Cena di classe

(In agosto sono stata in vacanza e la scrittura sul blog ha avuto uno stop. La cosa bizzarra è che mentre non aggiornavo il traffico del blog è molto aumentato – il post più letto è sempre quello sulle Kardashian – Mi sto facendo delle domande: per avere successo è meglio che non scriva? E comunque Kardashian uber alles?  🙂 Sto riflettendo…)

 

Adesso va tanto di moda la rimpatriata fra ex compagni di scuola. Liceali vintage che si ritrovano almeno trent’anni dopo la maturità, per una serata in cui si torna indietro nel tempo. Si ride, si scherza e ci si chiama con i soprannomi di quando si copiava il compito in classe. Una spensierata serata amarcord in cui si ringiovanisce meglio che con il botox.
Con l’allegra comitiva dei miei ex compagni di scuola, negli ultimi due anni ci siamo ritrovati già quattro volte. L’ultima per festeggiare la più brava della classe in matematica (persona geniale e disponibile che mi ha lasciato copiare anche il compito di maturità) diventata primario.
Mi sono traferita a Milano ma quasi tuttti i miei ex compagni sono rimasti a vivere nella cittadina della Romagna dove sono cresciuta. Quindi la cena di classe è anche una bella occasione per una rimpatriata nella terra delle piadine e dell’affettato.
Insomma un mesetto fa eravamo tutti lì a brindare e mangiare prosciutto, salame, squaquerone e piada fritta. Contenti di rivederci e affettuosi come sempre. Il nostro era un liceo scientifico e in classe erano più maschi che femmine.
C’erano Sale, Rano, Joe, Ciondo, Beef, Spoglia, Caffo, Cardo, la Belva, Zwerdy e parecchi altri.
Qualcuno è medico, c’è uno avvocato, un geologo, molti insegnanti. Nella nostra ex Quinta A, i ragazzi, eravamo state fortunate, erano i più belli della scuola. Adesso sui cinquanta sono ingrigiti mentre per noi femmine c’è rifugio nel trucco e parrucco.
Come sempre abbiamo cominciato la serata con un brevissimo briefing sul lavoro, i figli, i mariti, le mogli, per partire poi con i ricordi di scuola. Gli annedoti e i pettegolezzi d’antan. La parte più divertente e proficua. E se a qualcuno, considerata l’età, la memoria comincia ad appannarsi ci pensano gli altri a rinverdire i souvenir.

Poi dopo i soliti convenevoli abbiamo cominciato a parlare del grande assente: ancora una volta all’appello di classe mancava Livio. Un nostro compagno che ha partecipato solo una volta alle cene e sembrava anche un po’ fuori posto. Come una persona che avesse sbagliato combriccola.
Nella nostra ex Quinta A, quando c’erano i belli, Livio invece era piccolino magrino e soprattutto invisibile. Tanto che, con il passare del tempo, mi ero anche dimenticata della sua esistenza.
Così un anno fa quando l’ho incontrato di nuovo alla rimpatriata (l’unica a cui abbia partecipato) mi sono chiesta chi fosse quel mini Lou Reed all’altro capo della tavolata. Era Livio.
Mentre gli altri ex ragazzi sembrano dei cinquantenni Livio è sempreverde. Perché è rimasto piccolo e secco. Con una faccia da ragazzino un po’ invecchiato, capello cortissimo, occhiali da sole (era una cena all’aperto in settembre) t-shirt nera e jeans sdrucito, faceva molto rockstar vintage.
E a cinquant’anni assomigliare a un artista un po’ maledetto, si è rivelata una tecnica vincente. Livio è pieno di donne.
In quell’unica cena a cui partecipò quando, dopo aver consumato la giusta quantità di sangiovese e trebbiano, si cominciò a proporre nomi di coetanei e coetanee per vagliare la data di scadenza del loro fascino, ad ogni donna menzionata Livio scuoteva la testa. Pollice verso.
Secondo lui oramai la tale e anche la tal’altra, famose nei giorni lontani in tutta la scuola per la loro avvenenza, erano oramai irrimediabilmente da buttare.
La ragione del cinismo di Livio l’ho scoperta in quest’ultima rimpatriata. A lui le signore della zona non interessano perché ha ampliato i confini. E’ diventato un seduttore international. Dopo un matrimonio fallito, Livio ha preso molto sul serio la globalizzazione: ha avuto una fidanzata marocchina, un paio di brasiliane e adesso sta per sposarsi con una ragazza filippina.
“L’ho visto fuori dal ristorante XY con una ragazza bellissima, marocchina. Giovane e alta il doppio di lui”, ha rivelato una mia compagna di scuola.
“Ma questo era due anni fa, poi c’è stata la brasiliana”, le ha risposto subito un ben informato.
“Sì, ma dopo lui è tornato a Rio e l’ha trovata incinta di un altro”
C’era un certo compiacimento in questa affermazione.
“Infatti ha rotto e si è fidanzato”
“Con un’altra brasiliana?”
L’invidia ormai era diventata tangibile.
“No, con una ragazza filippina”
“Adesso è a casa di lei, per sposarsi”
Le notizie girano in fretta.
“Chediamogli una foto”
La curiosità ha contagiato tutta la classe.
Con whattsapp è un attimo. Le piadine rimaste erano oramai fredde e tutti fremevamo per vedere la giovane promessa sposa.
Livio era online ma ha fatto finta di non capire e ha inviato un’immagine della mappa dell’arcipelago delle Filippine.
Che delusione. Ma forse è stato meglio così, meglio supporre che sia una fake news.