Nella giungla di Park Avenue

Madri che appena sentono le contrazioni del travaglio corrono dal parrucchiere a farsi la piega, poi manicure e pedicure. E se ci fosse ancora tempo, prima che la testa del pargolo spunti fuori, magari anche una bella ceretta inguinale. Donne preferibilmente bionde, assolutamente esili, decisamente ricche, sposate con uomini di potere. Mogli trofeo che vivono nella tribù più ricca del pianeta, nell’Upper East Side a Manhattan. Quelle che popolano i palazzi di lusso sul lato più orientale di Central Park.

Le manie, regole, segreti e idiosincrasie di queste donne sono stati raccontati in varie occasioni. Recentamente dalla serie Umbreakable Kimmy Schhmidt (ora su Netflix) dove si illustra con esilarante ironia “il dramma” di una mamma divorziata di Park Avenue. E qualche anno fa anche da Blue Jasmine per il quale Cate Blanchett, anche lei trophy wife dell’Upper East Side in disgrazia assuefatta allo Xanax, si è aggiudicata anche l’Oscar.
Quindi dettagli sulla vita di queste signore si conoscevano, ma nessuno le aveva mai studiate e raccontate con metodo antropologico. Entrando in mezzo a loro, mimetizzandosi e adattandosi al loro habitat.

L’infiltrata speciale è stata Wednesday Martin, giornalista laureata in antropologia a Yale, che si è “sposata bene” e trasferita con marito e prole proprio nel quartiere più ricco di New York. E dalla sua esperienza è nato un libro divertente e interessante in cui racconta con lo stesso metodo con cui Jane Goodall studia i primati, gli schemi di coabitazione e soppravivenza tra le madri che vivono nella zona più esclusiva di New York, dove è difficilissimo farsi accettare.
2013-08-12 17.49.26
Bisogna abitare all’indirizzo giusto, fare almeno tre figli (quattro ancora meglio), per dimostrare di poterli mantenere alla grande. Lottare per iscriverli nelle materne più prestigiose (dove è quasi impossibile essere ammessi). Nutrirsi di centrifughe, vestirsi solo di abiti e accessori firmatissimi, farsi di botox, ammazzarsi di ginnastica e migrare tutti negli stessi luoghi (gli Hamptons e Aspen) per le vacanze.
Vendere l’anima al Dio Denaro e sperare di sopravvivere. Quello che mi ha colpito nel reportage dell’autrice è scoprire che le signore di Manhattan, così sprezzanti e algide, siano in realtà fragilissime e succubi.

Esiste infatti una rigida separazione fra gli uomini e le donne, anche negli eventi sociali, le femmine stanno fra loro e i maschi pure. L’interazione non è vista di buon occhio e gli estenuanti sacrifici delle donne per preservare bellezza, status e gioventù sono finalizzati a un unico scopo: evitare di essere rimpiazzate con un modello più giovane e rampante.
Per loro la maternità è uno status symbol e per la serenità dei figli, l’autrice sottolinea che è un comportamento comune a tutti i primati, sono agguerrite e pronte a tutto: anche a scendere così in basso da procurarsi un falso certificato di invalidità per saltare le file a Disneyland!

Ma i loro figli, sono convinta, che vorrebbero tanto avere un infanzia meno patinata e più normale. Quando sono stata a New York tre anni fa, passando in Park Avenue dopo essere stati al Met, abbiamo visto un banchetto (davanti uno dei condo di superlusso) con due ragazzini, sui 10-12 anni, vendere un bicchiere di limonata, come fanno tutti i piccoli americani per guadagnare qualche spicciolo.
Questi bambini erano molto carini ed eleganti, i loro bicchieri di carta per la limonata erano costosi così anche i fazzoletti di carta e la loro caraffa (che rinfrescava anche), chiaramente di design. Per 50cents veramente un affare.
Così ci siamo comprati un paio di limonate da rampolli di Park Avenue. Sono stati gentilissimi e felici di aumentare il capitale di famiglia.
Probabilmente dietro un albero dell’ingresso c’era mimetizzata una tata che aveva l’ordine di sorvegliarli.

6 comments

  • Ancora grazie! Ho appena iniziato a leggere il libro, con calma.. Ma soprattutto mi sono tuffata nella serie di Kimmy Schmidt come se non ci fosse un futuro! Mi è piaciuta tantissimo!
    Mi sa che me la riguardo con calma…
    Comunque è proprio una bella zona di New York… Anche se io sogno di vivere nel Upper West Side…

  • Ah! Oriana Fallaci viveva in Upper East Side, sono andata in pellegrinaggio alla sua casa… È proprio all’inizio del quartiere molto vicino a dove si prende la funivia per Roosevelt Island.

  • patriziavioli

    E brava Oriana! Si trattava bene 🙂
    Grazie che mi hai svelato il dettaglio fondamentale sulla funivia!