I cuccioli non sono regali da mettere sotto l’albero

Le feste natalizie non sono divertenti per i nostri animali domestici.

La confusione di luci, colori e musica da godere in compagnia. Atmosfera bellissima per gli umani, un po’ meno per i nostri compagni di vita pelosi. Perché sia i cani che i gatti sono animali abitudinari e mentre noi apprezziamo nelle vacanze uno strappo alla routine, per loro è tutta un’altra esperienza.

Avere la tana… ooops la casa piena di estranei rumorosi e festaioli non rappresenta il massimo del divertimento.

Anzi. E poi c’è la questione dei regali, troppo spesso qualcuno pensa di avere l’ideona di donare un cucciolo, magari a un bambino. Ma questa iniziativa non va presa con leggerezza, E’ sempre importante decidere di prendere un animale in casa in un momento in cui ci sia tempo da dedicargli per farlo ambientare, quindi le vacanze di Natale vanno bene. Però adottare un cucciolo è una decisione importante che deve essere condivisa da tutta la famiglia e così pure l’impegno di crescerlo e gestirlo.

I numeri degli abbandoni sono impressionanti, in Italia ogni anno vengono lasciati per strada 50.000 cani e 80.000 gatti. Molti di questi animali vengono adottati, magari comprati. E poi come fossero oggetti perdono quello spirito di novità che li fa apprezzare dai proprietari e come fossero cose, poi lasciati al loro destino.

A Natale sono carini ma passati alcuni mesi di gestione, d’estate diventano un peso da scaricare prima delle vacanze!

Nonostante ora gli animali d’affezione vengano considerati, anche dalla legge, come membri di un nucleo familiare, le cifre relative alla negligenza e agli abbandoni sono ancora vergognosamente alte.

Per contrastrarle è necessario un atteggiamento rispettoso e consapevole che forse passa anche dalla decisione di non considerare mai e poi mai un cucciolo, di cane o di gatto, come un’idea graziosa e suggestiva da mettere in un cesto regalo sotto l’albero di Natale.

Un regalo per i nonni

Il nostro è un Paese per nonni. In Italia si fanno pochi bambini ma in famiglia ci sono tanti anziani in gamba pronti ad accudire i più piccoli. Finalmente un primato positivo con i numeri che confermano questa tendenza. Una recente statistica europea rileva che il 33% dei nonni italiani è attivo nella cura dei nipoti, contro il 2,95 in Svezia e un misero 1,6% in Danimarca.I nostri nonni sono preziosi. Nel cuore e nel portafoglio. Dei veri e propri ammortizzatori sociali: impagabili alleati delle famiglie, a costo zero.

L’aiuto dei nonni ha infatti un valore economico che si aggira intorno ai 18 miliardi di euro l’anno, pari all’1,2% del PIL. E anche se le coccole dovrebbero non avere prezzo, praticamente l’aiuto dei nonni innesca una spirale di economie positive, permettendo alle mamme di riprendere il lavoro e alle famiglie di risparmiare i costi di strutture private e baby-sitter, per un valore compreso tra i 496 milioni e gli 1,3 miliardi di euro. Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica il 30,6% ha un impegno attivo e intenso nell’accudimento dei nipoti, mentre il 42,6% si propone come nonno part-time.

E allora questi nonni così preziosi si meritano un bel regalo, qualcosa di prezioso non per il portafoglio ma per il cuore.

Si tratta di uno scrap book, un libro da costruire su souvenir e ricordi Nonna parlami di te e Nonno parlami di te, un albo da declinare al maschil e al femminile, da completare come un gioco assieme. Una storia tutta da scrivere e da comporre e sono proprio i nonni a creare il racconto rispondendo a tante domande dei nipoti: che cosa sognavi di diventare da grande? Com’erano i tuoi genitori e i tuoi nonni? Quali erano i tuoi giochi preferiti? Dove e quando hai conosciuto il nonno/la nonna? Quali sono le più belle esperienze che avete vissuto insieme?

Il libro è suddiviso in capitoli – accompagnati da testi, illustrazioni e da immagini evocative della storia e cultura italiana – che attraversano tutte le fasi della vita degli autori-nonni: dall’infanzia, agli anni della scuola, al matrimonio, passando per la vita professionale e gli interessi. C’è spazio anche per annotare ricette di famiglia tramandate in generazioni e altri aneddoti che sono preziosi perché unici per ognuno di noi, ma anche per disegnare e attaccare foto.

Un regalo che diventa anche un gioco da fare tutti insieme in famiglia.

A Trento per il mercatino di Natale

(I comunicati stampa e le foto sul Natale hanno iniziato già ad arrivare a settembre, ma ho tenuto duro… adesso però che mancano una decina di giorni all’apertura di questo Mercatino è arrivato il momento di parlarne)

Il Mercatino di Natale di Trento è giunto alla sua 25ª edizione. Un successo che trova conferma nei 750.000 visitatori che ogni anno giungono in città nel periodo natalizio. Dal 24 novembre 2018 al 6 gennaio 2019, le storiche piazza Fiera e piazza Battisti ospitano oltre 90 casette di legno dove trovare il meglio dell’artigianato alpino e della tradizionale enogastronomia locale. Ma la “Città del Natale”, come viene definita Trento, ha molto altro da offrire: eventi, attrazioni per famiglie e bambini, arte, storia e cultura.

Le luci e gli addobbi allestiti nel centro cittadino accompagnano grandi e piccini in un’atmosfera unica, la musica dei concerti itineranti, mentre un trenino porta i visitatori a scoprire la città. E poi il grande albero illuminato e la casa dove Babbo Natale incontra i bambini e distribuisce i suoi doni!

Nel Mercatino numerosi sono gli angoli dedicati al cibo, dove ricaricare le energie con i tipici dolci trentini, come strudel, torta sbrisolona e zelten, o riscaldarsi con il classico vin brulè.

Una caratteristica importante del Mercatino è l’attenzione all’ecologia e alla sostenibilità. Infatti durante l’evento vengono promossi cibi regionali, stagionali con ingredienti biologici a km 0, utilizzo di stoviglie lavabili o compostabili, raccolta differenziata ed efficienza energetica, tanto che il Mercatino ha ricevuto la certificazione «100% energia pulita Dolomiti Energia». L’energia elettrica infatti è interamente prodotta da fonte rinnovabile, generata dalle centrali idroelettriche delle Dolomiti.

La cura verso l’ambiente si traduce anche nella possibilità di una mobilità sostenibile. Raggiungere Trento in treno è comodo e veloce grazie ai numerosi collegamenti diretti, la stazione ferroviaria dista dal centro storico appena 5 minuti a piedi.

Durante il periodo natalizio inoltre Trento organizza un ricco programma di eventi e tante attività educative divertenti da vivere in città. Per chi si sente un po’ come il Grinch e dopo un’overdose di spirito natalizio comincia a sentirsi un po’ a disagio ci sono altre interessanti attività.

Da non perdere l’innovativo e famoso Museo delle Scienze dove sono sempre organizzati eventi per ogni età. Da non sottovalutare anche l’aspetto storico di Trento. La città porta ancora le tracce del periodo romano, visibili ad esempio nello spazio archeologico sotterraneo in piazza Cesare Battisti e nella Basilica Paleocristiana, rari esempi di urbanistica romana in un allestimento affascinante e suggestivo.
Poi il Castello del Buonconsiglio vale senz’altro una visita, così pure la famosa villa-fortezza cinquecentesca di Palazzo delle Albere.

Il mercatino green di Milano

Io sono bio 🙂

Quindi domani e/o dopodomani non posso perdere l’occasione di andare a curiosare al  Green Christmas, presso il suggestivo sito di archeologia industriale della Fonderia Napoleonica Eugenia, nel cuore del vecchio quartiere Isola (diventato il più di moda della città a due passi dalla piazzetta Gae Aulenti ma con un’aria parigina molto boho-chic).

Una location perfetta per un evento interamente sostenibile col richiamo alla bellezza e ai gesti antichi della sua storia centenaria di fusioni artistiche, nella Fonderia infatti sono state plasmate campane come quella di San Marco a Venezia o i portoni del Duomo.

A passeggio tra gli stand nella fabbrica settecentesca si trovano proposte eco-fashion adatte a tutte le tasche: abiti e accessori selezionati col criterio della sostenibilità e per gli standard di qualità, con riutilizzo di materiali di recupero o valorizzazione di tecniche artigianali.

Fibre organiche, tinture vegetali, creazioni che esplorano l’anima green della moda per una scelta più consapevole e più rispettosa nei confronti della natura.

E ancora linee cosmetiche bio, composte da selezionati ingredienti naturali: così capelli, viso e corpo sono più belli e anche la natura ringrazia.

Due sono le novità che Green Christmas propone quest’anno: la prima è dedicata all’Africa. I visitatori potranno sostenere attivamente un’iniziativa sociale legata al Senegal: all’ingresso del mercatino sarà possibile comprare al prezzo simbolico di 1 euro un biglietto della lotteria “afro-green” che devolverà il suo intero ricavato all’Associazione “Hair Kitchen 4 Women”, un progetto nato per aiutare le donne senegalesi facendole lavorare la terra coltivando erbe e spezie. Prodotti utilizzati nella cosmesi naturale e nella tintura delle stoffe che le stesse donne poi realizzeranno.

La seconda novità è che una “cellula tematica” del mercatino green sarà allestita in una seconda location di archeologia industriale del quartiere Isola, una vecchia officina in via della Pergola 15, a pochi minuti di cammino dalla Fonderia Napoleonica.

Si tratta di uno spazio industriale già adibito ad accademia di capoeira di Angola che si trasformerà nell’esposizione etnica di Green Christmas: artigiani stranieri e italiani appassionati di luoghi esotici allestiranno i propri stand esponendo turbanti, ceste colorate, stoffe variopinte batik, oggetti intagliati nel legno o nell’argilla, gioielli fatti a mano.

 

La religione Gattolica

Come sapete sono mussulcana, ma aperta a nuovi orizzonti. Quindi quando ho scoperto questo libro mi sono incuriosita e divertita molto. L’ho aperto a caso e sono stata folgorata da questa verità:

(Va’ dove ti porta il gatto)

Il gatto ti porta dove vuoi andare tu. Ma guida lui. Lo fa così bene che ti porta al centro di te stesso.

Essenziale e profonda. Riassume la differenza fondamentale fra la relazioni umano-gatto e umano-cane. Il cane è un gregario affettuoso e fedele, il gatto un leader.

Quindi per aderire alla religione Gattolica ci vuole coraggio, umiltà e grande spiritualità. E questo delizioso manifesto di amore per i felini approfondisce e spiega bene tutti gli aspetti della complessa e sfaccettata appartenenza.

Daniela Maddalena sostiene, a ragione, che questa sia la religione più diffusa al mondo: quella che unisce fedeli da ogni parte del globo. I gattolici magari sono perfetti estranei, parlano idiomi diversi, ma quando si incontrano trovano subito un punto di intesa parlando dei loro gatti, mostrando foto, condividendo gesta eroiche e raccontando aneddoti.

Con grande ironia, in un stile iperbolico e surrreale, l’autrice affronta i testi sacri: i Vanpeli, l’Apogatisse, la Sacra Sabbia e via così.

Ma si abbassa anche a temi più prosaici, descrivendo ad esempio il più grande nemico dei gatti: il mostro aspirapolvere, rumoroso, schizzinoso e ingombrante. Inventato dagli agattici (gli atei secondo la Gattolica) per acchiappare i peli vagabondi sul pavimento ma soprattutto per terrorizzare e dar fastidio.

E poi spiega che quelle signore, volgarmente chiamate gattare non sono altro che:

…sacerdotesse che hanno il compito di proteggere i gatti senza casa e senza gattolici. Costruiscono i ripari per i gatti sans papier e li sostengono in tutte le loro necessità.

Ma in questo libro c’è anche molto altro: alcuni capitoli sono dedicati a gatti storici, come lo Stregatto, Garfield, Silvestro, Felix, il Gatto con gli stivali, insomma un excursus completo su tutte le grandi personalità gattiche del passato. Poi l’autrice è una musicista e ha arricchito il testo con alcuni spartiti, per aiutare il lettore a suonare, brani come Morgana Polpetta e Croquette Monsieur.

La religione Gattolica è una potentissima arma di conversione da regalare ai non adepti (gli agattici), agli adepti per farli commuovere e gioire, e anche ai più piccoli per divertirli e crescerli sani e felici nella fede Gattolica.

Shopping natalizio online

Ero in ritardo: ho suonato e mi sono infilata velocemente oltre il cancello, peccato che la seconda porta non si aprisse. Per una botta di sfortuna sono rimasta prigioniera tra le inferriate del cancello e la vetrata, purtroppo chiusa.

Come in gabbia, osservavo la gente che passava veloce e indaffarata nella via, sperando che qualcuno mi guardasse o magari dovesse entrare nello stesso palazzo. Purtroppo tutti si facevano i fatti loro e tiravano dritto.

E rimanevo lì in ostaggio tra le due porte.

Allora mi sono sbracciata e ho chiesto aiuto a un tizio che passava finalmente vicino alla mia gabbia.

“Scusi signore, sono rimasta incastrata qui, può suonare gentilmente il campanello? Quello con scritto Ebay”

“Ebay?”, sembrava contento, gli pareva una mossa cool e ha sorriso: “Certo! Devo anche dire chi è?”

“Grazie, ma non importa!”

Il click del citofono mi ha liberato, sono corsa su per le scale per iniziare l’avventura del mio shopping natalizio online.

Ero stata invitata insieme ad alcune altre mamme blogger a sperimentare gli acquisti natalizi online utilizzando Ebay.

Devo ammettere che partivo da lontano, lontanissimo: ero rimasta a quando su Ebay si compravano/vendevano oggetti usati. Quindi sono stata aggiornata sul nuovo stato dell’arte e su come questa piattaforma sia diventata uno strumento comodo e indipensabile per combattere lo stress da regalo di Natale.

ebay

Sì, perchè si inzia piene di buone intenzioni, alla ricerca del regalo perfetto, il regalo pensato, il regalo speciale e poi si finisce isterici a sgomitare in un centro commmerciale affollato, a combattere e porconare già nel parcheggio. E il conto alla rovescia verso il giorno di Natale può diventare una frustrante lotta contro il tempo.

Come evitare tutto ciò?

Basta un colpo di click e si acquista online: provare per credere. Infatti ce l’ho fatta anch’io, anche se avevo dimenticato la password (odio le password e voi?) sia di Ebay che di paypal. E nonostante tutto in meno di cinque minuti sono riuscita a fare ben due regali alle mie figlie. Due regali a chilometro zero anche se me li hanno venduti da Londra. Ma nella velocità non ho tralasciato la convenienza, nella ricerca ho filtrato la mia scelta tra i venditori più fidati, quelli che consegnavano gratis e mi sono assicurata della clausola soddisfatta o rimborsata.

E’ andato tutto liscio e i regali dovrebbero arrivare domani.

Ho appurato che su Ebay si può acquistare veramente di tutto: dalla sabbietta per il gatto ai sex toys e non pensiate che questi due articoli non siano correlati, infatti ho scoperto che fra l’utilizzo delle due cose c’è un nesso molto stretto.

Un’interessante novità anche per me che, da sempre come sapete, preferisco i cani!

Pranzo di Natale: menù di pesce

chef
Se ancora avete qualche dubbio sui doni di Natale, quest’anno va moltissimo regalare, soprattutto agli amati, ma anche ai meno amati, un bel corso di cucina. Con la passione contagiosa per l’arte della cucina, la febbre dei programmi TV sugli showcooking, la fama degli chef dilaga e quindi tutti vorrebbero emularli. O almeno ci provano.
Quindi quando mi hanno invitato a un corso culinario, dove si insegnava a preparare un pranzo di Natale con un menù di pesce, ho accettato con entusiasmo e curiosità.
Il menù prevedeva la preparazione di polpo arrosto su crema di patate e salsa verde, insalata di radicchio tardivo con cubotti di salmone al sesamo nero, calamari farciti con erbette di campo, ravioli di cavolo romanesco e vongole ai frutti di mare.
Tanto per cominciare il mio telefono si è scaricato quasi subito, quindi l’unica foto che sono riuscita a fare è quella qui sopra e per il resto lavorate di fantasia.
Nessuno mi ha prestato un caricabatterie o un telefono per fare altre foto, forse perchè sul pesce sono piuttosto preparata e poi soffro da sempre della sindrome della prima della classe e quindi ero antipatica, soprattutto quando alzavo la mano per dire:
“Scusi Chef! E’ vero che il polpo lo devo bollire con un tappo di sughero per renderlo più tenero?”
Oppure:
“Scusi Chef! Ma se le vongole non si aprono, è vero che le dobbiamo buttare?”
E ancora:
“Scusi Chef, cosa faccio con questo calamaro che continua a sputare inchiostro peggio di una penna Bic rotta?”
(Vero momento di panico, pensavo che solo le seppie avessero l’inchiostro e ho scoperto che i calamari sono in realtà dei calamai)
Quando facevo tutte queste domande, per ostentare la competenza, sentivo di non essere simpatica a tutti.
Però c’erano anche persone che si stavano antipatiche fra di loro.
Ho sentito un marito sibilare alla moglie:
“Siamo qui al corso, adesso smettila di rompere i co…”
Poi ci hanno servito da bere e ci siamo tutti rilassati un po’ di più. Anche quelli allergici all’aglio e anche chi odiava il cavolo.
Comunque mi sono concessa anche una piccola vendetta: c’era un marito pignolo di una signora molto truccata che ha criticato il mio battuto di moscardini. Secondo lui non era abbastanza sminuzzato e ha ripreso lui a tagliuzzare con un’espressione da esperto.
Ma l’ho aspettato al varco: ero posizionata vicino al lavandino e quando si è avvicinato per lavarsi le mani, con un sorriso ho aperto il rubinetto e gli ho detto: “Prego!”
L’acqua era caldissima e lui ha guaito di dolore.
(Il Natale non rende tutti più buoni)
Però è stata una bella serata e un corso di cucina è un regalo veramente divertente.

Mai più spose bambine

Schermata 2015-11-19 alle 16.21.43

 

Sono 37.000 ogni giorno nel mondo le bambine e adolescenti costrette a sposare, per doveri di famiglia, per interesse, uomini molti più anziani di loro. Per cercare di limitare e fermare questa barbarie, è stata lanciata Desideri all’asta, un’iniziativa di Amnesty International. E’ un’asta benefica su Ebay (online da ieri fino al 16 dicembre), che sostiene la campagna “Mai più spose bambine”.

I premi da aggiudicarsi sono divisi in quattro lotti, per partecipare e avere tutti i dettagli cliccate qui. Scoprirete come vincere un aperitivo con Claudio Santamaria, una lezione di basso con Saturnino, oppure la camicia di Ligabue o il giubbotto autografato di Fedez indossato nel video di 21. E ancora  due biglietti per assistere allo spettacolo Casa di bambola con Filippo Timi, in programma al Teatro Franco Parenti di Milano, con la possibilità di incontrare l’attore nel backstage. Per gli appassionati d’arte, infine, c’è l’opera La signora e il nano di Dario Fo, con autografo e dedica personalizzata. Ma in palio c’è anche tanto altro, per soddisfare ogni tipo di fan e passione.

Banner_Desideri all'asta

I fondi di queste vendite servono per sostenere la campagna “Mai più spose bambine”, contro i matrimoni precoci e forzati, per realizzare un cambiamento positivo nella vita di donne e bambine a cui vengono negati libertà, giustizia e diritti umani.

Secondo le stime del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, infatti, 13.5 milioni di ragazze ogni anno nel mondo sono costrette a sposarsi prima dei 18 anni, con uomini molto più vecchi di loro: bambine alle quali, viene rubata l’infanzia.
Isolate, tagliate fuori da famiglia, amicizie e anche da qualsiasi altra forma di sostegno, perdono la libertà e sono sottoposte a violenze e abusi.
Amnesty International Italia intende sensibilizzare l’opinione pubblica su questo fenomeno che si radica nella povertà, nella discriminazione e nell’arretratezza culturale. Vuole incrementare l’attenzione dei governi nei Paesi in cui è presente questa pratica, affinché sia bandita. Cercando anche di favorire l’avvio di indagini imparziali, tempestive ed esaurienti su ogni denuncia di violazione dei diritti umani.
Per fare in modo che questo obiettivo si concretizzi, guardate questo video.
Vi verrà da piangere, come a me, e allora cercherete a tutti costi di procurarvi quel famoso giubbotto di Fedez!

Babbo Natale esiste


Lo stress natalizio puó fare brutti scherzi. Ecco un esempio.
Qualche giorno fa a casa di una ultratredicenne che discute con la madre dei regali di Natale.
“Vorrei quella tuta xxx magari possiamo andare assieme a prenderla”
La mamma sgrana gli occhioni manifestando un’esagerata sorpresa.
“Ma no, non preoccuparti ci pensa Babbo Natale”
Questa volta è la ragazza a fissare la madre con stupore, ha due fratelli piú piccoli ma in quel momento non sono in casa, quindi perchè reagisce cosi? Un po’ le fa pena, è ancora sintonizata sui tempi passati poveretta, perció cerca di riportarla sulla terra delicatamente, farle capire che parla con una teen-ager.
“Penso che sia meglio se me la provo la tuta, andiamo domani?”
“Ma cosa dici? Babbo Natale conosce tutte le misure. Con gli elfi costruisce i regali e naturalmente fa anche tutti i vestiti!”
La ragazza è affranta, capisce che la madre è impazzita.
Oppure si fida talmente poco di lei da temere che spifferi la verità su Babbo Natale ai fratellini. Così per scongiurare spiate preferisce raccontare di un Babbo Natale stilista.
La ragazzina sorride imbarazzata: “Sí, mamma, come no!”
Il giorno dopo racconta tutto a scuola, scuotendo la testa.
E i compagni la capiscono. E’ un mal comune: avere un genitore in casa è sempre un problema!

P.S. Questa storia è verissima.
Conosco la sostenitrice dell’esistenza di Babbo Natale a oltranza, non si droga, non beve e non le è caduto un albero di Natale sulla testa, è solo XMas blues!
AUGURI A TUTTI!

Homemade

Questi due pupazzi fatti dalle ragazze, con le loro manine, sono stati i regali di Natale a me e Sant’.

Il più grande si chiama Frappo, il piccolo Jimmy. Ma la dimensione non conta, mi hanno detto.

Il mio infatti è Jimmy e non sono stata meno buona di Sant’…credo (???)

P.S. aggiornato Ringhiandoalmondo

Packaging strategico

Con le mani ancora imburrate dalla preparazione dei biscotti per Babbo Natale (quest’anno il vecchio panzone lo facciamo schiattare con il colesterolo alle stelle) sono pronta al mio packaging strategico. Chi ha i bambini piccoli ancora non l’ha sperimentato ma verso gli 7/8 anni, quando i dubbi serpeggiano, bisogna farsi astuti. Vale a dire particolare attenzione a come si incartano i regali, perchè i pargoli hanno già la loro bella memoria visiva e ci vuole niente a tradirsi.
Ho anche il problema di non ricordare dove ho nascosto i regali. In questa casa è il primo Natale: ho molti armadi a muro e ho infilato i regali un po’ a capocchia e quindi ritrovarli non è per niente facile. Nella vecchia casa avevo il mio solito angolo dove riponevo gli oggetti segreti. Adesso invece devo fare una caccia al tesoro e devo ammettere che è piuttosto snervante. Comunque quando li ritroverò saranno così impacchettati:
-regali da noi alle bimbe in carta normale già presente in casa o anche fornita dal negozio in cui sono stati acquistati. Riconoscibili da etichette normali.
-regali di Babbo Natale, rigorosamente in carta mai vista prima, senza brand. Comprata e nascosta accuratamente. Biglietti segreti scritti con la mano sinistra, altrimenti le bambine “sgamano” la calligrafia materna.
-regali che ci compriamo io e il Sant’uomo e facciamo finta che li abbia portati Babbo Natale. (Un anno non l’abbiamo fatto e le bambine hanno commentato: “In effetti quest’anno non siete stati poi così buonI”). Così adesso ci compriamo da soli un libro e poi la incartiamo con la carta segreta no-logo uguale agli altri regali del Panzone.
-regali che tre membri della famiglia fanno al quarto e possono essere confezionati come cavolo ci pare. Sono i più divertenti.

Anita oramai è troppo grande per credere a B.N. ma finge e inforna i biscotti canticchiando. Auguri a tutti e che il cenone via sia lieve!