Vaffangufo

E’ il momento delle vecchie barzellette e quindi vorrei ricordarne una anch’io, quella per bambini… quella del gufo, guffetto, gufettino e gufettinino…se non la sapete non importa, non fa molto ridere. Però c’è un pezzo che è appunto “Vaffangufo!” che è proprio quello che mi è sgorgato dal cuore ieri mentre piangevo sui 33 euro (10 di biglietto + 1 di occhialini x3) buttati per vedere in 3D il film più brutto della mia vita.

Il regno di Ga’Hoole, una saga su una famiglia di gufi.

Dovevamo vedere Adele e l’enigma del Faraone ma non c’erano più posti, allora in extremis alla cassa abbiamo optato per i gufi. E siamo state punite.

Angoscia, sciagura, vomito. Niente di personale contro i gufi, ma questo film pieno di effetti speciali sul volo avrebbe addormentato anche gli attivisti della Lipu.

Anch’io all’inizio avevo deciso di chiudere le palpebre dietro agli occhialini del 3D, pensando: “tanto le mie figlie sono grandi quando sarà finito mi sveglieranno e spero di non russare“, ma poi i protagonisti mi irritavano troppo per riuscire a prendere sonno. Così siamo uscite prima della fine del primo tempo, anche se diluviava, c’era la bufera e tirava vento. Ma meglio la furia degli elementi che un minuto di più in mezzo a quei pennuti saccenti dagli occhi iniettati di sangue.

La storia, piena di citazioni di nomi improbabili di località mitologiche pseudo celtiche (l’autrice ne ha scritto 15 libri, quindi occhio!), era iper-noiosa: costruita sulla vicenda di due fratelli uno buono e uno cattivo che poi alla fine combatteranno tra di loro. Una saga del bene e del male con gufi che sputano il bolo (che sarebbe il rigurgito con cui gufi evacuano le schifezze mangiate, tipo pelo e ossa dei topi che si sono slurpati via ) e hanno come babysitter un serpente rosso. In 3D faceva paura a me, figuriamoci ai bambini piccoli che popolavano la sala. Scommetto che avranno incubi per almeno tre mesi!

16 comments

  • Ci hai salvato in extremis…

  • Hi Hi Hi, io Adele ce l’ho già, e l’abbiamo visto oggi pm, tutta la famiglia nel lettone mentre fuori diluviava 🙂
    Fangufo ai gufi !

  • A volte ti ‘becchi’ certi film da brivido…
    A me capita con la settimanale rassegna ‘Serate in forma di cinema’, con delle ‘pizze’ uniche.
    Ciao!

  • extramamma

    Silvia gc
    sono contenta: il blog serve a questo!
    DaniVS
    vuoi farmi morire di invidia: tre volte (in 2 cinema diversi) siamo rimbalzate con Adele!
    Cautelosa
    ma chi glieli dà a questi i soldi per ammorbare la gente???

  • Grazie al cielo il mio terrore irrazionale per gli uccelli mi ha salvato dalla visione di questo film! Comunque dai, guarda il lato positivo, ti puoi tenere gli occhialini e la prossima volta potrai risparmiare ben 1 € sul prezzo del biglietto!!!!! (sono dei ladri!!!!!!)

  • Dopo un post come questo benedico il fatto di vivere in un paesino dove l’evento dell’anno è la recita natalizia in dialetto….
    Se vuoi, ti procuro i biglietti per “I manezzi pe majâ na figgia”, magari ai bagarini trovo ancora qualcosina ;))))
    Ciao!

  • infatti….neanche a me ispirava tanto stò film qua.
    Noi siamo andati a veder “cattivissimo me” che ti consiglio caldamente. Fa sganasciare dal ridere anche i grandi!

  • Che orrore!! Meno male che i nostri sono ancora troppo piccoli per il cinema 😉

  • quotoTaomamma! 😉

  • siamo fuori dal giro, non vedo ora di ricominciare con la valle incantata.

  • Ciao, volevo dirti che ho letto il tuo libro è mi è piaciuto molto!
    Complimenti.
    Aspetto il prossimo!

  • extramamma

    Margot
    hai ragione siamo fortunate abbiamo almeno 9 paia di occhialini in casa, anzi quando vai a un 3D passa prima di qui!
    Taomamma
    magari…l’anno prossimo 😀
    Newmoon
    Hai i miei stessi gusti: “Cattivissimo me” è divertentissimo, l’ho visto!
    Murasaki &Silvietta
    buon per voi, ma quando piove piove e figli crescono bisogna stare attenti e non cadere in queste trappole!
    Agrimonia
    quello è bello!
    Sveva
    grazie! Sono molto contenta 🙂

  • Questo post non è molto incoraggiante. Ho promesso a mia suocera che venerdì andiamo a vederlo tutti insieme. Visto i tanti favori che mi fa posso mica dirle che non ci voglio andare? Se le farà schifo almeno non sarà colpa mia! Almeno mi risparmio il 3D visto che mi viene mal di testa.

  • Gloria
    mi dispiace averti dato una brutta notizia 🙁
    magari tu ami le storie fantasy più di me e lo sopporti un po’ meglio. Spero.

  • Ciao, mi chiamo Daniela e anche io per non essere risucchiata dalla routine della vita di mamma e casalinga mi sono avventurata sul web con un sito ed un blog. Mi sono inoltrata nel tuo sito perchè navigando ho scoperto il tuo libro, (che andrò a comprare al pià presto) e volevo sapere qualcosa di più.
    Scusa, ma non posso non commentare questo tuo post e allo stesso tempo non esserne divertita. In realtà la cosa mi riguarda da molto vicino. E già, perchè mio cognato è uno dei grafici che hanno animato questo film. Noi siamo stati a vederlo la scorsa settimana, tutta la famiglia riunita con grandissimo entusiasmo per vedere finalmente sul grande schermo il suo talento da grafico. La tua critica mi ha molto divertito perchè ho messo subito in parallelo le due situazioni, voi nauseati davanti al film e noi immersi nella storia e nelle immagini cercando di osservare al meglio ogni piccolo particolare. Alla fine abbiamo pure applaudito, soprattutto sui titoli di coda quando abbiamo letto il suo nome. Non ho avuto il piacere o il “dispiacere” di vederlo in 3D, perchè ho un bimbo di 4 anni e non mi sembrava il caso.
    Cmq anche se la storia in se non è un capolavoro, almeno lo abbiamo apprezzato dal punto di vista tecnico. Quegli uccelli sembravano veri!!! Quindi bravi a tutti coloro che ci hanno lavorato, almeno dal punto di vista grafico.
    Sicuramente farò leggere il tuo commento a mio cognato…dovrà pur sapere accettare qualche critica!!! AH, AH, AH!!!!
    Ciao Dany

  • extramamma

    Mammeinquarta
    Oh! Oh! Dai non farlo leggere a tuo cognato!
    Niente da dire sulla grafica, senz’altro un ottimo lavoro. Ed è giusto che voi ne siate orgogliosi. La mai critica era sulla trama e spero che tuo cognato non mi faccia le gomme!