Viva la Franca

0

Una donna poliedrica, acuta e intelligentissima. Franca Valeri, al secolo Franca Maria Norsa, (ha mutuato il cognome d’arte dal poeta Paul Valéry) è scomparsa ieri al traguardo dei cent’anani. Li aveva compiuti una decina di giorni fa, il 31 luglio. E proprio per celebrarla, alla soglia di questo importantissimo compleanno, recentemente è uscito Viva la Franca, libro a lei dedicato, firmato da Aldo Della Vecchia, scrittore, autore televisivo e giornalista. E soprattutto grandissimo fan dell’attrice.

La Franca (chiamata così in maniera colloquiale, con l’articolo determinativo che precede il nome, per sottolineare la grandezza del personaggio e la sua unicità) è raccontata in modo puntuale e affettuoso. Il testo conduce il lettore nella vita di questa grande donna con ricostruzioni storiche, spezzoni di interviste e testimonianze importanti.

Un percorso lungo un secolo e questa biografia descrive, dedicando ogni capitolo ai suoi successi nei vari mezzi espressivi, teatro, cinema, telvisione, tutte le tappe della lunga e straordinaria carriera che, negli ultimi anni, ha anche sconfinato nella letteratura. Perchè uno dei grandi talenti di Franca Valeri è stata proprio la scrittura, lei stessa ha sempre firmato i testi dei suoi sketch e le sceneggiature dei film.

Celeberrimi i suoi personaggi diventati iconici: la Signorina Snob, milanese bene, creata tanti decenni fa ma ancora modernissima. La Sora Cecioni, caciarona casalinga romana, Cesira la manicure e poi Mitzi la coreografa ungherese, che era tanto piaciuta a Fellini.

Franca Valeri si trasformava, poteva interpretare con ironia ogni sfaccettatura femminile. È stata la prima grande comica in un mondo dove, prima di lei, a far ridere erano sempre stati solo gli uomini. Nello scenario del dopoguerra dove le donne dovevano essere maggiorate, bambole o maschere tragiche, la Franca non aveva curve ma un raffinato senso dell’umorismo. Ed è riuscita a sfangarla alla grande. Una bella e importante rivoluzione, che è diventa una proficua e preziosa eredità per tutte le attrici che si sono successivamente cimentate in ruoli comici.

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Related Posts

© All Right Reserved