Tredici-la seconda stagione

“Dove gliel’ha messa la scopa?”
“Nooo! Ma che schifo!”

Questa è una conversazione tra adolescenti in autobus, è mattina stanno andando a scuola. Una di loro la sera prima ha visto la seconda serie della serie Tredici, pensata proprio per loro. Nella seconda stagione si cercano di sviscerare i motivi dietro il tragico suicidio di una liceale, Hannah Baker che si è tolta la vita dopo essere stata vittima di uno stupro e anche di episodi di bullismo. Ma prima di farla finita Hannah ha mandato in giro per il liceo 13 cassette per accusare varie persone del suo tragico gesto.

Della prima stagione avevo già parlato, espresso perplessità su come gli autori della serie avessero affrontato i problemi adolescenziali speculando e amplificando per ottenere  audience. L’obiettivo era stato raggiunto alla grande. E nell’inmancabile sequel, non avendo più un testo la vicenda del romanzo da cui è stata tratta la serie si esaurisce nel plot della prima serie), ci hanno dato dentro senza limiti, per sconvolgere e scandalizzare ancor di più il giovane pubblico.

E hanno fatto centro, come prova la conversazione riportata in alto.

Non “spoilero” nulla, perché seguendo la “bibbia del marketing”, Netflix ha pubblicizzato alla grande il finale violento e splatter della stagione. E’ stato commentato in rete sotto vari titoli: “i momenti più controversi”, ” il finale che fa discutere”, “la dramamtica attualità” e blah…blah.

Giusto per alimentare il voyerismo.

Il povero stuprato è Tyler, il fotografo del liceo che viene accusato di aver pubblicizzato troppo le magagne della scuola. Così tanto da comprometterne anche i risultati sportivi. E sui risultati sportivi in USA non si scherza!

Per punirlo del suo errore lo bullano, violentano e lui, appena si riprende, che fa?

Ovviamente medita una strage nel liceo.

Stupro+Strage: cockatail esplosivo per liceali.

Qui però si esagerava, visto che negli USA purtroppo lo studente che spara nelle scuole  è troppo spesso cronaca. Allora qualcuno (dalla regia), per evitare grane, decide una modifica. E fiuuuuuuu! Riusciranno a fermarlo così ci scappa anche un mezzo eroe!

(A questo punto meglio guardare Escobar o Suburra, violenza onesta e almeno non dedicata ai ragazzi)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

five × one =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.