In vacanza con i bambini

Visitare grandi città e paesi lontani è un’esperienza che arricchisce anche i più piccoli.  La collana “Curci Young”, specializzata in proposte musicali che diventano storie capaci di incantare i bambini, li invita al viaggio con albi illustrati dedicati alle più amate mete turistiche. Parigi, Lisbona, Bangkok o New York. E, per affrontare i momenti critici delle trasferte, filastrocche e attività che neutralizzano stanchezza e capricci.

Che spasso andare a zonzo nelle caotiche strade di Bangkok con Tuk-tux Express di Didier Lévy. Protagonista Tham-Boom, un autista di tuk-tuk, virtuoso del canto e degli improperi, che non si ferma davanti a nulla pur di soddisfare i suoi clienti. Questo albo è arricchito dalle splendide illustrazioni di Sébastien Mourrain, vincitore del prestigioso Premio Andersen 2017.

Hello, I am Lily! From New York City di Jaco e Stéphane Husar, illustrato da Myléne Rigaudie (con CD audio) è il libro giusto per conoscere i luoghi simbolo della Grande Mela – i grattacieli, l’Empire State Building, la Statua della libertà – e per imparare alcune frasi utili, in compagnia della piccola Lily e del suo bassotto. Della stessa serie: Hello, I am Charlie!  From London.

Oppure si può volare negli USA con I Bacon Brothers- Ritorno in America di Davide Cali, illustrato da Ronan Badel. È un divertente “on the road” con tre porcellini ex rockstar che, spinti da un lupo impresario, decidono di rimettere insieme la band e avventurarsi in una fantastica tournée che fa tappa nelle più importanti città americane.

Poi c’è Tram 28 di Davide Cali, illustrato da Magali Le Huche, un inno a Lisbona. È ispirato alla pittoresca vettura che sferragliando attraversa il centro della capitale portoghese e ha per protagonista il simpatico tranviere Amedeo. Quando c’è lui alla guida, tra i passeggeri regna il buonumore e si avverano i sogni degli innamorati. Intanto dal finestrino si ammirano gli scorci più poetici della città.

I bambini si annoiano in auto e cominciano a frignare? Il libro Capricci e coccole spiega come risolvere il problema con filastrocche, giochi e attività semplici da realizzare. Fa parte della collana “Una giornata in musica” ideata da due mamme esperte di musicaterapia.

Weekend low cost in Europa

Amo viaggiare ma odio sentirmi una turista ed essere trattata come tale. Se siete come me e in agosto preferite non far fuori tutte le vostre ferie, ma tenervi un po’ di giorni di vacanza da sfruttare per piccoli break durante l’anno, questo è il manuale che fa per voi. Una guida impareggiabile che elenca ben 46 mete in Europa da visitare senza spendere troppo, grazie ai consigli e ai trucchi di chi ci è già stato e vi aiuta ad evitare le trappole da turisti. Giuseppe Ortolano, l’autore di questo libro, un giornalista che si occupa di viaggi da tantissimo tempo, ha scoperto le strategie giuste per muoversi, gli hotel e i ristoranti più convenienti e anche le attrazioni turistiche che si possono visitare gratuitamente. La guida, molto facile da consultare, è arricchita da varie mappe e piccoli excursus storici sulla storia delle città da visitare. Poi, oltre alle mete turistiche europee più gettonate da noi italiani, regala preziosissime informazioni su come cavarsela nei costosi paesi scandinavi, nelle sconosciute terrre baltiche e anche nei misteriosi territori balcanici. Per chi abbia voglia di scarpinare ci sono tutte le informazioni per intraprendere i Cammino di Santiago, per chi invece sia patito delle terme, il posto migliore è Budapest e chi sogna la Norvegia low cost troverà indirizzi inediti per sfangarla anche in tempo di crisi. La buona notizia è che all’estero gli ostelli non sono solo per i ragazzi, a Londra i musei sono gratis e ci sono gli Easyhotel della compagnia aerea Easyjet, veramente a buon mercato. E molte altre dritte anche golose, su cosa e dove mangiare, per non farsi prendere in giro nei ristoranti troppo turistici e costosi. Insomma ci sono consigli utili per tutti, tantissime idee e proposte originali per viaggiatori esigenti, avventurosi e curiosi. Pronti a partire senza dover affrontare spese folli.