Hillary continua a non convincermi

Democratic Presidential hopeful, Sen. Hillary Rodham Clinton, D-N.Y., laughs at a remark by moderator Chris Matthews, not shown, while addressing a forum sponsored by the American Federation of State, County and Municipal Employees, Tuesday, June 19, 2007, at the Marriott Wardman Park Hotel in Washington. AFSCME is the largest union for workers in the public service with 1.4 million members nationwide. (AP Photo/J. Scott Applewhite)

(AP Photo/J. Scott Applewhite)

L’avevo già scritto in tempi non sospetti e adesso Hillay Clinton mi convince ancora meno. Sono contenta che le mie perplessità siano condivise dalle americane più giovani e le vecchie femministe, quasi coetanee della Clinton, passino per babbione.
Mi sono sciroppata tutte le serie di The Good Wife e House of Cards, quindi so (più o meno) quanto sia stressante affrontare una campagna presidenziale. E quanto lo sia altrettanto doversi schierare, per convenienza economico/politica, dalla parte di un marito fedifrago, quindi concedo a Hillary qualche attenuante in più da quanto avevo scritto qualche anno fa. Ma continuo a non fidarmi di lei. Il fatto di essere una donna e poter diventare la prima donna presidente degli Stati Uniti non la salva. Perchè mi pare, in un personaggio come lei, rappresenti un’etichetta più che una qualità.