La settimana dell’oceano

Ogni anno finiscono in mare 20 milioni di tonnellate di plastica e 700.000 provengono dall’Italia. Di questo passo nel 2050 nell’oceano ci saranno più plastica che pesci.

Una previsione orrenda che si avverrà se la nostra consapevolezza verso l’utilizzo e lo spreco della plastica non muta in fretta. Già sappiamo che le buste di plastica necessitano tantissimo tempo per venire smaltite e rappresentano una trappola mortale per le tartarughe marine che le scambiano per meduse.

Un uso dissennato nella plastica viene fatto nel packaging: buste, sacchetti e contenitori che diventano spesso inutili una volta acquistato il prodotto ingombranti da smaltire. Anche con le nostre migliori intenzioni nel riciclo domestico.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema è stata istituita la giornata internazionale dell’Oceano, venerdì 8 giugno, e la casa di cosmetici Lush (da sempre attenta ai temi dell’ecologia e sostenibilità) ha deciso di aderire in maniera massiccia a questa iniziativa, allargandola alla settimana dell’oceano.

Infatti nel negozio milanese di Via Torino si venderanno solo prodotti “nudi”, privi di packaging, idonei da conservare in contenitori riciclati.  Per rendere più consapevoli e motivati i consumatori, aiutandoli a non sentire alcuna nostalgia delle confezioni poco ecologiche, in tutta questa settimana, da oggi fino a venerdì, nello spazio del negozio saranno organizzati importanti incontri sul tema.

 Martedì 5 giugno ore 18,30

La biologa marina Mariasole Bianco parlerà dell’Oceano e della sua vulnerabilità. Racconterà della sovrappesca, dei cambiamenti climatici, della plastica che sempre più minaccia il blu sconfinato dei nostri mari, in un appuntamento che vuole essere soprattutto uno scambio e una condivisione su possibili soluzioni. Non mancheranno infatti consigli per diminuire, e abbattere totalmente, l’uso della plastica usa e getta nella nostra quotidianità. Mariasole Bianco è inoltre Presidente e Fondatrice dell’associazione Worldrise, impegnata nella creazione di progetti che uniscono tutela ambientale, creatività e innovazione. Si parlerà anche di “Batti Cinque”, un progetto di cittadinanza attiva che coinvolge i bambini nelle scuole. Se le cose non cambiano saranno loro gli adulti che nuoteranno nel mare superinquinato.

Giovedì 7 giugno 18,30

Incontro con MedSharks, un’associazione dedicata allo studio e alla conservazione dell’ambiente mediterraneo, con un’attenzione particolare agli squali. Con grande impegno in numerose attività divulgative volte ad accrescere la conoscenza e la sensibilità intorno all’ambiente marino. Si navigherà alla scoperta di tanti consigli utili per tutelare la spiaggia e provare a sconfiggere l’inquinamento provocato dai rifiuti in plastica. Sarà inoltre l’occasione perfetta per scoprire come funziona un Beach Cleaning e, soprattutto, come prendervi parte: il prossimo appuntamento è nel weekend del 9-10 giugno.

Venerdi 8 giugno 18,30

Incontro con Andrea Morello, Presidente dell’associazione Sea Shepherd, un movimento di conservazione dell’Oceano ad azione diretta internazionale. La missione dell’associazione è quella di fermare la distruzione dell’habitat naturale e delle specie selvatiche negli oceani. Un approfondimento sulle svariate attività che Sea Shepherd svolge per proteggere il mare e sulla flotta di 12 navi che solcano le acque del mondo per proteggere e difendere la vita marina.

In giro per Milano

Oggi piove, per fortuna. Nei giorni scorsi l’aria era pesantissima e come strategia per combattere l’overdose di PM10 il Comune di Milano ha deciso una politica di sconto per incrementare l’uso dei mezzi pubblici. Così anch’io mi sono adeguata ed è andata così…

L’autobus è strapieno, sono in piedi e seduto davanti a me c’è un ragazzino di circa sedici anni che urla al cellulare: “Amoreee, ma non mi hai chiamto tu?”

“Ma come Amoreee, c’era una chiamata persa…non eri tu?”

Di solito a quell’età i ragazzi sono molto più riservati nelle faccende sentimentali, ma questo stranamente continua a squittire Amoreee ogni due parole.

“No, tutto bene Amoreee, sì sono in autobus…adesso scendo”, fa un movimento come per alzarsi. Così il ciccione trentenne con il pizzetto di fianco a lui, si alza a sua volta, per farlo passare.

Ma non è la fermata giusta. Sembra ma non è quella. Così l’innamorato si risiede e il ciccione pure. La telefonata continua.

“Sì, Amoreee, si anch’io. Ah sì, te lo spiego dopo”, si alza di nuovo, il ciccione pure. Ma sbaglia ancora.

“Amoreee, allora scendo in Dateo!”, il ciccione alza gli occhi al cielo, intercetto il suo sguardo, ci sorridiamo. Anche lui ha il telefono in mano ma whatsappa e non urla.

“Amoreee…”, finalmente è arrivato, sempre al telefono, scende.

Siamo tutti sollevati, specialmente io che mi siedo al suo posto, di fianco al ciccione. Mi giro un attimo verso di lui e vedo che sta osservando sul video del suo smartphone delle foto di donne nude, in pose abbastanza pornografiche. Distolgo subito lo sguardo, peccato sembrava un ciccione simpatico. Whatsappa ancora. Magari è solo uno scherzo tra amici.

Nel dubbio fisso due vecchiette. Fuori è buio, il bus è gremito di gente, non posso certo guardare fuori dal finestrino per distrarmi. Siamo così pigiati che per me tirare fuori il telefono per distrarmi, con qualche fico su istagram, è impossibile.

Due fermate dopo lancio ancora un timido sguardo al mio vicino e vedo la foto di una tizia in lingerie: poca lingerie e tanta altra roba. Mi sta per scappare un: “Apperò”, ma opto invece per un più neutro: “Questa è l’ultima prima del capolinea?”, e lui gentilissimo risponde.

L’autobus l’ho preso per andare a un wine-tasting (dopo lo show-cooking, non poteva mancarmi il wine-tasting!) in un posto molto molto chic.

Gente elegante, ottimo vino, bella atmosfera natalizia. Luci basse. Tante candele. Vischio e candeline. Chiacchiere, risate, pettegolezzi, auguri.

A un certo punto, sento la signora di fianco a me cacciare un urlo più acuto degli altri tipici urletti di saluto. Mi giro e vedo che la giacca dell’ignaro signore accanto a lei ha preso fuoco. Una fiammata di almeno 20cm che parte proprio dallo spacco sopra le chiappe. Urlo anch’io, il signore infiammato finalmente si accorge e come tarantolato si toglie la giacca e la butta per terrra. Poi arriva il cameriere-eroe che riesce a spegnere il fuoco. E quando una bionda molto ingioiellata chiede un po’ schifata: “Ma sentite anche voi questa puzza di bruciato?” c’è già stato il lieto fine.