Joy e il mocio che ti cambia la vita

Nel panorama delle televendite noi abbiamo avuto Wanna Marchi, negli USA Joy Mangano.  Sulla sua storia tutta la femminile che, da casalinga disperata si è trasformata in donna manager milionaria, ci hanno anche fatto un film che forse farà vincere alla protagonista un altro Oscar. E potrebbe anche meritarlo, perchè Jennifer Lawrence in Joy è davvero brava. In questa pellicola la squadra è la stessa del Lato Positivo, il film che le aveva già regalato il premio più prestigioso per un’attrice, quello di miglior protagonista, due anni fa.

Il regista è sempre David O. Russell, poi ci sono ancora Robert De Niro e Bradley Cooper, a far da contorno alla vicenda di Joy, ragazza bella, bionda, intelligente e  geniale che però è appesantita da una famiglia disagiata. Un vero nido di parenti serpenti. Padre egoista e fedifrago, sorella falsa e invidiosa, ex-marito nullafacente, madre drogata di telenovelas.

Tutti pronti a sfruttarla.

L’unica decente, che crede in lei, è la nonna. La sola che la incoraggia a seguire la mania di inventare,  cominciata da piccola con un collare per cani multiaccessoriato e poi proseguita con il miracle mop, un tipo di mocio speciale che cambia la vita a chi deve fare le pulizie tutti i giorni.

L’idea è buona ma metterla in pratica e soprattutto venderla si rivela molto arduo. In quest’ultimo campo la mano santa sono le televendite, dove Joy riesce a sbancare. Ma è un comunque cammino tutto in salita: la protagonista deve continuare  ad affrontare un sacco di ostacoli, tecnici e psicologici.

La storia è bella perchè vera. E’ la biografia dell’italo-americana Joy Mangano, che ha anche contribuito al budget per la produzione della pellicola, e Jennifer Lawrence è molto convincente nel farla rivivere. Commuove, diverte e coinvolge al punto giusto. Alla fine, si esce dal cinema con in testa un bell’esempio positivo ma anche la voglia irrefrenabile di comprare un nuovo mocio.

2 comments