The Vegetarian Chance

Domani e domenica alla Fabbrica del Vapore a Milano arriva per la quinta volta The Vegetarian Chance, festival della cucina vegana e vegetariana. Due giorni, ricchi di attività, dove si illustreranno i benefici di una cucina senza grassi animali, benefica per la salute e per l’ambiente. Si discuterà, assaggerà e anche imparerà a mangiare meglio.

Mangia la foglia, salva il pianeta è il titolo dell’evento e che caratterizza i contenuti del programma. Si parlerà di salute, agricoltura sostenibile, spiritualità, etica e animalismo anche con ironia, utilissima per fronteggiare l’ostilità diffusa soprattutto verso i vegani.

Ci saranno incontri, conferenze e anche un concorso di cucina in cui otto chef internazionali si sfideranno in una gara di piatti originali e inventati per l’occasione. Il presidente della giuria che giudicherà le loro proposte è lo chef Pietro Leeman del ristorante milanese Joia.

Questo evento fa parte di di Milano Food City, la settimana che si caratterizza anche con il trionfo dello street food, proposto ovunque in città, per soddisfare ogni palato. I food trucks che partecipano a The Vegetarian Chance propongono solo specialità vegetariane che non vedo l’ora di assaggiare.

Non mi perderò l’incontro di sabato alle 14.30 da Neal Barnard, medico statunintense  che da decenni studia come gli alimenti influenzino la nostra salute.

Nel 1985 ha fondato il Comitato dei Medici per la Medicina Responsabile (Physicians Committee for Responsible Medicine) e del quale è tuttora presidente. In questo ruolo si è confrontato negli Usa con chi promuove diete non salutari nel pubblico come nel privato. E non ha esitato a citare in tribunale sul tema il governo Usa.

Gli studi del dottor Barnard hanno si sono incentrati sulla dieta vegetale come utile a perdere peso, abbassare il colesterolo, rivoluzionare il trattamento del diabete di tipo 2 e migliorare la salute. Dalla sua parte sono schierate oggi le principali autorità medico-scientifiche americane (lobby permettendo!).

2 comments

  • Che fortuna vivere a Milano, hai la possibilità di partecipare a tantissimi eventi interessanti, questo piacerebbe molto anche a me.

    • patriziavioli

      Sì è vero! però a volta succede una cosa molto strana: nello stesso giorno ci sono 2-3 cose, poi per settimane niente! 🙂 E poi a volte spsotarsi in città diventa difficile, in una serata della settimana del Salone del mobile, sono rimasta traumatizzata: a Brera, ora aperitivo, c’era un tale caos che sembrava folle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

three × 3 =