Silvestro: il gatto che non ti aspetti

Come avevo già scritto Lola ama molto passare la mattina sul terrazzo, dove può controllare l’andirivieni di cani e padroni che fanno passeggiate nel parco sottostante. Peccato che questa sua tradizionale routine sia, negli ultimi tempi, boicottata dalla presenza di Silvestro, il gatto della vicina di balcone.
Dopo la prima invasione, di circa un mesetto fa, la signora che abita di fianco si è scusata e ci ha presentato Silvestro, un simpatico cucciolo di micio di otto mesi, che ha addottato da poco. E’ molto curioso e ha una gran voglia di esplorare il territorio.
Soprattutto quello di Lola. E qui inizia il problema.
Lola alla mattina vuole che le apra la porta finestra del balcone. Poi esce e comincia a fare questo strano verso da gabbiano alternato a piccole ringhiate. Mentre sono al computer a lavorare viene da me, con aria molto inquieta, tenendo il suo pupazzo in bocca, continua guaire in gabbianese. Non capivo l’origine di tanto struggimento, le dicevo sbadatamente di piantarla e la ignoravo.
Adesso però ho chiara la vera ragione del suo stress: è Silvestro, che pascola indisturbato sul balcone e intimorisce Lola.
Quando lei lo vede dal vetro della portafinestra guaisce, poi prende in bocca il pupazzetto, viene da me, per implorarmi: “Mamma fai qualcosa!”
Allora oggi, vedendola più disperata che mai, l’ho seguita.
Ho beccato Silvestro sul balcone.
Ci siamo guardati, lui ha inarcato la schiena, pronto ad attaccare. Ho fatto un passo verso di lui, impavida (mentre Lola faceva il tifo per me, vigliaccamente da dietro il vetro della porta) e allora Silvestro, vista la mia stazza, è scappato sulla ringhiera del terrazzo ed è andato a nascondersi tra le frasche (e l’ho paparazzato). Mentre Lola, solo a questo punto, ritrovata un po’ di dignità canina, è uscita e si è messa a ringhiare alle foglie.
(continua)

Street food per cani

Non è uno scoop, l’ho visto stamattina su Repubblica e ho “dovuto”, voluto riprendere questa notizia meravigliosa: a Milano dove, negli ultimi mesi, lo streetfood sta spopolando si aggira l’apecar di Dogsweetdog che vende leccornie per cani. Biscottini di struzzo, cupcakes, muffin, tutti realizzati con ingredienti rigorosamente dogfriendly, poi prodotti essiccati (i preferiti di Lola), golosi da un punto di vista canino e aiutano anche a migliorare la masticazione. E nuovissimi i dogcorn: popcorn a misura di cane. Mentre per chi soffre di intolleranze ci sono anche pasticcini di agnello e riso. I prezzi partono da 1 euro per arrivare a 3-4, a seconda delle confezioni.
Elena Masson, proprietaria del furgoncino e creatrice della geniale iniziativa, ha lanciato Dogsweetdog lo scorso anno, stazionando nei parchi frequentati da cani e padroni, poi ha partecipato ai vari street food festival della città e adesso comincia anche ad andrare in tour: prossimo weekend a Torino, alla Street Food Parade, ad aprile a Firenze e a Pietrasanta in agosto. Stasera invece, per chi vuole saperne di più, alle 18 sarà intervistata a Carterpillar su Rai2.
12814330_876614509114060_471196717935938491_n

Come cani e gatti…


Stamattina è successa una cosa molto strana.
Prima che Lola uscisse nel terrazzo, per abbaiare agli amici cani che a quell’ora pascolano con i loro padroni nel giardino sotto casa, c’è stata un’invasione aliena.
Un gatto sconosciuto e strafottente è planato sul nostro terrazzo, cercando di conquistare il territorio.
La povera Lola è rimasta folgorata dalla sorpresa con il muso schiacciato contro il vetro non riusciva neppure ad abbaiare, vilipesa da tanta audacia.
Mille angoscianti interrogativi le scoppiavano nel cervello:
Qual era l’identità del gatto conquistatore, felino ben pasciuto e rilassato?
Come era arrivato fin da noi?
Cosa cercava?
Voleva forse mangiare i kiwi nascosti dentro al sacchetto giallo?
Inquietanti dubbi rimasti senza risposta perchè quando ho aperto l’anta della porta finestra, per far uscire Lola, gridando: “Kill! Kill! Kill!”
Il gatto con un balzo è sparito nel verde.
Lasciando la povera Lola in preda a un forte turbamento che perdura tuttora.

P.S. Ho scoperto La Zampa.it, geniale!

Happy birthday my love

Oggi compi 7 anni e da 4 sei con noi.
Quattro anni i cui mi hai dato amore, allegria e fedeltà.
In cui hai riempito la casa di peli, azzannato gli stipiti, divelto una zanzariera.
Quattro anni in cui appena possibile hai cercato di infilarti sotto le coperte, con la testa sul cuscino come il lupo nella favola di Capuccetto Rosso.
Quattro anni in cui hai imparato molte parole come giro, zampa, andiamo, pappa, pancia, terra, seduta, cane tesoro, cagnolino, carina, amore.
E hai imparato anche una cosa molto utile: aprire le porte a testate.
Quattro anni in cui credi di chiamarti Emma. Ti piace la musica di Taylor Swift.
E a volte ridi. Perchè ti senti una ragazza.
Quattro anni in cui hai corso il più possibile e quando incontri un levriero ti stressi da matti. Corri e piangi, guaisci disperata perchè è più veloce di te.
Quattro anni in cui ti sei innamorata di Nerone, ma lui è un tenebroso problematico che viene da un canile di Roma, ha tante paturnie, è taciturno e in fondo non ti ha mai considerato.
Ci sarebbe Blackie con cui corri molto nella passeggiata della sera, lui vorrebbe, ma per te è solo un amico. Poi c’è Neve la tua amica del cuore ma cerchi sempre di fregarle la pallina quando il suo padrone gioca con lei.
Quattro anni incui non ti piace salire in macchina perchè poi va sempre a finire che si fa una vaccinazione.
Quattro anni in cui quando esco da sola tutti i cani mi annusano a lungo, con attenzione.
Buon compleanno piccoletta, compagna dolce e pelosa.
Sono contentissima di averti nella mia vita!

Come ti raddoppio la cuccia

Niente di meglio che iniziare il nuovo anno con un po’ di spazio in più.
Anzi, raddoppiando il proprio spazio vitale. Potendo, sarebbe il sogno di tutti.
Anche se al momento il mercato immobiliare è ancora in calo, noi umani facciamo un po’ fatica a permettercelo. Lola invece stamattina mi ha stupito con l’occupazione di un bel pezzo di territorio. Ha tolto il cuscino (rettangolare) dal guscio della sua cuccia e l’ha disteso a terra davanti ai suoi vecchi possedimenti, raddoppiando così l’area personale.
Poi quando me ne sono accorta e le ho lanciato un’occhiata perplessa, si è riaccembellata sul cuscino voltandomi le spalle.
Insomma mi ha messo davanti al fatto compiuto, senza spazio di discussione.
L’ascesa verso la posizione di capobranco è il suo pensiero fisso e questa mi sembra un’altra mossa tattica per scalare la gerarchia familiare.
Ma forse mi sbaglio, forse pecco di antropocentrismo , filtro e interpreto tutti i pensieri e le azioni del mio cane in maniera troppo soggettiva. E come sostiene anche questo libro noi dobbiamo smetterla di attribuire agli animali comportamenti che potrebbero essere tipici degli uomini ma sono in realtà lontanissimi dalle loro strategie. La psicologia degli animali è molto più complessa e anche indecifrabile.
Questo però è un errore che fanno quasi tutti i padroni di cani.
Molto interessanti sono le conversazioni che si sentono per strada nel momento della passeggiatina.
Ci sono padroni sobri che si limitano a un: “Andiamo!”, “No, adesso vieni!”, “Basta, qui ha già annusato!”
Mentre altri, più loquaci, invece si lamentano e cercano di farsi obbedire, articolando molto di più:
“Quante volte te lo devo ripetere che non devi fare così…tutte le volte uguale, allora non ascolti!”
Oppure:
“Adesso mi hai proprio rotto, non vedi che ho fretta…sembra che tu lo faccia apposta…”
Mi è capitato di sorridere passando accanto a queste conversazioni e i padroni dei cani mi hanno guardato in modo interrogativo, come se quella strana fossi io.

Chitarrista clandestina

IMG_7215
Come tutti i cani Lola non ama essere lasciata a casa da sola. Dopo i primi anni in cui la solitudine l’ha resa un po’ troppo nervosa, costringendola a mangiare le stipite della porta e anche un po’ di intonaco ora, da tempo, le cose vanno meglio.
Per salvare la porta e anche i muri, tra noi si era creato un tacito accordo: lei combatteva la tristezza del momentaneo abbandono cercando conforto su un letto. Quale dei nostri letti?
Quand’era più cucciola, e anche Emma lo era, aveva pensato bene di confondersi fra i pupazzi che mia figlia teneva sul letto.
Però poi è stata beccata e redarguita.
Ma come l’ambizione di diventare capobranco, anche il desiderio di combattere la solitudine domestica su qualcosa di morbido è difficile da debellare.
Anzi quasi impossibile.
Allora per un altro po’ di tempo ho chiuso un occhio, uscivo senza di lei, ma lasciavo le porte delle camere aperte. Questa strategia educativa mi è costata un piumone, un lenzuolo e qualche federa. Strappati dalle sue unghie (forse per passare le lunghe ore da sola si travestiva da gatto?).
Così adesso il pass per le camere le è stato negato. E la porte non si aprono anche se lei, fingendosi un’ariete, ci prova e riprova con delle testate.
(L’ho sentita alla mattina quando sto ancora dormendo e lei vorrebbe entrare in camera mia a dire buongiorno)
Quindi a questo punto alla povera Lola non rimane che consolarsi sul divano, in sala, bello grande e facile da raggiungere, perché situato proprio di fianco alla sua cuccia.
Funziona così: noi usciamo, lei ci lancia uno sguardo sconvolto, per farci sentire in colpa:
“Non posso crederci, anche stavolta mi lasciate a casa!”
Poi aspetta che si chiuda la porta e con un balzo sale sul divano.
Per la pace domestica facciamo finta di non saperlo.
Tante volte la convivenza si sostiene con piccole bugie o cose non dette.
Peccato che ieri Emma avesse lasciato sul divano anche la sua chitarra e la confezione del capotasto.
Poi quando è tornata a casa, dopo qualche ora di assenza, Lola è corsa alla porta a farle le feste come al solito. Ha iniziato a scodare felice, ma dopo pochissimo si è bloccata. Immobile.
Come in un fermo immagine.
Emma si è incuriosita, preoccupata anche un po’.
Poi ha guardato fra le zampe posteriori di Lola.
Attaccato al pelo le era rimasta la confezione semiaperta del capotasto.
Una maledetta bustina di plastica che rendeva spiacevole agitare la coda!
IMG_7213

Woody – cane da romanzo

Il mondo e le sue faccende, anche quelle meno nobili, filtrato dalla sensibilità di un cane, poco più che un cucciolo, che si chiama Woody. Attraverso i suoi occhi, la sua limitata esperienza di vita e soprattutto il suo olfatto. Questo ha raccontato Federico Baccomo in un romanzo breve che narra le avventure di un basenji, un cane arancione, che si trova, suo malgrado, coinvolto in un pasticcio sentimentale.
Una roba che Woody non capisce, anche se di amore se ne intende, perchè quello per Padrona è la ragione della della sua vita. Della sua routine di nanna, pappa, coccole e passeggiate. Un tran-tran invidiabile finché non irrompe un elemento destabilizzante che distrugge la sua felicità.
Federico Baccomo, autore divenuto famoso alcuni anni fa con il brillantissimo blog Studio illegale, scrive la sua storia con ironia e in uno stile che inizialmente destabilizza un po’. Perché Woody “parla” in modo semplice, un po’ sgrammaticato, con i verbi all’infinito, come fosse un bambino. Ma poi ci si abitua a questo tipo di narrazione che, anzi, diventa funzionale per farsi coinvolgere di più nel diario dei sentimenti del cane.
Ci si intenerisce, sorride e commuove.
Fino ad arrivare a fare il tifo per il lieto fine, perchè i cattivi paghino.
Questo libro, arricchito da belle illustrazioni, è per un pubblico trasversale: dai ragazzini ai novantenni, non necessariamente padroni di un cane. Però in quest’ultimo caso, dopo aver letto Woody, spero che a molti venga voglia di andare in un canile e adottarne uno.

Cosa è successo Gala Brunch canino

Non sempre va a finire come nella favola di Cenerentola. Non sempre basta un tuffo nell’alta società per cambiare il proprio destino. A volte non succede.

Per esempio, al Gala Bruch in uno degli hotel più esclusivi della città in cui Lola è stata invitata domenica scorsa, le cose sono andate diversamente.

Lola ha fatto il suo ingresso nell’high society canina meneghina insieme ad Anita e un’amica di mia figlia, con il suo cucciolo trovatello meticcio.

Le cagnoline sono state accolte bene, ma erano le uniche “diverse” e “vivaci”. Tutti gli altri cani nella raffinata cornice del foyer dell’hotel stellato erano di razza. E soprattutto si dividevano in due sotto insiemi: quelli piccoli che stavano in borsetta e quelli vecch,i sdraiati comodi e fermi sotto i tavoli.

Quindi poco stress per i padroni che potevano mangiare, bere e chiacchierare amabilmente.

Lola e l’altra cucciola invece sono state nervose ed eccitate da subito. Lola perchè c’erano troppi cani in un ambiente sconosciuto, l’altra perchè non ama stare al guinzaglio.

Insomma, un inizio promettente.

Così le ragazze hanno deciso di posizionarsi in giardino (casomai qualcuno avesse voluto marchiare il territorio) Anita ha legato Lola a una balaustra e si è offerta di andare a prendere qualcosa da mangiare e da bere. Stava scodellandosi un assaggino di risotto ma è rimasta con il cucchiaio a mezz’aria quando ha sentito l’elegante messaggio del direttore di sala:

“La mamma di Lola è pregata di venirla a prendere!”

Mia figlia si è ricordata di non essere madre ma è stato solo un attimo di perplessità, poi è stata presa dal panico quando ha visto Lola zizagare correndo in mezzo alla sala. Fra i presenti, mimetizzato fra gli ospiti eleganti, c’era fortunatamente un addestratore di cani che ha braccato Lola, proprio mentre Anita faceva cadere sul pavimento il piattino di risotto.

“Ma l’avevo legata!”

Peccato che alla balaustra fossero rimasti a penzolare solo il guinzaglio e la pettorina “vuoti”. Con una mossa degna di Houdini, Lola era risucita a liberarsi per scappare a cercare Anita.

Alla fine, Anita e la sua amica non hanno più avuto il coraggio di alzarsi dal tavolino (basso) attorno cui si erano sedute. Con i cani stretti al guinzaglio ma non hanno potuto impedire a quest’ultimi di dare anche una slurpatina ai loro piatti. La cucciola si è fatta un mozzarella in carrozza, Lola ha preferito il risottino.

(I tavolini erano così bassi e pet friendly!).

A Lola è stata data da bere acqua minerale e alla fine della festa anche un pacchettino come regalino d’addio (party bag) con un paio di croccantini e un po’ di bustine raccogli-cacca.

Gli altri invitati invece, belli, eleganti, tranquilli e rilassati, hanno anche potuto partecipare a un quiz canino che metteva in palio un altro lussuoso brunch per due all’ hotel.

“I vincitori hanno copiato dal telefono”, hanno spifferato Anita e la sua amica, invidiose, e soprattutto abituate alle astuzie da verifica in classe.

Comunque è stata una gran bella festa. La location era splendida e alla fine Lola e la cucciola sono andate a sgroppare nell’area cani dei giardini di Porta Venezia.

Oggetti smarriti

medaglietta

Sabato ero di corsa, come sempre.
Accompagna questa di là. Porta quest’altra di su e di giù. Fai la spesa. Ricordati quell’altro.
Fra le tante incombenze c’era anche la toeletta di Lola. Ogni tot mi tocca anche quello.
Così l’ho accompagnata da Cani Bellissimi, dove invece delle due simpatiche punkabbestia piene di piercing e tatuaggi, tanto amanti degli animali, ho trovato due tizi nuovi.
Anziani, lui e lei, che così a pelle, (a pelo per Lola) non mi sono piaciuti.
Non sorridevano e indossavano un brutto e triste grembiule blu. Sul bancone vicino alla cassa non c’era neanche il solito barattolo di biscottini al sapore di pollo e vitello.
“E’ cambiata la gestione?”
“Sì, un mese fa”
Avrei voluto dire: “Allora ciccia” e andarmene.
Ma oramai ero lì. La slot-toeletta si incastrava perfettamente con tutte le altre cose da fare quel giorno.
Quindi ho passato il guinzaglio al tizio che, nonostante Lola puntasse le unghie per terra per non andare con lui sul retro a farsi lavare, è riuscito a trascinarla nella zona shampi canini.
“Torni fra un’ora e mezza”
“Ci vuole così tanto? Per un bagnetto e una spuntatina sotto la pancia?”
“Eh sì, signora…”
Sono uscita perplessa, sentendomi in colpa.
Avevo lasciato il mio cane a un estraneo che non mi piaceva per nulla.
Appena risalita in auto (Cani Bellissimi è in mezzo al nulla, quindi non potevo certo bighellonare sullo stradone a fianco della tangeziale) ho chiamato Sant’ per condividere l’ansia.
Lui mi ha rassicurato e proposto di tornare a casa. Sarebbe andato lui a prendere Lola. Così poi mi avrebbe dato anche il suo giudizio sulla nuova gestione di Cani Bellissimi.
Appena arrivata a casa è suonato il cellulare.
Numero sconosciuto, ho perso la chiamata e riprovato a telefonare.
Nessuno ha risposto.
Nel frattempo ho organizzato una merenda per gli amici di mia figlia venuti a studiare, proposto di riportarli alla più vicina fermata di metropolitana per farli tornare a casa, ho salutato Emma che è tornata dalla partita di pallavolo, poi stavo quasi per rilassarmi un attimo quando è arrivato un bip. Messaggio in segreteria.
“Buongiorno, qui è Cani Bellissimi abbiamo trovato la medaglietta del suo cane Lola, ci dispiace che sia rimasta qui. Quando avrà tempo potrà passarla a prendere”
Hanno trovato la medaglietta?
Come quando tuo figlio sparisce e trovano la sua scarpina in un bosco?
In preda all’angoscia ho richiamato subito.
“… oltre alla medaglietta da voi ci deve essere anche il cane!”
“Ma dai!” (giuro, mi ha risposto così il vecchio rimba)
“Ho lasciato lì Lola mezz’ora fa, dov’è?”
“Ah, allora dovrebbe essere ancora di là, forse ci siamo confusi…sa i collari, le medagliette, i guinzagli”
Ho richiamato Sant’.
Questa volta non mi ha rassicurato, anzi ha detto: “Adesso vado io, se hanno perso Lola gli butto giù il negozio”
Non c’è stato bisogno. Fortunatamente.
Mezz’ora dopo eravamo finalmente tutti riuniti a casa: Lola ancora con il pelo umido ma la medaglietta al posto giusto.

Un mottarello di cacca

Volevo fare un post sulle baby squillo…
Volevo fare un post sullo sciaccallaggio mediatico dei giornalisti/colleghi che vanno fuori dalle scuole, anche dal liceo di mia figlia, a chiedere: “ma qualche tua compagna si prostituisce?”, “ma tu andresti a infrattarti in bagno con una tua compagna che fa le marchette?”, “ma il mestiere più vecchio del mondo esiste perchè ci sono i social network?” e altre domande intelligenti.
Volevo dire la mia ma poi ero già stanca di leggere quello che sentenziavano gli altri…
Quindi non mi rimane che volare molto più basso, non toccare la sociologia e raccontare invece quello che mi è successo ieri: un deja-vu di un incidente che mi era già capitato ma è stato comunque una brutta sorpresa.
Ieri mattina, con mia figlia, ho accompagnato alla stazione del “passante ferroviario” (il treno che attraversa Milano e, in certe zone della città, fa le veci della metropolitana ) una sua amica che era rimasta da noi a dormire.
Da brava mamma acrobata, ho avuto la luminosa idea di portare con noi anche Lola che doveva fare il suo giretto ed eravamo un po’ in ritardo sui tempi. Il piano: stazione e poi passeggiatina.
Così mentre mia figlia accompagnava fino al binario la sua amica, ho fatto scendere dalla macchina Lola e, valutato il deserto attorno a noi, l’ho lasciata libera di sgroppare un po’ nelle aiuole antistanti. La piccola bastarda, in un attimo a tradimento si è rotolata su una cacca, impanandosi bene e tornando poi da me scondinzolando, felice.
La cosa era già successa qualche anno fa, con l’altro cane che avevo (l’ho anche scritto in Una mamma da URL) e l’esperienza avrebbe dovuto insegnarmi a diffidare delle routine di bellezza dei cani, ricordarmi che nella loro mente, sapere di cacca è il massimo, il loro Chanel n°5!
Quello che mi ha fregato è il carattere mite e angelico di Lola.
Mentre Jack, il primo cane che si era trasformato in un mottarello di cacca, era un ribelle indisciplinato, da Lola non mi sarei mai aspettata un simile comportamento in riva alle Ferrovie Nord.
Posso anche comprendere l’euforia che può pervadere la mente canina magari in un bel giro in campagna, quando tra le tante cacche di mucca ne si sceglie una, per immolare il ricordo di un magnifico pomeriggio.
Ma ieri in quei due minuti in stazione la fedifraga poteva anche evitare.
Da nera, colore originale del suo mantello, era diventata marrone e vi risparmio gli altri dettagli!
Dovevo assolutamente tornare a casa in auto, non avevo acqua con me, non c’era un bar…e fortunatamente neanche persone che ridevano. La guardavo con odio. Lola non si capacitava del mio malumore, manifestato anche con epiteti irripetibili.
Alla fine sfogato l’apice della disperazione, sono riuscita a reagire.
L’abbiamo pulita con dei kleenex, avvolta e immobilizzata in una vecchia coperta, che avevo fortunatamente nel bagagliaio, e a finestrini spalancati, per sopravvivere all’olezzo disgustoso, siamo tornate a casa di gran carriera e finalmente l’abbiamo lavata sul balcone.
Mentre lei cercava di opporsi, di scappare. Stupita e schifata dall’acqua e dallo shampoo.
Ora profuma di Baby Johnson ed è molto, molto triste.
Lo so che per lei sono strana.
Lo so che impanarsi nella cacca di un altro essere (spero non umano) è solo una strategia di caccia…
Lo so che è un cane e non una figlia…
Ma nonostante mi abbia chiesto più volte di fare la pace, guardandomi con il suo muso implorante, al momento ancora non le parlo!

1 2