Cinquanta sfumature: un film comico

Ieri sera ho partecipato al flash-mob organizzato da Rossella Calabrò, autrice di “Cinquanta sbavature di Gigio, il film” davanti al cinema Orfeo dove proiettavano le letali Cinquanta sfumature. C’erano parecchie signore e signorine pronte a sbeffeggiare la pellicola. Ma la vera sorpresa è stata che in sala anche le spettatrici “normali”, ragazze e donne più o meno giovani, ridevano e si spanciavano commentando la ridicola performance dei due, totalmente inespressivi, protagonisti.
Su tutti quotidiani sono apparse recensioni che hanno demolito il film, ma un conto è riportare le reazioni snob della stampa, un altro e vedere sul campo l’effetto ridanciano sul pubblico pagante, senz’altro lettrici del best-seller.
Anastasia, Dakota Johnson, figlia di Melanie Griffin e Don Johnson, ha dei gran occhioni blu, la bocca come la madre e un insopportabile aria da minus habens. Tanto che anche allo spettatore veniva voglia di strattonarla un po’ per scuoterla e provocare qualche reazione. Lui, Jamie Dorman, è un ex modello e si vedeva. Sembrava di plastica e, nonostante gli addominali scolpiti, non riusciva a coinvolgere/turbare neanche un po’.
I dialoghi erano surreali.
Il migliore: lei gli chiede: “Ma perchè sei così?”
E lui: “Ho dentro cinquanta sfumature di perversione!”
Mavà?!?!
Neanche la peggio fiction del pianeta è recitata così male. L’erotismo è totalmente assente, la famose stanza proibita, quella delle corde, delle fruste e dei cavetti, dove lui finalmente (dopo più di mezzo film) la legava era così patinata e poco proibita che mi ha ricordato le macchine su cui si fa Pilates. Per dire, il Reformer è molto più sexy e pericoloso.
Comunque anche se uscendo tutte le spettatrici ridevano e commentavano che forse Grey essendo a soli ventisette anni, un tycon, che suonava benissimo il piano, guidava da Dio l’aereo, (e tutte le sue auto sportive), aveva una cabina armadio da paura, una casa di mille stanze senza un granello di polvere, putroppo non aveva avuto troppo tempo per allenarsi a diventare un bravo fustigatore.
“Quei colpetti con la frusta erano così mosci”, rilevava delusa una signora con l’amica, che era d’accordissimo: “Hai ragione. Il mio fisoterapista, non è per niente fico, ma mi strattona con molta più convinzione”
Alla fine comunque, nonostante tutto, il film ha già fatto il botto planetario anche al botteghino e la signora E.L.James è più ricca di Paperone e se la ride dalla mattina alla sera.

8 comments

  • Ridiamoci sù, che è meglio!

    • patriziavioli

      Anastasia poi, ho dimenticato di scriverlo, quando lui le chiedeva o le faceva qualcosa partiva con: “Oh Christian!” e io che all’inizio che non ricordavo che quello fosse il suo nome, pensavo dicesse: “Oh Cristo!”, tipo “Ussignur!”

      Ma magari ero io un po’ maldisposta 🙂

  • L’autrice se la ride alla grossa sì e fa bene.

    Mi spieghi minus habens?

    Quindi il vecchio e caro Nove settimane e mezzo è ancora da podio.

    Visto? han voluto puntare tutto sulle fruste, se invece andavano sulla classica frutta forse qualche caldana in più la scatenavano e poi ultimamente con il vegetarianesimo che avanza sarebbe stato anche attuale e come bevanda latte di soia.

    • patriziavioli

      Infatti! Parole sante 🙂
      Anastasia comunque gemeva sempre, lui le diceva “buongiorno” e lei lì a gemere e a mordersi il labbro per non gemere ancor di più!

      Minus habens è colui che è semplice (che ha due neuroni neanche collegati tanto bene)

      Nove settimane era moltomolto più hot!

  • Non ho nè letto il libro nè vedrò il film….ma qualche settimana fa, uscendo da un multisala, una ragazza si è fatta fotografare dal fidanzato in posa accanto alla mega locandina di ‘sto film….
    No comment…

    • patriziavioli

      Eh sì, qualche povero fidanzato speranzoso di performance inusuali abbocca.
      Anche al cinema ce n’erano un paio (giovani) che alla fine si spanciavano. Magari erano meno fichi di Mr.Grey ma senz’altro più vivi e vivaci 🙂

  • ho letto il libro a non credo che riuscirò a vedere il film…bellissimo il tuo post ciao e buona serata

  • patriziavioli

    Ciao, grazie! Ti ho fatto risparmiare i soldi del biglietto 🙂