Alle terme di Montegrotto

Ho fatto il bagno in piscina all’aperto nel buio del pomeriggio, sotto una pioggerellina fredda e le decorazioni natalizie che scintillavano attorno a me. Una magia possibile e piacevole perché l’acqua termale della vasca era a 37°, avvolgente e rilassante.

Sono stata per un lungo weekend a Montegrotto e ho sperimentato il relax delle Terme Euganee, il polo termale più grande e più antico d’Europa. Infatti secondo le fonti archeologiche l’antico santuario lacustre sorgeva proprio nell’area di Montegrotto Terme, tra la fine dell’IIIV e III secolo A.C. I romani consideravano sacro il fenomeno delle acque che sgorgano bollenti e sulfuree dal sottosuolo e infatti avevano inventato Aponus, il dio delle Terme. Adesso lo stesso nome è dato a una linea di trattamenti per il viso che in effetti sono ottimi, quasi divini.

Terme Euganee, Piscine termali © L. Zilli

Il fenomeno, delle acque che sgorgano calde e bollenti dal terreno continua a colpire il nostro immaginario. Appena arrivata a Montegrotto prima ho visto le antiche rovine delle antiche terme romane e poi anche un signore che aveva appena inchiodato il suo Suv per scendere a fare una storia di Instagram al ruscello che scorre in mezzo al paese producendo fumi caldi e magici. E poi è ripartito felice.

Scavi archeologici, part. cavea di teatro romano © Turlon

A Montegrotto ogni hotel, sono un’ottantina, ha la SPA e le piscine dove è possibile fare balneoterapia, idrokinesiterapia, fangoterapia. Curarsi con le proprietà terapeutiche dell’acqua termale, salso-bromo-iodica, che proviene dai Monti Lessini e dalle Prealpi e defluisce nel sottosuolo attraverso la roccia calcarea arrivando fino a una profondità di 2000-3000 metri. Viene trattenuta ad alta temeratura e a una forte pressione per un percorso di circa 80 km per un periodo di 20-30, arricchendosi di sali minerali fino agli stabilimenti delle Terme Euganee dove sgorga a una temperatura di 87°.

Villa Draghi© F.e M. Danesin

Ogni hotel è organizzato per l’accoglienza a misura di famiglia, oltre alle cure termali con la terapia inalatoria, ci sono intrattenimento e attività dedicate ai bambini: menù ad hoc,  escursioni, sala giochi e sala cinema. Oltre naturalmente al servizio di baby-sitting.

Nei pressi di Montegrotto una gita che senz’altro appassionerà i più piccoli è senz’altro la visita a Butterfly Arc- La casa delle farfalle la prima creata in Italia, ed è imperdibile una passeggiata nel Bosco delle Fate.

Una passeggiata molto interessante è anche quella nel parco del Monte Alto per salire fino a Villa Draghi all’interno della quale si trova anche il Museo Internazionale del Vetro d’Arte e delle Terme che espone magnifiche creazioni dei vetrai di Murano.