A volte ritornano

0 Comment

La nostra vita senza Sky non era più la stessa. Appena tornata a Milano ho telefonato, ovviamente di nascosto e con le dita incrociate, al negozio dove “era nato” un anno e mezzo fa il rannocchietto e fortunatamente avevano ancora un esemplare del nostro anfibio. Ieri pomeriggio, mentre Emma faceva la solita marea di compiti…

E’ sparito Sky

0 Comment

Purtroppo il nostro soggiorno si è concluso con una brutta sorpresa. Il piccolo Sky, ranocchio di pelouche verde di circa 15 centimetri, compagno di nanna di Emma è misteriosamente scomparso. Proprio l’ultima sera della vacanza. Una coincidenza?L’ipotesi più verosimile è che sia rimasto in mezzo alle lenzuola e trasportato inavvertitamente alla lavanderia dell’albergo. Circolano anche…

Elettroshock ai più violenti

0 Comment

Oggi ho letto una notizia scioccante sul Corriere della Sera: negli Usa si sta discutendo se sospendere la terapia avversativa, scosse da elettroshock negli arti ai bambini più molesti, violenti e indisciplinati. Bambini non semplicemente rompiscatole ma malati di autismo o con disturbi mentali. Questi ragazzini hanno elettrodi che attraverso uno zainetto sono applicati agli…

Meglio la tata o il tato?

2 Comment

Tra un bucato di lenzuola vomitate (dono natalizio dell’influenza di Emma) e l’ennesima spremuta di arance iper-vitamniche, ho visto il film “Il diario di una tata” con Scarlett Johansson. Storia più o meno vera tratta dall’esperienza di due ex-baby-sitter che hanno lavorato per ricche famiglie newyorkesi. Il film è divertente e realistico: per trovare mamme…

La sfiga di Natale

0 Comment

Abbiamo visto “La bussola d’oro” il film tratto dall’omonimo romanzo best-seller dello scrittore inglese Philip Pullman. Avevo letto una recensione dove si sosteneva che, nonostante il cast stellare, con Nicole Kidman e Daniel Craig, il personaggio migliore della storia fosse l’orso. Dovevo far tesoro di questa opinione. La storia è un noioso puzzle fantasy di…

La maledizione del calendario dell’Avvento

0 Comment

Una delle tante calamità natalizie che mi affliggono riguarda il calendario dell’avvento: quattro anni fa ho regalato alle mie bambine un delizioso calendario dell’Avvento con ventiquattro tasche da riempire. Vale a dire: ogni giorno dovevo mettere dentro due regalini per non deluderle. Essendo fermamente contraria all’abuso di caramelle, cioccolatini e chupa vari (già paghiamo profumatamente…

© All Right Reserved