Festival del disegno

Al via la terza edizione di The Big Draw: per un mese intero si disegna in tutta Italia con oltre 330 appuntamenti. La partenza del festival del disegno più grande del mondo è a Milano sabato 15 settembre, per proseguire poi da Nord a Sud passando per il Centro.

Dalla Val d’Aosta al Veneto, dalla Liguria alla Toscana, dalla Campania alla Sicilia, tante le città e i centri piccoli e grandi che hanno aderito alla manifestazione. The Big Draw festeggia il disegno come linguaggio universale, come strumento di conoscenza, come momento di svago.

Disegnare non solo aiuta i più piccoli a esprimere il loro mondo interiore ma è anche un’arma importante per sviluppare l’intelligenza.

Su questa tesi il King’s College di Londra aveva compiuto uno studio su 7.750 coppie di gemelli di 4 anni. Ai bambini è stato chiesto di disegnare la figura di una persona. I disegni sono stati valutati con un punteggio da 0 a 12 a seconda della presenza e del numero corretto di parti del corpo umano, gambe, naso, orecchie. I ricercatori dopo aver messo all’opera i bimbi con pennarelli e matite, li hanno sottoposti ai classici test, verbali e non, che sono stati ripetuti quando i ragazzini hanno compiuto 14 anni. E’ venuto fuori che i bambini che hanno disegnato meglio da piccoli, anche da adolescenti si sono mostrati più svegli e capaci.

Al Castello Sforzesco, sabato 15 e domenica 16 settembre tra cortili, portici e spazi interni saranno impegnati pennelli, inchiostri, penne, forbici e soprattutto carta, per due giorni di laboratori a ciclo continuo, incontri, talk, performance, disegno in tutte le sue forme.
L’invito è per tutti: bambini, adolescenti, adulti, chi ama disegnare e chi è convinto di non saperlo fare, per riavvicinarsi al mondo del disegno scoprendo o riscoprendo la sua importanza non solo come attività ludica ma come strumento di apprendimento e di invenzione.


Divertirsi, imparare, scoprire e sperimentare ogni forma di disegno insieme a tanti artisti e illustratori: Sandra Borsczc, Anna Bruder, Anusc Castiglioni, Dario Cestaro, Eleonora Cumer, Maurizio De Bellis, Angelo Gorlini, Massimo Gonzato, Piero Guerriero, Francesco Lucchese, Claude Marzotto, Daniela Moretto, Giulia Orecchia, Fabio Persico, Alessandro Sanna e Guido Scarabottolo.

Qui il programma completo dell’evento.

Mamme bugiarde?

Da un po’ di giorni, Emma ha un’esplosiva passione per il cubo di Rubik.

L’altra sera l’ha portato anche a letto, incurante dei pericolosi angoli.
Lo manipola e gira in continuazione.
Ieri pomeriggio mi ha mostrato l’ennesimo risultato di un lato appena composto.
“Mamma guarda!”
“Bellissima composizione cromatica!”
Mi ha guardato interrogativa e poi delusa.
“Vuol dire che non te ne frega niente”
“No. Se non mi interessasse, avrei detto: brava Emma, ma che bello!”
“E’ vero. Quando i genitori se ne infischiano dicono così ai bambini”, aggiunge Anita: “Una mia compagna di scuola mi ha raccontato che da piccola sospettava che fosse così, allora faceva un disegno bruttissimo. Il più orrendo che poteva e poi metteva alla prova sua mamma. Le chiedeva: ti piace? E lei rispondeva sempre sì, anche se era schifoso!”
Colpita e affondata.
Sarebbe un estensione pittorica al concetto “ogni scarafone è bello a mamma sua”? O siamo cieche d’amore? E voi avete mai mentito, trattenendo a stento il conato di vomito?