma gode della gogna subita dalla sorella)
Poi la sciamana che è in me prende il sopravvento. “Googlo” placche e trovo la pozione: gargarismo con aceto di mele, sale e limone diluito in po’ d’acqua. Per togliere invece le placche dalle tonsille, dritto al sodo: si usa un cotton fioc imbevuto di limone. Devo convincere la paziente.
Le ricordo, con espressione schifata, quel “saporino” schifoso e dolciastro che aveva l’ultimo sciroppo di antibiotico. Se ne rammenta: bleah! E così la prode Emma armata di cotton fioc, davanti al mio specchio che ingrandisce, si caccia il cotton fioc in gola e auto-opera con successo. Ottimo.
Passiamo alla fase 2: il gargarismo. Schifoso ma fattibile.
Anche lì va bene, la mia coraggiosissima ragazza li affronta.
Due volte al giorno per tre giorni e tadaaaaaaa: guarita.
Alla faccia dell’antibiotico e della teen-ager killer!

Nuove droghe

Non possiamo negarlo, non saremmo credibili. 

I blog danno assuefazione. 
A me di Facebook e dei social network non me ne frega nulla, anzi un po’ mi infastidiscono, ma devo sempre essere on line e controllare posta, blog e sito
Solo allora sono felice e pacificata. Come dice Italian mom e come i mariti che stringono le loro amate mentre dormono. Un paio di mesi fa ho intervistato un professorone di psicologia in una facoltà universitaria milanese per un articolo su Google e gli ho chiesto se tra i pericoli dell’uso personale e massiccio della rete ci fosse l’assuefazione. 
Mi ha risposto serafico: 
“Da dipendenza come tutte le cose piacevoli”

Insomma connettetevi e godetevela: grazie professore! Possiamo stare tranquille, un po’ tossiche ma serene.  
Però oggi, nella mia giornata di decompressione dopo le recenti disavventure, ho avuto un’altra illuminazione, un’altra certezza. Un attimo di felicità pura: quando sono andata in palestra sulla mia amatissima ellittica. La palestra mi annoia ma adoro quella macchina. Non posso più farne a meno. Quando la trovo occupata (è ovviamente la più ambita perchè in mezz’ora fa bruciare anche un bel 400 calorie) mi viene da ringhiare. 
Anche il Sant’uomo ha le sue dipendenze. Oramai è un panettiere compulsivo. In ogni momento libero sforna pagnotte, trecce e sfilatini. Ieri sera non ho resistito e mi sono concessa due fette di pagnotta calda grondanti di Nutella. Erano anni che non la mangiavo. Anita ha detto: 
“Posso farti la foto del primo morso? Voglio vedere la tua espressione…”
Non le ho concesso questa paparazzata.
Ma oggi sulla mia cara ellittica ho smaltito andando come una forsennata al ritmo dei Blink 182 tutto il panino. Fra un po’ è di nuovo ora di cena e stasera c’è il pane nero, sette cerali, semi di sesamo e girasole fatto apposta per me!  
La vita può anche essere meravigliosa grazie a questo doping a buon mercato.

Sciamana?

Tre anni fa ho scritto un articolo sui pediatri alternativi, quelli che anzichè usare la medicina allopatica si avvalgono di omeopatia, fitoterapia o anche antroposofia. Quest’ultima è una tecnica nata dalla filosofia steineriana. Tra i consigli interessanti che avevo trovato nei rimedi antroposofici e naturali ce n’è uno per combattere la tosse secca. Con una cipolla tagliata in due su un piattino sul comodino, la tosse si placa, può sparire o evolvere in una tosse grassa e meno fastidiosa. Tutto ciò accade grazie ai fumi esalati dalla cipolla: sono emollienti e calmano le mucose infiammate. Pochi giorni dopo averlo scoperto, ho potuto testare il metodo su Emma (a Milano i bambini cavia con la tosse purtroppo abbondano) con risultati grandiosi.
Sono stata così entusiasta da consigliare questa strategia anche a una mamma amica, con il pargolo che tossiva da un po’. Il giorno dopo mi ha chiamato, pensavo per insultarmi, invece mi ha ringraziato. Suo figlio era quasi guarito e mi ha anche chiesto se sapevo di qualche altro vegetale magico per proseguire la cura. Purtroppo la mia abilità pediatrica e anche la connivenza con il fruttivendolo finivano lì. Ma la cura alla cipolla oramai è un classico dei miei rimedi casalinghi.
Oggi infatti ho una gran tosse e stasera “mi cipollo” bene la camera. Certo, la controindicazione sono le esalazioni puzzolenti che impregnano l’ambiente e spaventano il prossimo (aihmè il Sant’uomo probabilmente vorrà migrare) ma domani sarò come nuova. Lascerò dietro di me un certo olezzo ma sarò guarita. Alla faccia delle multinazionali dello sciroppo.

Una domenica diversa

Oggi ho passato la giornata a un seminario di yoga. Ma una mamma non sfugge al suo destino neanche se passa la mattinata a fare il cobra o il cane a testa in giù. Infatti all’ora della nel break di pranzo ho telefonato al Sant’uomo per sapere se lui e le bimbe si erano sfamate e se in quella pausa dovevo andare a fare la spesa.
Fortumatamente la situazione era sotto controllo.
Ho chiuso la telefonata contenta e serena e ho detto a una compagna di corso:
“Tutto a posto, hanno mangiato anche la bistecchina!”
Lei è sbiancata e ha esclamato: “Ah! La carne! Ho dimenticato di toglierla dal freezer!”
Si è attaccata al cellulare e ha continauto a ripetere: “No in alto! No, guarda bene! No, non sono sicura che c’è! Non più in basso, a destra, forse a sinistra! Ti dico che c’è!”
Un quarto d’ora dopo finalmente pacificata, è tornata a sorridere:
“Mio marito ha trovato la carne”
“Avete un freezer molto grande?”
“No, solo due cassetti, ma sai com’è…però alla fine ce l’ha fatta. Pensa che sia pesce ma non sono stata lì a spiegargli…l’importante è che si scongeli”

Nel pomeriggio alla ripresa del corso, l’insegnante ha domandato se qualcuno avesse domande da fare. Una signora che prendeva appunti ha chiesto:
“Ma se spingi le tibie verso il centro, le cosce verso l’esterno e allunghi il coccige, va bene se l’ano tende a chiudersi?”
A me è venuta la ridarella come se fossi in prima media. Mi sono guardata in giro, ma tutti gli altri erano rimasti seri. Così ho represso le risa e mi sono messa a fissare il tappetino, per non farmi scoprire.

Quando le mamme fanno OM


Faccio yoga da dodici anni e ogni tanto mi concedo una fuga dalla vita familiare per partecipare a weekend dove si “pratica” dalla mattina alla sera. Lo yoga è molto di moda e quindi fioriscono scuole e guru in ogni dove. Ho fatto parecchi “cattivi incontri”: classi dove ex-frichettoni cercano di riciclarsi come insegnanti e maestri di vita o altre dove tentano di istaurare una disciplina degna dei marines. Ma oramai sono diventata furba, annuso l’aria aromatizzata di incenso al sapore di sandalo e non mi faccio più abbindolare. Eseguo le mie posizioni (asana) e non chiedo di più. Le mie figlie quando torno da questi seminari mi fanno trovare disegni in cui sono raffigurata in pose acrobatiche quasi da Spiderman e mi incalzano con domande: hai fatto la verticale senza il muro? E il ponte partendo da “in piedi”? Cerco di non deluderle, lavorando un po’ di fantasia ed esagerando le mie gesta, come fanno i pescatori. Comunque a Bologna dove sono andata questo fine settimana c’era questa insegnante americana veramente tosta. Un ex ballerina con un fisico da elastigirl che proponeva delle contorsioni quasi da circo. Piegamenti in avanti tali da potersi quasi far chiudere in una valigia. O almeno questo è quello che veniva in mente a me mentre con la fronte spinta sopra i piedi mi abbracciavo i polpacci da dietro. In altri momenti mentre mi inarcavo fino allo sfinimento (complete bliss/beatitudine completa, chiosava la maestra) pensavo che dovevo chiamare mio marito per dirgli di comprare le uova altrimenti non avrebbe potuto impanare le cotolette per la cena. Nell’intervallo fra le due sessioni giornaliere di pratica ero al telefonino raccomandando di impacchettare il regalo di compleanno per la festa dell’amichetta di Emma a cui andavano ieri pomeriggio, di didisdire la lezione di equitazione perchè pioveva, di finire i compiti e magari se qualcuno gentilmente stendeva anche il bucato che da due giorni mi ero dimenticata nella lavatrice…Poi tornavo a fare vashistasana più serena. Oggi sono tutta indolenzita al limite della paralisi…OM

1 2 3