Perineo

Ne ho combinata una delle mie…

Per completare la gioiosa atmosfera di festa del compleanno di Anita ieri mattina, l’ultima sorpresina: ultimamente si è interessata ai manga  (e dovrei citare ancora Tanaka…) e ha cominciato a comprare le dispense che ci sono in edicola per imparare a disegnarli. 
Ma sono difficili da trovare. Vanno a ruba. Così avevo pensato di regalarle un  manuale Disegnare i manga che un giorno avevamo visto in una libreria, non abbiamo acquistato, da allora non ho più trovato. Così, circa tre settimane fa sono entrata in un’altra libreria e ho ordinato questo manuale. La commessa non lo conosceva. Ha guardato sul catalogo on line e ha trovato: “Come disegnare i manga, Panini Comics…”
“Perfetto, me lo ordini per favore”, ho risposto contenta.
Venerdì sono andata a prenderlo, sentendomi una madre premurosa e perfettamente organizzata.
Mi sono fatta fare la confezione regalo e ho pagato senza neanche guardare il libro.
Ieri mattina, alle 12.30, sono andata a svegliare Anita, dicendole:
“Lo so che sei viva, vedo che respiri, alzati. Buon Compleanno!”
Le ho preparato la colazione e sorridente le ho dato il libro.
L’ha guardato, un po’ perplessa. 
La mia futura disegnatrice di manga, dopo pochi istanti mi ha detto confusa:
“Mamma, non penso che sia adatto a me….” e mi ha allungato il libro.
Potevo comprare le avventure di Valentina disegnata da Crepax e sarebbe stato uguale. Un trionfo di “femminilità” in tutte le posizioni. Anche ginecologiche.
“Omiodio!”
Ho guardato la copertina. 
Non c’era scritto “gnocca per tutti” ma Come disegnare i manga- personaggi femminili. Ho guardato meglio e nel retro di copertina spiegavano che fa parte della collana Come disegnare i manga con sottogruppi: i combattimenti,  corpo e anatomia, primi passi.
Ecco magari a noi serviva “primi passi”. Magari la commessa poteva anche cercare meglio nel suo cavolo di catalogo on line. 
“Anita scusa, non l’avevo guardato!”
“Pensa se lo vedesse uno dei miei compagni di scuola!”
“Eh, si! Rischierebbe un attacco epilettico!”, su un dodicenne maschio questo manuale avrebbe un effetto deflagrante.
Nel libro ci sono 3-4 pagine dove insegnano a delineare gli occhi, le unghie e i capelli. Strapperò e salverò quelle per darle ad Anita. Invece se qualcuno avesse dei dubbi su come disegnare un perineo, può rivolgersi direttamente a me.