Come trovare la baby-sitter ideale

La settimana scorsa ho fatto la baby-sitter per tamponare l’emergenza di un’amica. Era agitatissima, aveva avuto un impegno di lavoro improvviso e la bambina a casa da scuola con influenza gastrointestinale. Non potevo non correre ad aiutarla, anche se ero un po’ nervosa. Un po’ arruginita nel mio savoir faire con i seienni.

Invece nonostante le paure è andata benissimo, la piccola era una gran chiacchierona: ha vomitato poco e raccontato tanto. Il tempo è volato, mi sono divertita e intenerita nel sentirla parlare delle cose che le stavano più a cuore.

Ma cercare la persona giusta, a cui affidare i propri figli, quando si deve tornare al lavoro dopo la maternità o risolvere problemi di gestione familiare, può essere una ricerca molto frustrante.
A casa mia come baby-sitter hanno funzionato meglio le ragazze giovani, le studentesse universitarie. Infatti occuparsi dei piccoli è uno dei lavori più adatti a chi sta continuando a studiare. Le ragazze piacciono molto ai bambini, perchè hanno energia e ancora voglia di giocare. Poi accontentano anche i genitori perchè riescono anche a dare una mano sui compiti ed eventualmente a insegnare una lingua straniera.

Anche dai dati di Sitter-Italia, sito specializzato nella ricerca online di babysitter, (primo in Italia per numero di iscritti) su un totale di oltre 280.000 babysitter iscritte al sito, risulta che ben il 34% sono studentesse.
Nella mia esperienza sono stata fortunata perchè ne avevo incontrata una così brava e simpatica, che un’altra mamma, vedendola all’opera ai giardinetti, le aveva anche fatto una proposta per rubarmela. Ma lei fortunatamente non aveva abboccato!

Trovare la baby-sitter giusta e fidata infatti è come scovare un tesoro: può cambiare veramente la vita della famiglia. Per questo il servizio di Sitter-Italia, che funziona in tutto il territorio nazionale, è prezioso. Ma anche facile e immediato.
I genitori possono registrarsi per la ricerca della babysitter nella loro zona di riferimento. E se individuano varie candidate possono visionarne le foto, il curriculum, la disponibilità, le lingue parlate, le eventuali referenze. Poi mettersi in contatto per appronfondire e capire se si tratta della persona giusta.

Interessante anche il servizio ‘Genitori in contatto’, cioè la possibilità di condivisione della baby sitter con altre famiglie che vivono nella stessa zona. Oppure di conoscersi e fare gruppo tra genitori per occuparsi a turno dell’accudimento dei bambini, risolvere i problemi di trasferimento o gestione del doposcuola. Tutto ciò pensato in una sinergia di supporto alla quotidianità della famiglia e di risparmio in termini di tempo e denaro.

Per genitori e baby sitter la registrazione su Sitter-Italia è gratuita, così come la risposta alle domande e alle offerte di lavoro, poi è possibile essere i primi ad attivare contatti diretti grazie ad un abbonamento Premium.

(post scritto in collaborazione con Sitter-Italia)