Come evitare rischi nello shopping di Black Friday

Ormai il Black Friday dura molto più di un giorno, le promozioni martellanti sono spalmate almeno per una settimana e non riguardano più solo gli acquisti online. Dall’e-commerce ai mercatini dove gli ambulanti scrivono Black Friday su un bel foglio con il pennarello, tutti cercano di attirare acquirenti con gli sconti.

Black Friday è sinonimo di affari e ovviamente non tutti leciti. Infatti il calderone degli acquisti online attira molto anche i truffatori, il cosidetto malware che si insinua insidiosamente nelle transazioni con la carta di credito, per carpire dati.

Mi è arrivato un comunicato con consigli per aiutare i consumatori a stare alla larga da comportamenti rischiosi e qui lo condivido. Alcune avvertenze sembrano banali ma è sempre meglio fare attenzione.

La diffusione annuale di URL dannosi è in linea con i dati di Google Trends relativi alle ricerche sul Black Friday: un’impennata che si verifica a partire da metà ottobre e che raggiunge il picco a fine novembre per poi scendere ai livelli minimi nel periodo di dicembre.

A livello nazionale, in vari paesi come Francia, Germania e Italia sono stati rilevati URL dannosi collegati al Black Friday, oltre a quelli già riscontrati negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Dietro a questa impennata annuale si nasconde il crescente numero di utenti che abitualmente fanno ricerche e acquisti online da un dispositivo mobile rispetto a quelli più tradizionali che si dedicano allo shopping dal computer di casa.

Gli URL dannosi, sia per computer che per smartphone, sono indirizzi web progettati per danneggiare o infettare i dispositivi che vi si connettono. Questi URL sono parte integrante di molte azioni malevole di diffusione di phishing e malware. Diversi siti di phishing dispongono sia della versione desktop che mobile, ma navigando sui siti mobile è più difficile individuare l’URL sospetto perché la visualizzazione è più piccola e spesso il link risulta tagliato o visualizzato con una serie di trattini che vengono aggiunti appositamente per nascondere le stringhe sospette dell’URL in una tecnica conosciuta come “URL padding”.

I rischi dipendono molto dal comportamento dei consumatori: se fanno acquisti da casa o mentre sono in giro, se navigano su una rete aperta o sicura, come gestiscono l’insidiosa questione delle password. Considerata la presenza di numerose minacce continuamente in circolazione e provenienti da URL infetti e dannosi, i consumatori dovrebbero agire con cautela in tutte e tre le fasi del processo di acquisto: dove acquistano, cosa osservano in fase di acquisto e soprattutto come finalizzano l’acquisto. 

DOVE ACQUISTARE IN SICUREZZA

Lo shopping su Internet permette di accedere ad offerte interessanti ma al tempo stesso l’utente potrebbe ritrovarsi su siti rischiosi.  Le pagine web di phishing sembrano copie perfette degli originali, ma gli indirizzi web che nascondono sono leggermente diversi. Quando confrontate prezzi e prodotti, cercate negozi online che abbiano un buon rapporto tra rating di fiducia e reputazione e un numero significativo di recensioni. Inoltre, è bene sapere che gli annunci di malvertising e phishing possono comparire anche su siti web legittimi ma compromessi.

Bisogna prestare attenzione: l’indirizzo web visibile nel browser dovrebbe rispecchiare il nome dell’azienda. Se è scritto in modo diverso o ha una serie insolita di trattini che nascondono l’URL, meglio chiudere immediatamente la pagina.

COSA CONTROLLARE IN FASE DI ACQUISTO 

Nel corso degli anni gli schemi delle email di phishing sono diventati sempre più mirati. Mentre può capitare di trovare nella casella di posta elettronica conferme d’ordine e fatture per servizi sconosciuti e non richiesti ( a me è successo da Ebay e Paypal ), è del tutto possibile che una campagna di spear-phishing includa il nome esatto e un’offerta davvero interessante.

Ci vuole diffidenza: se un’offerta sembra troppo bella per essere vera, probabilmente è così.

Meglio non aprire il file: gli allegati alle email sospette possono contenere qualsiasi cosa, dai ransomware alle ultime minacce zero-day.

E’ consigliabile usare sempre un antivirus aggiornato in grado di bloccare contenuti web pericolosi come phishing, malware e spam.

Cercare prodotti online può essere piacevole, ma prima o poi bisogna pagarli. Questo è un passaggio rischioso, soprattutto perché il numero di persone che fa acquisti online dai propri dispositivi mobili è in aumento. Le reti pubbliche, che si tratti di un negozio o di un bar, non sono sicure. Non inserire mai credenziali in un sito se si è sicuri al 100% che sia autentico.

Procedere sempre con la massima precauzione: assicurarsi che durante il processo di pagamento sia presente il simbolo di un lucchetto e che l’URL inizi con HTTPS, in modo da garantire una comunicazione sicura con il server web.

Inoltre l’utilizzo della crittografia consente di garantire un maggior livello di sicurezza tenendo le transazioni online lontane da sguardi indiscreti.

Shopping dolce su Ebay

Sono gli ultimi giorni ma niente panico, siamo ancora in tempo per procurarci il regalo giusto, quello pensato. Non comprato alla rinfusa, tanto per spuntare un altro nominativo fra la lista degli amici. Quest’anno ho rivalutato i regali golosi, quelli che almeno a Natale fanno dimenticare la dieta e i buoni propositi. E quando bisogna peccare, meglio farlo bene. Con stile e consapevolezza. Con ingredienti genuini di buona qualità.
Sono stata sempre convinta di questo, ma quando sono stata invitata da Ebay a scoprire lo shopping online ho anche incontrato una famiglia di pasticceri dell’Aquila che mi hanno fatto assaggiare dei dolci veramente speciali, che ripropongono tradizionali ricette di famiglia, che risalgono addirittura a un secolo fa.
Delle vere delizie che sono uscite dall’ambito locale e grazie allo shopping online adesso possono essere gustate ovunque. Biscotti, cioccolato, torroni, ma anche liquori, distillati unici come quello allo zafferano, alla genziana e alle amarene.
Per raccontare meglio la loro passione Mariano e Claudio Calvisi, proprietari dei dolci Aveja, hanno dato vita a uno show cooking per produrre le ferratelle, biscotti che si cuociono con una piastra (acquistabile anche online) e il meraviglioso torrone alle nocciole e cioccolata.


E hanno anche accettato di condividere queste loro ricette.
Ferratelle friabili:
· 170g uova
· 240g zucchero
· 180 olio arachidi
· 120 latte
· 650 farina
· A piacere: limone grattato o punta di vaniglia o anice stellato
Procedimento:
· Preparare il ferro per le Ferratelle, elettrico o a gas, scaldandolo
· Ungere il ferro/piastra con olio
Impasto:
· Impastare uova e zucchero e amalgamare
· Aggiungere olio e amalgamare
· Aggiungere latte e amalgamare
· Aggiungere la farina ed eventuale vaniglia/limone
L’impasto dovrà risultare morbido ma non troppo appiccicoso. Ovviamente la durezza dell’impasto o la morbidezza saranno da bilanciare in base al proprio gusto, ognuno preferisce la Ferratella più friabile o più morbida, più croccante o meno cotta.

Finito l’impasto andranno creati dei piccoli gnocchetti da cuocere poi sul ferro, ben unto per la prima cottura con olio, per circa 40 secondi se elettrico ma ogni Ferro è differente come temperatura. Bisogna soprattutto per i primi tentativi verificare continuamente lo stato della cottura. Le tempistiche possono variare.

Il signor Calvisi è stato anche così gentile da precisare, per i cuochi più scarsi, come la sottoscritta:
“Per il ferro a gas mia madre Anaide, diceva che una Ave Maria da un lato e un Padre Nostro dall’altro lato assicuravano una cottura perfetta. Mia madre era abituata a pregare e quindi molto veloce nel recitarla; tenetene conto nella cottura!”

Torrone Aquilano:
· 400 g Miele (rigorosamente Italiano, possibilmente Abruzzese)
· 80 g albume
· 630 g zucchero
· 130 g acqua
· 280 g cioccolato puro 100%
· 400 g nocciole
· Fogli di ostia da torrone
Per la creazione del torrone aquilano è necessario un robot da cucina perché il procedimento di amalgama degli ingredienti deve durare almeno 5 ore in maniera tale da rendere il prodotto della scioglievole morbidezza che lo caratterizza.

Operazioni preliminari
· Preriscaldare il robot da cucina alla massima temperatura
· Su un vassoio rettangolare preparare uno strato di ostia
Procedimento:
· Inserire nel robot da cucina miele albume e montare alla massima velocità
· Raggiunto un buon grado di montatura il preparato avrà un colore bianco candido (circa 1 ora)
· Abbassare al minimo la velocità e far cuocere per due ore
· Quando l’impasto è asciutto ed elastico preparare il caramello con 80g di acqua e 400g di zucchero
· Una volta pronto versarlo all’interno del robot
· Mentre il robot continua a cuocere, preparare uno sciroppo di zucchero con 50g di acqua e 230g di zucchero
· Appena lo sciroppo è tiepido, sciogliere all’interno il cioccolato fondente 100%
· Quindi versare nel robot da cucina lo sciroppo già amalgamato con il cioccolato
· Aggiungere le nocciole
· Una volta amalgamato bene il tutto stendere il preparato sui vassoi precedentemente preparati con l’ostia da torrone
· Una volta disteso l’impasto sui vassoi, ricoprire la parte superiore con un altro strato di ostia e stenderla con un mattarello in maniera da dare uno spessore uniforme
· Lasciare rifreddare il torrone
· Tagliare solo quando completamente raffreddato

 

Shopping natalizio online

Ero in ritardo: ho suonato e mi sono infilata velocemente oltre il cancello, peccato che la seconda porta non si aprisse. Per una botta di sfortuna sono rimasta prigioniera tra le inferriate del cancello e la vetrata, purtroppo chiusa.

Come in gabbia, osservavo la gente che passava veloce e indaffarata nella via, sperando che qualcuno mi guardasse o magari dovesse entrare nello stesso palazzo. Purtroppo tutti si facevano i fatti loro e tiravano dritto.

E rimanevo lì in ostaggio tra le due porte.

Allora mi sono sbracciata e ho chiesto aiuto a un tizio che passava finalmente vicino alla mia gabbia.

“Scusi signore, sono rimasta incastrata qui, può suonare gentilmente il campanello? Quello con scritto Ebay”

“Ebay?”, sembrava contento, gli pareva una mossa cool e ha sorriso: “Certo! Devo anche dire chi è?”

“Grazie, ma non importa!”

Il click del citofono mi ha liberato, sono corsa su per le scale per iniziare l’avventura del mio shopping natalizio online.

Ero stata invitata insieme ad alcune altre mamme blogger a sperimentare gli acquisti natalizi online utilizzando Ebay.

Devo ammettere che partivo da lontano, lontanissimo: ero rimasta a quando su Ebay si compravano/vendevano oggetti usati. Quindi sono stata aggiornata sul nuovo stato dell’arte e su come questa piattaforma sia diventata uno strumento comodo e indipensabile per combattere lo stress da regalo di Natale.

ebay

Sì, perchè si inzia piene di buone intenzioni, alla ricerca del regalo perfetto, il regalo pensato, il regalo speciale e poi si finisce isterici a sgomitare in un centro commmerciale affollato, a combattere e porconare già nel parcheggio. E il conto alla rovescia verso il giorno di Natale può diventare una frustrante lotta contro il tempo.

Come evitare tutto ciò?

Basta un colpo di click e si acquista online: provare per credere. Infatti ce l’ho fatta anch’io, anche se avevo dimenticato la password (odio le password e voi?) sia di Ebay che di paypal. E nonostante tutto in meno di cinque minuti sono riuscita a fare ben due regali alle mie figlie. Due regali a chilometro zero anche se me li hanno venduti da Londra. Ma nella velocità non ho tralasciato la convenienza, nella ricerca ho filtrato la mia scelta tra i venditori più fidati, quelli che consegnavano gratis e mi sono assicurata della clausola soddisfatta o rimborsata.

E’ andato tutto liscio e i regali dovrebbero arrivare domani.

Ho appurato che su Ebay si può acquistare veramente di tutto: dalla sabbietta per il gatto ai sex toys e non pensiate che questi due articoli non siano correlati, infatti ho scoperto che fra l’utilizzo delle due cose c’è un nesso molto stretto.

Un’interessante novità anche per me che, da sempre come sapete, preferisco i cani!