Il museo del mare a Genova

Nella gita a Genova della settimana scorsa abbiamo visitato, sempre al Porto Antico, anche questo bellissimo museo, interessante per grandi e piccoli, perfetto per i bambini dalle elementari in poi.
Completamente interattivo, riesce a coinvolgere e incantare anche un pubblico di adulti.
Si parla del mare a 360° e il primo protagonista importante è naturalmente, il navigatore orgoglio dei genovesi: Cristoforo Colombo di cui si possono ripercorrere le avventure e le rotte di navigazione. Poi si scopre che la Santa Maria non era una caravella, ma una caracca, quindi più grande. E quindi usata come nave ammiraglia nella famosa spedizione del 1492.
GMM Sala Globi Clerici PH Merlofotografia 120327-4759_HDR
Poi siamo saliti sulla riproduzione di una galea, bellissima tutta in legno.
GMM ph-merlofotografia 120711-1246
Qui ci è stato spiegato come veniva diviso l’equipaggio, ovvero la forza lavoro: schiavi, i forzati e buonavoglia. Per gli schiavi non c’è bisogno di spiegazione, i forzati erano i galeotti, e i buonavoglia invece quelli che non avevavo nulla da perdere e si imbarcavano in cerca di sistemazione e di fortuna. A bordo, per comodità dei comandanti, si distinguevano solo dai capelli: gli schiavi erano rasati, i forzati con un ciuffo centrale come i mohicani (e i ragazzi di oggi) e i buonvoglia invece potevano tenere i capelli lunghi e farsi anche una codina.
Il mio percorso preferito è stata la mostra Mare Mostrum, così intitolata perchè ripercorre l’immaginario del mare fra mito e paura. L’uomo è sempre stato affascinato e al tempo stesso spaventato dalla vastità degli abissi. Perciò sono nate le leggende sui mostri marini. Bestie orrende come i serpenti, i calamari giganti, i kraken e le sirene. Queste ultime doppiamente pericolose perchè anche donne provocanti!
Molte di queste zoccole di mare perennemente in topless sono state, presumibilmente, responsabili di disgrazie e annegamenti.

Nell’immaginario dei naviganti, le navi affondate prendono vita e possono avere un’anima, spesso dannata. Le polene (sirene) sono la personificazione di queste creature che solcano gli oceani con il loro carico di spettri. E anche la parola zombie, oggi tanto abusata, proviene dalla storia horror del mare. Così erano stati denominati infatti i fantasmi degli schiavi annegati nelle tempeste, che tornavano a galla per chiedere (secondo me giustamente) vendetta.

Per rendere più vivace l’itinerario dei visitatori è stato anche possibile salire su una scialuppa per cercare di salvarsi mentre la nave affondava e bisognava remare e remare per solcare le onde nel mare in tempesta. Ovviamente non nella baia di Chiavari ma in mezzo all’Oceano Pacifico.

Abbiamo remato e remato, rollato e urlato. Per rendere più realistico il nostro dramma arrivavano anche spruzzi d’acqua che ci innaffiavano. Una collega spaventata, inchiodata ai remi accanto a me, ha commentato:

“Cavolo! Mi ero appena fatta la piega un’ora fa!

In risposta ho sorriso, coraggiosa, senza dirle che con la mia stiratura permanente all’agave, anche le onde del mare forza 12 non mi turbavano.

Ma la storia del mare mostruoso non è uno scherzo, le tragedie del mare esistono e la mostra prosegue su un binario più moderno, con la cronaca delle migrazioni.

Quelle dei nostri giorni, sui barconi carichi di profughi, e infatti il museo è riuscito a farsi dare una vera scialuppa degli sbarchi di Lampedusa. Tragica testimonianza della nostra attualità più recente.
111117 memorie e migrazione ph merlofotografia-3832
Poi si ricordano anche le migrazioni italiane verso le Americhe nel secolo scorso.

Qui, con l’aiuto di filmati e riproduzioni d’epoca, è stato ricostruito sia l’ambiente dell’ufficio immigrazioni del porto di Genova, sia l’interno di una nave carica di emigranti.

Ai visitatori del museo, viene addirittura fornita una “vera” carta d’imbarco e un passaporto in stile vintage che viene verificato dall’ufficiale dell’ufficio immigrazioni. E ciascuno interpreta un passeggero realmente esistito, grazie a un archivio con le storie, basate su lettere e documenti di molti immigrati. Personaggi illustri come Eleonora Duse ma anche gente semplice e povera che provava a rifarsi una vita dall’altra parte del mondo.

Poi c’è anche la possibilità di consultare un database per chi vuole trovare le generalità di qualche avo immigrato tanto tempo fa. Il famoso zio d’America che in questi tempi magri può venire sempre utile.
111115 memoriemigrazione ph merlofotografia -7672
Infine per i più guerrafondai c’è la possibilità di visitare il sommergibile Nazario Sauro, della Marina Militare, conservato in perfette condizioni e “parcheggiato” nelle acque del porto fuori dal museo.
100604 GMM Sommergibili Nazario Sauro Interni (61)
(tutte le foto ©Merlofotografia)

I nuovi cuccioli all’Acquario di Genova

Un po’ di mommy blues nelle acque azzurrissime dell’Acquario di Genova. Me l’hanno raccontato ieri nella gita che ho fatto, insieme ad altri giornalisti e blogger, invitati dalla Costa Endutaiment, per visitare le attrazioni turistiche del Porto Antico.
Infatti nell’ultima ondata di nascite nell’Acquario, un lamantino venuto alla luce il 10 settembre scorso e un baby delfino, nato il 20 agosto scorso, per le madri non è scattata tout court la scintilla dell’istinto materno. E così per l’allattamento dei neonati sono dovuti intervenire gli umani.

Merlatofotografia ©

Merlatofotografia ©

Nonostante l’importanza del suo bebé, (i lamantini cuccioli sono solo 5 in Europa e questo è l’unico in Italia) la madre non voleva alzare l’ascella per allattarlo (proprio lì si trova la tetta) così, come mi ha spiegato Claudia Gili, veterinario e direttore scientifico dell’Acquario di Genova, il “piccolo” è stato sfamato con otto biberon al giorno di latte speciale per erbivori. Dalla scorsa settimana però la madre lamantina ha accettato la sua maternità e deciso di impegnarsi e ha lasciato che il pargolo succhiasse autonomamente il latte (senza paura di rovinarsi l’ascella!).
Anche la madre delfina non ne voleva sapere di allattare il suo cucciolo, e pure nel suo caso c’è stato bisogno “dell’aggiunta”. Infatti solo da pochi giorni ha deciso che poteva farcela a svezzare il baby delfino da sola.
Una madre invece molto più autonoma, sempre nella nursery dell’Acquario, è la madre dello squalo zebra, anche questa è una specie protetta e per farlo nascere è stato richiesto un uovo da Chicago, (infatti tutti i grandi acquari del mondo che difendono la rappresentazione della biodiversità acquatica sono in contatto per lavorare in sinergia) che ha dato poi origine a un simpatico baby squalo zebra. Le madri di questa specie sono molto molto avanti nell’arte della riproduzione. Infatti fanno nascere solo cuccioli femmine, praticamente loro cloni. Così si risolve da subito il problema della conflittualità madre-figlia.
acqu0
Un’altra novità che ho avuto il piacere di scoprire all’Acquario sono state le nuove quattro vasche all’aperto nel padiglione delfini, dove abbiamo potuto assistere ai giochi e ai salti nello spettacolo all’aperto mentre, all’interno l’addestratrice ci ha mostrato come interagisce con loro. Ed è incredibile quanta comunicazione ed empatia si possa creare. Anche perchè i delfini sono molto golosi e tutto il processo di addestramento si basa sulla gratificazione.

Merlatofotografia ©

Poi abbiamo ammirato le foche, le razze (con le quali i bambini possono anche avere un’esperienza tattile), i pesci tropicali coloratissimi, i pinguini, delle incredibili stelle marine che vivono solo in Antartide.
La notizia dela settimana è che dal 30 ottobre al 1 novembre per festeggiare Halloween, tutti i bambini mascherati, accompagnati almeno da un adulto, potranno entrare gratuitamente all’Acquario. Qui tutte le info su biglietti e promozioni.

Festival del teatro per bambini e ragazzi a Mantova

Dai 18 mesi ai 18 anni: questa è l’ampia fascia di età  degli spettacoli e i laboratori teatrali della decima edizione del Festival teatrale internazionale che si svolgerà a Mantova, dal 28 ottobre al 1 novembre prossimo,  Manifestazione organizzata dall’associazione Segni d’infanzia e oltre. Tutta la città si mobiliterà per ospitare attività teatrali, improvvisazioni musicali, danza, lettura e molto altro, senza limite alla fantasia e alla creatività.  Gli ospiti sono artisti e intellettuali da tutto il mondo: il teatrino rotante della marionettista danese SOFIE KROG; lo spettacolo Dot dei MADUIXA da Valencia, dove teatro, danza e nuove tecnologie si combinano insieme, dando origine ad un incontro magico che rende tutto possibile; l’avventura dei fratelli Montgolfier, rappresentata in un vero pallone aerostatico dai catalani FARRES BROTHER. Da Ginevra la compagnia LE COCKPIT incanta bambini poco più che neonati, Tel Quel, con la coreografia di Thomas LeBrun  parla a un pubblico di adolescenti. Storie e ricordi di famiglia per i portoghesi COMPANHIA CAÒTICA e per i francesi COMPAGNIE SÉMAPHORE. Numerosissime le proposte da compagnie provenienti da tutta Italia: dalla Puglia i KOREJA e PRINCIPIO ATTIVO, dall’Emilia-Romagna ACCADEMIA PERDUTA e TEATRO GIOCO VITA, il TEATRO BIONDO di Palermo, la compagnia romana OUT, TEATRODISTINTO da Alessandria e, per finire, i lombardi TEATRO ALL’IMPROVVISO, TEATRO TELAIO e TEATRO PROVA. Insomma una kermesse interessante e variegata come il famoso Fringe Festival di Edinburgo per gli adulti, ma in questo caso in taglia junior. Poi Mantova è bellissima e magica. Chi vuole festeggiare un halloween veramente speciale può concedersi una gita divertente e senz’altro indimenticabile. E ai bambini, lo dico per esperienza, il teatro piace, perchè è coinvolgente, colorato e interattivo.

(Photo di Lorenzo Daverio)

Come trovare ovunque un ristorante family friendly

Quando le mie figlie erano piccole alla fine si finiva sempre in pizzeria, anche se le bambine non amavano particolarmente la pizza, non per masochismo ma per comodità.
Infatti erano i locali più family friendly, con i proprietari disponibili a fare anche una pasta al sugo, a sganciare un seggiolone, a chiudere un occhio se qualcuno faceva i capricci e rovesciava qualcosa.
Ora che ci sono gli smartphone e i tablet touch la famiglie che escono a cena sono molto aumentate, perchè i più piccoli vengono anestetizzati davanti a un video e tutti possono mangiare e bere tranquilli. Anche in posti eleganti.
Poi se i pargoli cresceranno un po’ rintronati ci si penserà al momento opportuno.
Però per chi vuole ancora farlo alla vecchia maniera e cioè trovare ristoranti dove i piccolissimi clienti possono sentirsi a loro agio, mangiare cibi adatti, essere seduti comodi, intrattenuti magari da un animatore o anche solo dal fai-da-te di fogli da colorare e pastelli, c’è un nuovo servizio on line che aiuta a cercare e prenotare ristoranti family friendly quasi in qualsiasi parte del mondo.
Basta andare su questo sito per trovare il ristorante a misura di famiglia in Italia, Belgio, Portogallo Svezia, Turchia e Brasile. Mentre in Francia e in Svizzera diventa www.lafourchette.com, in Spagna www.eltenedor.com, in Olanda si chiama www.iens.nl, in Portogallo e Brasile www.besttables.com e in Australia basta digitare www.dimmi.com.au.
Quindi niente panico perchè una pasta in bianco o un hamburger con patatine si troveranno sempre.

 

Made in Chelsea

Quando pensiamo alla TV inglese, proviamo una certa ammirazione: ci vengono in mente i documentari della BBC, la serie Sherlock, le puntate di Downton Abbey e poi le storiche soap come The Eastenders e Coronotion Street, ottimi esempi di tv popolare. Ma è arrivato il momento di allargare la mente e avere il coraggio di guardare oltre. Di affrontare anche il trash.
Parlando con un’amica londinese, mi complimentavo per la trasformazione in meglio della città che mi sembrava includesse anche l’atteggiamento e il comportamento delle persone.
Lei mi ha guardato un po’ perplessa e mi ha detto:
“Ma abbiamo Made in Chelsea
Una risposta sibillina che ho cercato di capire meglio.
Ho acceso la tv e ho affrontato questo reality, interpretato da un gruppo di venti-trentenni londinesi straricchi che vivono in una delle zone più esclusive della città.
Devo confessare che non sono un’esperta di reality, ho visto solo qualche puntata della prima edizione de Il grande fratello, nel 2000 mentre allattavo Emma. Quello in cui c’era il povero Taricone, Marina la gattamorta e altri di cui non ricordo il nome. Mi sono persa tutte le Fattorie, le Isole dei famosi però avevo visto un po’ di puntate, credo su MTV, sulla vita in famiglia di Ozzy Osbourne, che era trashissimo e mi aveva divertito molto.
Però di Made in Chelsea, mi ha colpito subito per l’horror vacui. Non c’è una storia, non c’è recitazione, non c’è dramma, non c’è sesso, non c’è nulla. Però c’è pubblicità perchè la vita di questi “rampolli” trascorre in bar, ristoranti, hotel, boutique alla moda e quando entrano in un locale compare la scritta sullo schermo.
Il gruppo è composto da ragazzi e ragazze che intrecciano compulsivamente relazioni tra loro e infatti le conversazioni sono invariabilmente così:
(tra ragazze)
“Sai che cosa è uscita con coso?”
“No!”
“Invece si mi avava detto che non l’avrebbe mai fatto”
“Mmmmm” (sguardo nel vuoto)
“Invece sì!”

(tra ragazzi)
“Come è andata a Parigi con cosa?”
“Mmmm”, sorrisino e pausa per bere un sorso dal drink a portata di mano.
“Ma coso lo sa?”
“Aveva detto che …ehi mate!”, arriva un altro amico e la chiacchierata finisce così con un brindisi a tre.

(tra ragazzi e ragazze)
“Basta dire bugie”
“Non dico bugie”
“Allora non vuoi più stare con me?”
“Non è vero!”
“Cosa?”
“Mmmm”

Non sono cattiva e non esagero: è proprio così, le conversazioni si troncano sempre senza alcuna logica. Cambiano scena e ciao. Ma piace moltissimo.
E’ in onda dal 2011 e sono già arrivati alla nona serie, perchè ci sono stati vari spin-off (Made in Chelsea- LA; New York, Dubai, Las Vegas e forse altri)
Uno dei protagonisti è l’erede di Mc Vitie’s l’azienda dei biscotti Digestives che ora purtroppo non riesco più a mangiare.

London low cost

Londra è stupenda ma carissima, il cambio euro-sterlina ci penalizza, così mentre siamo state in vacanza per cavarcela senza spendere un capitale abbiamo imparato molti trucchi per sfangarla on a budget.
Oggi mi sento buona e voglio dividerne alcuni con voi.

I giornali, le notizie tutti le leggono in rete ma, per deformazione professionale sono ancora affezionata anche alle copie cartacee e quindi via di free press (che oramai è quasi meglio di quella a pagamanto). Viaggiando in metropolitana c’erano due edizioni al giorno: Metro alla mattina, che non era male, ma niente in confronto all’Evening Standard che esce alle tre del pomeriggio, è letto da tutti i commuters e pieno di notizie fresche.
Fitness Oramai tutti i negozi sportivi più importanti, Nike, Reebok, Sweaty Betty, organizzano nelle loro sedi classi gratuite prima o dopo l’apertura. Quindi alle 9 del mattino e alle 7 di sera ci sono pilates, yoga, e altri corsi molto più cardio con nomi vari come full impact, combat, cross fit, ecc.
Poi ci sono i free trial day ai club sportivi, un giorno da passare in palestra, piscina o a fare classi per sperimentare il luogo. Ovviamente il fine di questi ingressi è l’iscrizione al club, ma noi ne abbiamo provati alcuni e l’insistenza degli istruttori è molto più blanda che da noi, dove continuano a tampinarti per mesi.
Cibo con una bella faccia tosta siemo entrate nel magico mondo degli assaggini: dai supermercati agli store più sofisticati tutti sono lieti di fare assaggiare i loro prodotti. Per esempio da Fortun&Mason si possono gustare cioccolate deliziose, da T2 dei te incredibili (poi alla fine si comprano anche perchè sono veramente imperdibili, tipo Jade Mountain che incredibilmente sa di Nutella). Poi per gustare un sushi meraviglioso take away a metà prezzo basta andare da Itzu dopo le otto e mezzo di sera.
Musei sono tutti gratis per le collezioni permanenti a pagamento ci sono solo le mostre temporanee.
trasporti conviene se possibile prendere gli autobus piuttosto che la metropolitana. Il biglietto di una corsa è £1.90 in confronto a £ 2.60. I bambini poi sotto gli undici anni viaggiano gratis.millenium
Noi avevano la fortuna di avere tre autobus comodissimi che facevano itinerari tattici proprio sotto casa.
In particolare amavamo il 24, un bus a due piani, che da Pimlico attraversava tutta Londra per arrivare fino a Hampstead Heath. La fermata era letteralmente davanti alla nostra porta di casa. Così una mattina siamo scese con il sacchetto del pattume in mano e l’intenzione di prendere il 24. Appena uscite abbiamo visto che ci passava davanti e, probabilmente con un gesto italiano molto eloquente, abbiamo mostrato il nostro disappunto.
La simpatica conducente, che mentre rallentava per fermarsi al semaforo, l’ha notato e ci ha fatto segno di affrettarci e saltare sul bus dalla parte posteriore aperta. Abbiamo obbedito al volo, senza pensare al nostro sacchetto dell’immondizia che abbiamo portato fino al cassonetto di Trafalgar Square, dove siamo scese.
E’ stato fichissimo buttare l’indifferenziata vicino al monumento dell’ammiraglio Nelson.

La magia delle patate blu

pimlico

In agosto siamo state a Londra, non ci tornavo da un sacco di tempo e l’ho trovata molto cambiata (in meglio). Se potessi tornerei a viverci domani!
Eravamo nella zona di Pimlico, si stava benissimo e tra le amenità del luogo c’era anche un simpatico farmers’ market, dove si potevano comprare, più o meno a KM zero, i prodotti degli agricoltori locali.
Tra le scoperte del nostro shopping ci sono state delle meravigliose patate blu, mai viste prima. Le ho comprate sulla fiducia, e anche perchè le cose bizzarre mi attirano sempre, e ho poi scoperto che oltre ad avere un colore magnifico sono un vero toccasana, ricche di antiossidanti, regalano benesere ed energia. Le abbiamo bollite e mangiate in insalata con una pesto di coriandolo e mandorle (anche questo comprato al mercatino dei contadini).

IMG_6549

E oltre a essere divertenti da mangiare, così gustose e aliene, le patate blu hanno compiuto su di me una magia: mi hanno convinto a provare a correre. Nonostante anni di yoga, nuoto, palestra, pilates, sulla corsa ho sempre avuto un’inibizione totale. Da piccola era una di quelle bambine sfigate che stavano ferme, non si arrampicavano sugli alberi, sui muretti, non saltavo i fossi… facevo la bella statuina. Ero una di quei bambini degli anni’60 in cui le madri dicevano: “Attenta che sudi!”
E quando ho avuto l’età per ribellarmi mi sono spuntate le tette, in quegli anni non c’erano ancora i reggiseni sportivi, e quindi per evitare di ballonzolare ho dimenticato ogni vellità di runner.
Poi sono passati gli anni, ma l’invidia per chi faceva jogging o semplicemente si concedeva una bella corsa fra i prati è rimasta.
Solo l’anno scorso ho avuto un breve momento di trasgressione quando, per non perdere l’autobus, ho fatto una volata e sono salita sul 9 atterrando direttamente fra le braccia di una signora sudamericana. Lei si è molto stupita ma fortunatamente mi ha accolto, evitando di rigettarmi in strada prima che l’autobus chiudesse le portiere e ripartisse. Insomma come aspirante runner non avevo un bel curriculum. Però… a Londra dopo aver mangiato le patate magiche mi sono fatta convincere da Emma a provare l’improponibile: a fare una corsetta nel parchetto vicino a casa.

Processed with Moldiv

Era un momento solenne, vincevo (provavo a vincere) una delle mie paure più antiche. Così prima di provarci abbiamo fatto una foto per immortalare la decisione.
Emma poi è stata un coach molto preparato e paziente, abbiamo cominciato respirando bene e facendo il giro del parco (foto sotto) pochi minuti alla volta. C’erano altre persone che correvano, bambini che giocavano, bebè in passeggino, ragazzi che facevano un pic nic. Ho cercato di non pensare a quello che avrebbero pensato vedendomi correre (male) e sono partita.
Non ho inciampato, non sono caduta, non ho collassato. Insomma è andata bene. Allenandomi per una settimana sono riuscita, un poco alla volta, a correre fino a quindici minuti. E ora continuo a correre anche a casa e sono contentissima…ho ancora un paio di paure ataviche da sconfiggere, devo solo procurarmi altre patate blu!

parco

Non ci sono più gli uccellini di una volta…

Quest’estate torrida fa uno strano effetto su tutti: umani e non.
I gabbiani stanno diventando più aggressivi come si legge sempre più spesso, e anch’io quand’ero al mare ne ho avuto prova.
Non ci sono più quegli eleganti gabbiani di una volta, quelli leggiadri ed eleganti come il celebre gabbiano Livingstone.
Adesso sono nervosi, prepotenti e ingordi.
Un giorno in spiaggia una signora aveva lasciato una merendina sul tavolino dell’ombrellone e quando si è allontanata un gabbiano è sceso in picchiata per rubarla. L’ha afferrata con il becco e poi l’ha scossa violentemente. Era confezionata in un sacchettino trasparente e non riusciva a mangiarla.
Ha cercato di aprirlo senza successo allora è volato su un muretto per fare il lavoro in pace. Ma la maledetta merendina era sigillata troppo bene (forse chiusa dallo stesso Banderas?) allora il gabbianone ha ripreso il volo, sempre con la merendina nel becco, volteggiato un po’ sopra il mare agitandola. Sperava che si aprissse e poi visto che non succedeva, visibilmente scocciato, l’ha lasciata cadere con stizza.
Sono stata fortunata perchè assistevo alla scena mentre ero in acqua e per un pelo non mi sono beccata la merendina in testa.

IMG_6155

Se i gabbiani sono violenti i piccioni certo non sono da meno.
Una sera mi sono concessa un bell’aperitivo ma un piccione ha deciso di rovinarmelo: si è appollaiato sul tavolino con la pretesa di dividere con noi noccioline, olive e patatine. Ho fatto un gesto per scacciarlo, ma lui non ha fatto una piega, anzi mi ha sfidato, cercando di mangiarsi la fragola che abbelliva il mio drink.
Era un brutto e sporco piccione francese: beige e nero, alquanto spennacchiato, con l’aria da duro e un’ ala un po’ monca. Cicatrici che testimoniavano la sua passione per l’happpy hour e il furto del cibo altrui. Ne doveva aver passate parecchie. Non aveva paura di niente. I miei gesti per scacciarlo certo non lo spaventavano minimamante.
Siamo venuti alle mani: ho dovuto dargli una spinta per farlo scendere dal tavolo. Ha perso l’equilibrio ma poi con un colpo d’ali ha cercato di risalire sul tavolo. Mentre starnazzavo per protestare con il cameriere, un signore, seduto del tavolino di fianco, l’ha colpito con una rivista patinata sul capino per convincerlo ad andarsene.
E solo allora il piccione ha finalmente deciso di cambiare bar.

Giro in bici- seconda parte

IMG_2111

Dopo il primo giorno di diffidenza ortunatamente la simbiosi con la bici è stata totale. Come fra il cavaliere e il suo fido destriero. Altrimenti non saremmo mai riuscite a rimanere insieme per sei lunghi giorni, a scorazzare sulle rive del Danubio, prendere traghetti per attraversarlo, scegliendo i lati migliori delle piste ciclabili, affrontare i lunghi ponti delle dighe. Col bello e il cattivo tempo.
Purtroppo è stato quasi sempre coperto, come si nota anche dalle foto, il cielo sopra di noi era nuvoloso. Ma visto l’andazzo metereologico generale, siamo stati anche abbastanza fortunati perchè non abbiamo mai beccato un vero acquazzone. Solo qualche pioggerellina e un po’ di vento. Così per temprare lo spirito. E poi consolarci, mangiando più strudel.
A proposito di cattivo tempo, una cosa un po’ triste sono stati i girasoli. Per la prima volta in vita mia ho incontrato campi di girasoli depressi. Infatti probabilmente dopo aver tentato invano di girarsi verso il sole, inesistente, i fiori guardavano mestamente in basso. Per terra, con tristezza. Avevano perso la speranza.
fotogirasoli
Ma se i girasoli erano malmostosi, gli uccelli invece erano in festa. Le rive del Danubio sono il paradiso del Bird watching, era pieno di casupole in legno per osservare meglio e nel cielo abbiamo visto volare anche le cicogne.
Ma per chi è curioso di provare una vacanza dal genere e ha ancora qualche dubbio, ecco una piccola serie di FAQ:
-E’ vero che pedalo troppo mi verrà male alle chiappe?
Purtroppo sì, per ovviare all’inconveniente ho comprato dei pantaloni da ciclista da Decathlon, erano imbottiti con una specie di pannolone per incontinenti ma non serviva a nulla. Solo a sentirsi più impacciati. Il secondo giorno l’ho tolto ed è stato quasi un sollievo. Forse esistono dei pantaloncini molto più costosi e comodi. Mi dispiace non averli comprati.
-E’ vero che non ci sono salite?
Quasi del tutto vero. I primi giorni si pedala nei boschi, lungo il fiume in pianura ma nel nostro itinerario, il quarto giorno, quando oramai ci sentivamo dei gran fichi del ciclismo, il programma prevedeva il passaggio attraverso la valle dei vini che prevedeva soste in deliziosi villaggi medievali. E come ben sappiamo nessuno ha mai costruito un delizioso villaggio medievale in pianura. Se non sono stati distrutti dai vari conquistatori, usurpatori, orde di barbari o vicini incarogniti è perchè potevano proteggersi su un altura e quindi, maledetti, sono in salita. Quella peggiore era del 14%, meno male che avevo imaprato a usare il cambio.
-E se è sempre brutto tempo, che faccio?
Oltre a imprecare, nelle varie guide e nei consigli di itinerario è previsto sempre un piano B. Tipo farsi la tappa in treno, anzichè in bici, in traghetto, ecc. Noi un giorno abbiamo preso un taxi furgone per scendere a valle da un albergo che si trovava in collina e devo dire che c’è stata la tentazione di farci portare direttamente alla tappa successiva comodi comodi. Avevamo già pensato di nasconderci in pasticceria fino all’ora del meeting con gli altri.

Da Passau a Vienna in bici- prima puntata

 

fotomappa
Quest’anno le vacanze sono state itineranti, abbiamo sfidato la sorte, il maltempo e anche la ciccia scegliendo di fare in bicicletta un percorso di circa 335 km, dalla città tedesca di Passau a Vienna. Pedalando dai 40 ai 60 km al giorno in pianura, seguendo le piste ciclabili in riva al Danubio (che purtroppo non è per niente blu, ma piuttosto di un colore verdastro un po’ deludente). Questa impresa epica l’abbiamo realizzata affidandoci a Girolibero che ci ha fornito l’itinerario, le bici a noleggio e ogni giorno si occupava di trasportare i nostri bagagli nell’hotel della destinazione successiva. Abbiamo attraversato vari villaggi, paesi e città come Linz e Krems.
Siamo arrivati a Passau in auto (6-7 ore di viaggio senza litigare un record), abbiamo dormito in albergo e capito che questo tipo di vacanza la potevano proprio fare tutti, infatti tra i compagni di avventura c’erano persone di ogni tipo. Coppie giovani, coppie anziane, coppie con bambini piccoli da mettere sul seggiolino e sul carrettino, coppie con cane da mettere sempre sul carrettino (meno nuovo di quello usato per i pargoli, comitive di ragazzi, famiglie con adolescenti, famiglie arcobaleno, giovani meno giovani, magri e meno magri. Fumatori e non.
fotoyeps
La mattina del primo giorno c’è stato il primo delicatissimo passaggio: la scelta della bici, la compagna fedele dei sei giorni di avventura on the road. Mentre per il resto della famiglia questo passaggio è stato facile, io ho avuto subito dei problemi. Mi avevano affibbiato una bici troppo alta. Ho fatto il primo giretto di prova attorno al capannone delle bici e ho quasi deciso che non sarei mai partita. La bici mi faceva paura!!!!
Alla fine dopo vari tentativi sono riuscita farmi dare una bici con il telaio più piccola e ho fatto abbassare completamente la sella. Sembravo una nana su una BMX, quando pedalavo avevo le ginocchia in bocca ma ero contenta: da ferma potevo mettere giù i piedi. Ho fatto un altro giretto di prova dietro al solito capannone e sono stata notata da due anziane signore cicliste tedesche. Guardandomi hanno scosso amaramente la testa,  poi mi hanno fermato dicendo con convinzione cose che non ho capito, condite da tanti “Nein! Nein!”
Ho risposto in inglese dicendo che la volevo bassa perchè altrimenti avevo paura.
Le signore hanno cercato di dissuadermi, continuando a scuotere la testa e a spiegarmi con altri “Nein” che pedalare così non andava bene. Non potevo.
Allora ho sorriso, ho ringraziato con un bel “Danke” e sono ripartita con la mia bici ridicolmente bassa.
Ma dopo 15 km, sulla prima pista ciclabile per uscire da Passau ho realizzato che le vecchie carampane avevano ragione. Avevo già un male alle gambe tremendo. Così ho alzato la sella e imparato a pedalare come una persona normale, tanto era tutta pianura.
E con la nuova bici si stava già instaurando un certo feeling!

Vacanze romane

colosseo

La settimana scorsa siamo andate a Roma.
Pochi giorni prima della partenza stavo organizzando insieme ad Anita l’itinerario delle nostre visite.
“Allora dove siamo noi?”
“In Via Giulio”
“Ma mamma!”
“??!?!?”
“Sarà Giulio Cesare!”, certo, era schifata perchè fa il liceo classico.
Turbata, mi informo meglio e scopro che invece è proprio solo Giulio.
Arriviamo a destinazione e come d’accordo appena uscita dalla metro, telefono alla padrona di casa per avvisare che siamo arrivate.
“Via Giulio 25”, mi precisano.
Così trasciniamo i trolley fino al 25 e invece del portone troviamo “Mamma pizza”.
Emana un profumino buonissimo, spacciano pizze al trancio che sono una favola.
Emma è contenta, dice che per lei va bene. Possiamo entrare lì, ingozzarci e poi vediamo.
Anita invece scalpita.
“Avrai capito male! Richiama!”
“Scusi il civico?”
“Venticinque”
Riproviamo, ma c’è sempre la pizzeria.
“Richiama!”
Non mi rispondono.
Allora andiamo al 23, al 20 e poi anche al 17.
Niente. Emma ha fame. Insiste per farsi un trancio. Anita invece perchè continui a telefonare.
Dopo un quarto d’ora scorgiamo una vecchietta che si agita in mezzo alla strada.
E’ il nostro contatto.
Giulio venticinque era solo il nome della strada.

roma

Dopo questo inghippo iniziale è andato tutto bene, abbiamo camminato un sacco. Visitato musei meravigliosi, visto la mostra di Frida Kahlo, ci siamo nutrite di pizza, supplì e soprattutto dei gelati fantastici di Fata Morgana.

bronzo

L’unico neo della vacanza è stato l’attacco di panico che ho avuto quando mi è venuto in mente di prendere un risciò a Villa Borghese. Vedendo una serie di famiglie felici che scorrazzavano avanti e indietro su e giù per le colline, ho pensato che fosse divertente fare altrettanto.
Quando è stato il momento di scegliere se prendere quello con la pedalata facilitata (con il motorino), da dura e pura del fitness ho deciso che avrei pedalato. Solo pedalato!
Infatti alla prima salita mi sono quasi messa a piangere.
Poi sono scesa a spingere.
Risalita ho litigato con il volante, che era finto. E disobbediente. Non girava come volevo.
Ho piantato un gran capriccio. Detto che avevo paura e mi sono fatta lasciare in un panchina.
Ho rinnegato gli anni di esperienza come pilota di risciò a Rimini e Riccione.
Che vergogna!
Le mie figlie hanno cercato di non ridere, sono partite felici. E tornate a riprendermi un’ora dopo.
Mentre ero seduta ad aspettare, smanettavo nervosamente su Instagram e rimpiangevo i momenti in cui i capricci li facevano loro.

pincio

gianicolo

Comunicazione efficace


Sono tappata in casa con la febbre, il mal di gola e la tosse.
Sant’ mi ha guardato e commentato: “Come sei abbronzata di solito quelli che tossiscono come te sono bianchi!”
Gli ho lanciato un’occhiataccia e tra una tachipirina e l’altra ho ripensato alla mia vacanza (sono sicura di aver acchiappato un virus in aereo, luoghi malsani pieni di aria riciclata!) e al mio massimo momento di gloria comunicativa.
Di solito quando vado in vacanza cerco di parlare, se possibile, la lingua del luogo.
In Francia faccio le mie belle figuracce e in Inghilterra me la cavo abbastanza bene, ma in Grecia ero consapevole del mio handicap linguistico e, a parte l’aiuto di Anita che ha fatto un anno di greco antico al ginnasio e quindi mi aiutava a decifrare l’alfabeto e qualche parola, dovevo parlare in inglese.
In greco so solamente: kalispera-buongiorno, kalimera-buonasera, kalinichta-buonanotte, efharisto-grazie, parakalo-prego e tessera (che non so se si scrive così ma vuol dire quattro). Quindi ero un po’ frustrata nella comunicazione. Poi un giorno in spiaggia mi si sono sbloccati due neuroni arruginiti da tempo, mentre prendevo il sole mi è venuto in mente, così all’aimprovviso come si dice “Belli capelli”.
Ma certo! Orea Malia! Il famoso parrucchiere di Bologna che faceva tagli punk negli anni’80. E tutti si chiedevano: ma che caspita di nome è mai?
Entusiasta, ho condiviso la nuova parola con i miei cari che mi hanno guardato con compassione. Stolti.
Due giorni dopo, la moglie del figlio del proprietario del nostro albergo è andata dal parrucchiere. Taglio e colore.
La mia occasione. L’ho incrociata sulle scale e sorridendo con nonchalance ho buttato lì un grechissimo: “Orea malia!”
Secondo me nenache suo marito aveva notato nulla e così lei (a cui avevo sempre detto solo un timido kalinicta) stupitissima mi ha fatto un sorrisone. Mentre la mia famiglia è rimasta di stucco, invidiosa della mia fichissima interazione con i locali.

Fish therapy

Da quasi una settimana siamo al mare a Creta: caldo, sole, vento e grandi nuotate.

20120830-185007.jpg

L’altro giorno abbiamo fatto un giro a Xania, la città più vicina a noi, e tra le viuzze dietro al porto ho scoperto una strana Spa, specializzata in fish therapy. Infatti all’interno del salone c’erano tre vasche grandi come acquari domestici, dentro ai quali nuotavano tantissimi pesciolini argentati. Chi voleva farsi il pedicure immergeva le gambe fino a ginocchio e diventava cibo per pesci. Infatti i pescetti facevano merenda spiluccando la pelle secca (le cellule morte) dei piedi a mollo. Dieci euro per quindici minuti di bagnetto.
Due turiste adolescenti avevano già abboccato e stavano facendosi piluccare. Anita voleva provare, la proprietaria voleva tirarci dentro, ma ero scettica e così è riuscita ad appiopparmi solo la brochure. L’ho letta con attenzione e questo è il link del sito dove spiega tutto: questi pesciolini sono parenti delle carpe, vivono solo in acque molto calde, come queste intorno Creta, in Turchia e in Siria e amano sbocconcellare gli umani. Gentilmente non come i pirana ma comunque un po’ di impressione me la facevano.
Ma ieri c’è stato il colpo di scena, abbiamo sperimentato una nuova baietta (vedi foto), una meraviglia, acqua azzurra, trasparente e caldissima e chi ci trovo a sguazzare dentro?
I mitici pescetti che si ingozzano di cellule morte. Migliaia e migliaia di loro che naturalmente azzannano gratis. (E allora Anita ha detto che le fanno paura). A dire il vero non amano solo i calcagni, adorano anche mordere i polpacci. Sono piuttosto delicati, procurano solo un lieve pizzicorino.
Tornerò a casa con una pelle stupenda!

God save the King

A York i miei amici mi hanno trascinato all’evento del mese, il boot-car sale, il mercatino di brocantage che si tiene la prima domenica del mese, nella zona dell’ippodromo. Bellissimo perchè senza turisti, solo per indigeni e antiquari a caccia di affari. E nel mio piccolo anch’io qualche affaruccio l’ho fatto: mi sono comprata due tazze reali, quelle belle kitsch e celebrative degli eventi che coinvolgono la Royal Family.

Anita mi aveva già regalato questa qui sopra, celebrativa del Diamond Jubilee, comprata in un negozio di souvenir, ma quando al mercatino ho scoperto due esemplari vintage non ho saputo resistere: la prima è commemorativa dei 60 anni di Elisabetta, e dietro c’è anche il testo di God save the Queen.

Quando credevo di essere più che soddisfatta e stavo per lasciare il mercato ho visto l’altra, quella ancora più vintage, commemorativa di Re Giorgio V, il nonno di Queen Elizabeth: non potevo lasciarmela scapapre anche se non era in perfette condizioni. Ho tirato un po’ sul prezzo e l’ho portata via.

Adesso andrà a far compagnia a quella di Lady Diana che svolge egregiamente il suo servizio sulla mensola del bagno.

Papere, fantasmi e cioccolato


Eccomi qui… finalmente ho trovato il tempo di scrivere un po’ di cose che si possono fare e vedere a York.
Cominciamo come fosse un temino delle medie: è una cittadina che ha origini romane e un cuore medievale, attraversata dal fiume Ouse, il lungofiume è molto animato, zeppo di locali dove si può bere e mangiare, pieno di turisti chiassosi, ma soprattutto di papere.
Simpatiche papere che passano la giornata sul riverside e la sera, all’ora dell’happy hour, attraversano la strada (proprio nel passaggio pedonale) e vanno a spiluccare sulla collina della Torre di Clifford, ultimo residuo di un castello normanno che oramai non esiste più. Poi dopocena, rientrano sempre in fila indiana a dormire sul fiume. Infatti quando anch’io, dopo cena, sono tornata a casa le ho riviste che, soddisfatte e satolle, andavano a nanna.


York è una città ideale per i golosi, infatti oltre ai deliziosi chioschetti del gelato e della limonata, è un trionfo di cioccolata ovunque, qui è nata la Rowntree, qui ha visto la luce il KitKat e da allora la vita del luogo non è stata più la stessa. Per approfondire il discorso è utile visitare Chocolate Story, mix fra museo e fabbrica del cioccolato.
Poi c’è un locale dove fanno i milkshake e frullati più pazzi del mondo: si possono ordinare a qualsiasi gusto, anche ad esempio al gusto di Mars, basta chiedere e loro infilano qualsiasi cosa dentro il mixer.
Tra le attività turistiche più gettonate c’è il Ghost Tour, dove personaggi finto truculenti, raccontano storie più o meno da paura, trattando i turisti come fossero deficienti.
Piace molto…io ho preferito darmi allo shopping, trascinata da Anita ho scoperto Jack Wills, la risposta british ad Abercrombie&Fitch.
La cosa che ho aprezzato di più è stata la location, il negozio era in una tipica casa inglese e la cosa più divertente erano le salette dove cambiarsi: vere e proprie camere da letto!


Per chi non se la sente di infilarsi furtivamente a dormire in Lucy’s room (così si chiamava il mio camerino) a York è comunque pieno di Bed&Breakfast, ne ho trovato uno molto carino, a pochi passi dal centro. Unica avvertenza, meglio andarci piano con i bagagli, perchè tutte queste vecchie case inglesi sono su più piani, invece dell’ascensore hanno le scale con la moquette pelosa e scivolosissima: rotolare giù abbarbicati al trolley è un attimo.

1 2 3 4 5 6