Selfie con Silvy

schermata-2016-09-27-alle-10-35-09

Ecco un breve aggiornamento…

Dopo alcuni mesi di freddezza, Silvestro non si intrufolava più sul nostro balcone perchè era aveva avuto un incontro ravvicinato con i cani del parco che l’aveva bullato e terrorizzato, superato il trauma, finalmente è tornato a trovarci.

Quando arrivava Lola lo vedeva dalla finestra e cominciava a guaire per uscire. Poi dopo alcuni giorni di mutua e muta osservazione, Silvestro è coraggiosamente sceso dalla balaustra del balcone e si è avventurato dietro alla “macchina” del  condizionatore che sembra piacergli molto.

Lola ha capito che viene in pace e così ieri pomeriggio per suggellare la nuova intesa è stato scattato il primo selfie 🙂

La testa sul tuo petto

Mi considero atea o agnostica (nei momenti di maggior ottimismo) e quindi non mi sarei mai aspettata di essere coivolta così tanto dalla lettura di un libro che racconta la “biografia” di un discepolo, San Giovanni, autore del quarto libro del Vangelo e dell’Apocalisse.

La vita coraggiosa di un uomo folgorato dall’incontro con Gesù Cristo e dall’illuminazione della fede. Da piccola ero religiosissima, bigotta quasi, ma non in maniera gioiosa: imparavo a memoria le preghiere dei santini perchè avevo paura di morire durante il sonno. Poi mi inginocchiavo davanti all’immagine della Madonna che avevo sopra al letto e li recitavo.

Tre volte.

Se li sapevo bene poi potevo coricarmi e sperare di dormire e risvegliarmi, viva. Me l’avevano detto le suore all’asilo che a volte si muore nel sonno e le avevo prese terribilmente sul serio.

schermata-2016-09-26-alle-19-07-06

Quindi leggere un libro come La testa sul tuo petto mi ha molto colpito perchè parla essenzialmente di amore, l’amore infinito che regala la fede. Un sentimento totalizzante di felicità, diversissimo dal terrore che io avevo provato da ragazzina, al cospetto dei dogmi religiosi.

Si dice che Giovanni fosse il discepolo prediletto, era il più giovane e quello che durante l’ultima cena posò la testa sul petto di Gesù e gli chiese chi sarebbe stato colui che l’avrebbe tradito. Da questo episodio è stato mutuato il titolo di questa biografia romanzata scritta da Eleonora Mazzoni, già autrice de Le difettose e Gli ipocriti.

In questo libro ha scelto di narrare la vita di San Giovanni alternando capitoli in cui sembra lo stesso discepolo a raccontare in prima persona, ad altri in cui è Eleonora a parlare di sè e del suo rapporto con la religione. Il risultato è molto coinvolgente e porta chi legge a profonde riflessioni. Incredibilmente è successo a me, che avevo archiviato ormai da decenni il problema e i dubbi sulla fede.

Questo romanzo fa parte di una collana che si chiama Vite esagerate in cui alcuni scrittori italiani hanno scelto di raccontare le storia di personaggi he hanno attraversato grandi avventure per amore di Dio.

Che delusione Bridget Jones!

Bridget Jones è quasi come una parente.

L’omonimo romanzo l’avevo letto nel lontano 1997, l’autrice Helen Fielding è stata la pioniera (geniale) della chick-lit, il primo film una vera chicca, il secondo non l’ho visto (ma ne ho sentito parlare malissimo) e questo sono andata a vederlo piena di affetto e aspettative. Trascinandomi dietro le figlie, che avevano già schifato il primo, ma pensavo fosse un problema generazionale: forse quando l’avevano visto erano troppo giovani.

E invece…le uniche scene divertenti della pellicola sono quelle del trailer. Per il resto è molto pecoreccio e anche un po’ imbarazzante.

Imbarazzante perchè la vecchia Bridget è come un’amica e come tale vederla in un brutto film fa stare un po’ male.

Per riprendersi da questa spiacevole sensazione basta pensare che Renée Zellweger avrà beccato una paccata di soldi per fare questo film e così anche Colin Firth (un attore che stimo moltissimo) ma qui sembra un veliardo ingessato.
Chi fa la figura migliore è Hugh Grant (ai bei tempi andati antagonista di Colin Firth nel cuore di Bridget) perché nella finzione di questa vicenda è morto e al funerale si vede la sua foto da giovane.

Nell’aldilà: forever young!

La trama è improbabile: Bridget rimane incinta di Mr.Darcy (Colin Firth) e/o Jack (Patrick Dempsey), che nella brutta traduzione del film viene definito un “bilionario”. In inglese billioner vuol dire milardario, ma in italiano la parola non esiste.

Intendevano forse un collezionista di bilie?

Con il “bilionario” Bridget fa sesso solo una volta, ubriachissima a un festival musicale, dopo non si rivedono più, non conoscono neppure i rispettivi nomi ma… quando lui, due mesi dopo, scopre che potrebbe essere il padre del bambino decide che vuole dividere la sua vita con lei.

Ma quando mai?!?!?! Su che pianeta!?!?!

Così per tutto il film nessuno fa il test del DNA per stabilire la vera paternità e solo la ginecologa (Emma Thompson) esprime un po’ di sano sarcasmo sulla faccenda. Poi seguono tutta una serie di luoghi comuni sulla gravidanza e sul parto e un bel carosello di battute con volgarità da cinepanettone.

(Probabilmente tradotte in italiano sono  anche peggio che nella versione originale).

Insomma un’altra prova che i sequel e i prequel dovrebbero essere vietati per legge. Bridget Jones era un bella storia da cui era stato tratto un film carino e sarrebbe stato molto meglio, con eleganza, piantarla lì.

E’ sempre tutta colpa dei genitori

index

Gli ultimi due film che ho visto me l’hanno confermato ancora una volta.
Purtroppo non si scappa: gli errori che fanno mamma e papà ricadono dui figli. Alla grande. E in tutte le declinazioni possibili.

Rassegnamoci almeno un po’.

Certo, i signori Fang, protagonisti dell’omonimo film, tratto dal best- seller sulla loro storia, sono molto peggio dei genitori medi. Perché sono veramente squilibratissimi: costringevano sin da piccoli i figli a seguirli nelle loro performance creative, assurde e surreali. A recitare calandosi nei ruoli più improbabili. Solo per onorare l’obiettivo più alto: essere un’opera d’arte vivente. Crescere con genitori così è un bel fardello e infatti i Fang-figli, che in famiglia venivano frettolosamente etichettati “Bambina A” e Bambino B”, da adulti hanno comportamenti molto disfunzionali.
In questo film Nicole Kidman (la Bambina A cresciuta) interpreta finalmente un ruolo in cui non appare algida e perfetta, è fragile e nevrotica tanto da suscitare simpatia e tenerezza. E’ un’attrice frustrata e insicura, costretta a spogliarsi per poter lavorare. Jason Bateman (ex Bambino B e nella realtà anche regista della pellicola) è il fratello minore, ex autore di best-seller in pieno blocco creativo.

Il film non riesce a eguagliare il ritmo e la delizia del romanzo da cui è tratto, ma è comunque molto piacevole: coinvolge e suscita interessanti riflessioni.

Un altro figlio, con grandi questioni irrisolte nei riguardi dei genitori, è Tommaso, il protagonista del nuovo film di Kim Rossi Stuart, che ne è regista e interprete. Il bel Tommaso ha parecchi problemi di autostima e questo si riflette totalmente nelle sue relazioni disgraziate con le donne. Poi quando, nella pellicola, viene delineato il personaggio della madre se ne comprende la causa.
(E’ più vecchia di me, ma un po’ mi sono immedesimata. Se non faccio attenzione potrei diventare come lei!).
Questo film è molto onesto, intelligente, coraggioso, divertente, realistico e soprattutto fuori dal coro. Kim Rossi Stuart ricorda un po’ un Nanni Moretti giovane, ovviamente più bello, ugualmente arguto ma molto meno pretenzioso.

Correvo e bevevo succo d’albero

schermata-2016-09-20-alle-16-23-58

Torno a scrivere con molto ritardo perchè sono stata travolta dagli avvenimenti (dal blocco creativo al test di medicina di Anita!)
Comunque… faccio finta di niente e ripenso a Londra.
Una delle cose più piacevoli, fingendo di essere una vera londoner, era andare tutte le mattine a correre nel parco di fronte a casa: Battersea Park. Meraviglioso e molto vasto, con una parte che costeggia il Tamigi. Ombreggiato, con la temperatura giusta, c’era un sacco di gente che faceva sport, cani che correvano, ciclisti, vecchietti, bambini, una pista di atletica, il laghetto, la pagoda, un campo da cricket e tanti angoli meravigliosi.
img_8404
Così la mattina dopo una colazione leggera, partivo gasatissima, infilavo gli auricolari, connessa alla mia app con la musica e il coach motivazionale. Mi sentivo una lepre: un giorno facevo 7km e quello successivo 4,5.
Non avevo caldo, non avevo sete, non avevo male alle ginocchia. Una delizia.
Correvo sotto Chelsea Bridge e mi sentivo fichissima, quasi la protagonista di qualche thriller: una sportiva che trova anche un cadavere, o anche magari una borsa abbandonata piena di droga, mentre fra jogging. E così saltella su posto, ovviamente per non lasciar raffreddare i muscoli, mentre con il cellulare chiama subito Scotland Yard.
E poi sul posto arriva l’ispettore fico, ma sempre un po’ psicologicamente travagliato, e parte la sigla…zoomata sul Tamigi.
L’unica cosa che disturbava questa mia fantasia cinematografica era l’app, perchè dopo quel momento fantastico, qualche mese prima, in cui funzionava a meraviglia e sentivo la voce di Ashton, dopo un aggiornamento del telefono non era più la stessa, aveva cominciato a fare le bizze.
Un giorno la playlist si è fermata a metà percorso, un altro è andata in pausa e non è più ripartita, un altro ancora correvo, correvo e mi aspettavo di sentire la conta dei chilometri percorsi e invece ha iniziato a calcolare la mia corsa in miglia obbligandomi a laboriose conversioni metriche.
OK ero a Londra, le miglia ci stavano, ma poi la voce finale con i commenti era in italiano, impersonale come quella del navigatore: che delusione!
Insomma per essere felice ho provato, con frustrazione, varie app e non è per niente facile trovare quella giusta.
Perchè c’è quella che non ti dice le calorie, l’altra che vuole fotografarti, quell’altra ancora che ti spara pubblicità a tutto spiano, sperando che clicchi per sbaglio quando sei stravolto dalla fatica dell’allenamento.
Insomma un mezzo incubo.
L’ultimo tentativo è questo, dove come coach, per essere motivata, ho scelto la voce dell’allenatore dei marines, che è un po’ (molto) rude ma divertente.
maple
Un’altra cosa estremamente salutista che ho fatto in quei giorni è stato bere tree-water, l’ho scoperto qui dove offrivano degli assaggi: potevo scegliere fra acero, betulla e bamboo.
Ho comprato acero, ricco di manganese, mi sembrava l’idea migliore anche se non conoscevo esattamente le proprietà di questo minerale. Sono andata sulla fiducia, la commessa aveva un viso simpatico e sorrideva molto 🙂
Anche se adesso mentre la linfa vitale dell’albero scorre dentro di me, non sento molta differenza, ma la bottiglia era veramente carina!

A caccia di autografi

schermata-2016-09-10-alle-18-48-26

Anche quest’anno sono stata a Londra, ho fatto molte cose che voglio raccontare nei prossimi post. Ma il vero evento del soggiorno è stato andare a vedere Romeo&Juliet al Garrick Theatre con la regia di Kenneth Branagh e gli stessi protagonsiti che aveva già diretto in Cenerentola, Lily James e Richard Madden .
Molto lungimiranti, avevamo già comprato i biglietti in rete con mesi di anticipo. Così al nostro secondo giorno a Londra, Emma ed io ci siamo presentate a teatro felici e piene di aspettative.
A essere onesti non ero tanto felice, anzi ero piuttosto nervosa perchè quel giorno avevo iniziato la mia disintossicazione dal caffè. Aproffittando del fatto che a Londra caffè e capuccino sono meno buoni e ben più cari che in Italia, avevo deciso di essere un po’ inglese e bere solo te.
Bellissimo proposito un po’ difficile da realizzare.
Il giorno dello spettacolo era il primo del mio programma rehab-fai-da-te, la mattina è andata abbastanza bene, ho fatto una corsetta nel parco e mi sono sentita motivatissima nel programma benessere.
Il pomeriggio è stata più dura e quando siamo andate a teatro cominciavo a sentirmi piuttosto nervosa ma cercavo di non pensarci.
Nell’adattamento teatrale di Romeo&Juliet, il regista Kenneth Branagh aveva scelto un’ambientazione italiana in una Verona (che sembrava la Sicilia degli spot di Dolce&Gabbana) negli anni’50.
Scelta interessante soprattutto per i bellissimi costumi dei protagonisti ma discutibile sotto altri punti di vista. Infatti quello che mi ha reso una belva è stato vedere gli attori sedersi, più volte, al tavolino di un bar a bere caffè.
(cosa fanno gli italiani? Parlano forte, gesticolano e bevono caffè! Il regista avrebbe potuto mettere sul palcoscenico un bel piatto di spaghetti, mi avrebbe fatto soffrire di meno!)
Mentre Juliet si struggeva per Romeo, sono precipitata in una terribile crisi di astinenza, deliravo pensando: “Da quando avevo 14 anni non c’è mai stata una giornata in cui non ho bevuto un caffè, perchè proprio oggi devo smettere?”
Gli attori erano tutti bravissimi, Lily-Juliet deliziosa ma mancava Richard Madden (era caduto e si era fatto male a una gamba) perciò rimpiazzato da Freddie Fox.
img_8418
A fine spettacolo, mentre tutti erano in piedi ad applaudire pensavo solo una cosa: “Caffè! Caffè! Caffè! Sto arrivando!”
Invece Emma aveva un programma ben diverso: dovevamo piazzarci davanti alla porta del backstage ad aspettare gli attori per chiedere un autografo. Aveva fatto un ritratto di Lily James, che ammirava dai tempi in cui interpretava Lady Rose in Dontown Abbey , e voleva farselo autografare. E così ci siamo messe in fila in mezzo agli altri fan.
E abbiamo aspettato. Aspettato. Aspettato. Aspettato. E aspettato.
Aspettato ancora. E ancora.
Gli attori se la sono presa molto comoda, anzi (bastardi egoisti) hanno fatto anche un piccolo party per bere un po’ insieme visto che era venerdì sera. Li vedevamo ridere e scherzare sulla terrazza del teatro che poteva scorgersi dal punto dove noi poveri fan sfigati aspettavamo. C’era un sacco di gente, di cui molti psicologicamente instabili.
Erano tutti eccitatissimi.
La ragazza che aveva preparato uno scrapbook da donare a Lily James con una serie di lettere, una per ogni giorno del calendario dello spettacolo. Degli omarini anziani che stravedevano (ancora) per Marisa Berenson , itgirl degli anni’70 che interpretava la madre di Juliet. E naturalmente la folla di italiane che attendeva adorante Richard Madden senza sapere che fosse stato sostituito.
Poi c’ero io che pensavo “Caffè! Caffè! Caffè!”, anche se oramai era notte, ero nervosissima ma cercavo di dissimulare perché non volevo essere una cattiva madre.
Cercavo di autoconsolarmi ricordando che esistono genitori che dovevano soffrire molto più di me, mi sentivo molto vicina alle madri delle belibers e directioners, le fan di Justin Bieber e degli One Direction, e ringraziavo il cielo di non essere una di loro.
Tra la folla in attesa ogni quanto d’ora arrivava un padre romano, chaperon di un paio di fan sfegatate di Madden, a chiedere gentilmente quanto stimavano ci fosse ancora da aspettare.
Il pover’uomo veniva regolarmente sfanculato dalle adolescenti.
“Vado al pub qui di fianco a bere”, ha annunciato, stremato, a un certo punto. Allora l’ho guardato con interesse. Why not?
E se fossi andata a ubriacarmi con lui? Poteva la birra farmi dimenticare il caffè? Molto probabilmente sì. La tentazione era forte, ma lo strenuo papà era proprio brutto…
Così sono rimasta, imprecando segretamente dentro di me contro gli attori.
Fino a quando non è apparsa Marisa Berenson, ancora straordinariamente gnocca a dispetto dell’età.
Poi sono usciti tutti e buon’ultima l’adorabile Lily James, che ha firmato l’autografo e apprezzato molto il disegno di Emma.
Siamo tornate a casa contente ed è un mese che bevo solo 2 caffè al giorno.
(prima del rehab erano 4!)

Raw Vegan: Snack energetico al cacao

Screen Shot 2016-09-02 at 21.31.49

E’ arrivato settembre, siamo di nuovo qua come promesso…purtroppo le vacanze sono finite e per ricominciare, rientrare alla grande nella routine, tener testa ai buoni propositi per l’anno nuovo (questo è il vero inizio anno!) c’è bisogno di tanta energia.

Allora non c’è niente di meglio di queste palline che sono uno snack goloso, pieno di calorie “buone” e soprattutto facile, divertente e velocissimo da preparare. Queste palline sono anche comode da mettere in un piccolo contenitore e portarsi in borsa per far fronte agli attacchi di fame improvvisi a metà giornata.

Oramai gli snack energetici sono diventati molto di moda e vengono venduti in tutti i negozi di cibi biologici, peccato che il loro costo sia piuttosto elevato rispetto alle normali barrette quindi preparare queste palline è anche una buona strategia per iniziare il nuovo anno senza sforare, subito, il budget!

Ingredienti:

  • 5/6 datteri
  • 2 cucchiai di uvetta
  • mezza tazza di nocciole
  • mezza tazza di mandorle
  • un cucchiaio di cacao
  • Facoltativi: cocco in scaglie, fave di cacao, semi di chia

Procedimento:

  1. Denocciolare i datteri e inserirli, con gli altri ingredienti, nel mixer.
  2. Sminuzzare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un’impasto compatto e appiccicoso.
  3. Versare il mix su un tagliere e modellare delle palline.
  4. Lasciar riposare in frigo per un paio d’ore.
  5. Voilà! Le palline si conservano in frigorifero per circa una settimana o in freezer per due, ma di solito non durano così tanto 😉

Buone Vacanze!

Schermata 2016-07-30 alle 17.29.28

Oggi giornata di grande esodo, in città oramai si guida veloce e si trovano un sacco di parcheggi: tutti stanno partendo per le vacanze.
Così anche il blog si prende una pausa, mentre ne approfitterò per scrivere (un progetto che procede troppo pigro) tappata in casa nella penombra delle tapparelle abbassate. Leggerò dei libri lasciati sul comodino in attesa per troppo tempo. E alla sera forse andrò a vedere qualche vecchio film nei cinema all’aperto, sfidando con coraggio le cattivissime zanzare d’agosto. Ci rivediamo a settembre con qualche bella novità.
Felice estate a tutti!

L’amore è eterno finchè non risponde

IMG_8275

Uno dei libri più pubblicizzati dell’estate (addirittura un’intera pagina su La Lettura!).
E’ il debutto letterario, molto chick-lit, di un avvocato divorzista napoletana che ha scelto come protagonista della sua storia la trentenenne single Olivia Marni, che fa il suo stesso lavoro. Così racconta l’amore ai tempi dei social dal punto di vista di chi sulle disgrazie sentimentali altrui ci campa.
L’angolazione giuridica, spietata e realistica, è senz’altro la parte più originale e interessante del romanzo.
Mi sono divertita a capire cosa pensano veramente gli avvocati quando arrivano i clienti, disperati, incattiviti e desiderosi di vendetta: i Lasciati. Oppure gli altri, frettolosi e molto più simpatici: i Lascianti (quelli che hanno già in ballo un’altra storia d’amore).
Ho fatto giurisprudenza, e scelto di non esercitare la professione forense, leggendo queste pagine ho cercato di capire cosa mi sia persa (oltre al guadagno) ed è stato molto istruttivo.
All’inizio del romanzo Ester Viola è fulminante nello smentire le finzioni patinate degli sceneggiatori delle serie televisive legal americane che descrivono sempre il mondo degli avvocati come emozionante, sexy e avventuroso. In realtà pare che la vita fra aule di tribunale, codici e colleghi invidiosi sia molto più monotona e polverosa.
Poi però, continuando nella lettura, il dipanarsi della storia con molta enfasi sull’analisi delle dinamiche sentimentali governata dai social è noiosa e già vista/letta/scritta.
La vita della protagonista single è un copione un po’ trito: vestiti e scarpe firmate rovinate da un acquazzone (Sex & the city era a New York, qui siamo a Napoli ma quando ti vesti bene c’è sempre una bomba d’acqua), il frigo vuoto, le amiche di supporto, i maschi fedifraghi e tutti i riferimenti ai film cult sui sentimenti.
La scrittura è ironica: a volte con successo, altre in maniera un po’ pesante e pretenziosa. Abbondano le massime sui sentimenti, lo schema e la psicologia delle relazioni. L’autrice è piuttosto cinica e quindi simpatica. Ma l’overdose di trascrizioni di whatsapp ed email fra i personaggi fa nascere un dubbio: è tutta freschezza oppure un escamotage per allungare le pagine del libro?

Booksound: giovani lettori ascoltano

index

In Italia si legge poco, anzi sempre di meno.
Non riporto statistiche per non deprimerci!
Quindi è essenziale agire per non soccombere, per cambiare la situazione.
E la mossa più strategica per rivoluzionare queste brutte, vergognose, abitudini da non lettori è puntare sul futuro.
Sulle giovani generazioni, allevare lettori e lettrici fin da piccoli. Insegnare loro a entrare nel mondo meraviglioso dei libri, ad aprezzarli, a farsi incantare, ad ascoltare e condividere le emozioni e la gioia che una storia può regalare.
Per questo è nato Booksound, un’inziativa dedicata agli studenti dagli 8 ai 18 anni, che punta sulla voce per far scoprire ai giovani il piacere della lettura e della condivisione. Se prendere un libro e immergersi fra le sue pagine a un adolescente può sembrare una pericolosa mossa di isolamento, da sfigati senza amici, allora Booksound è nata per contraddire questo timore. Per provare che leggere è proprio il contrario. Per conquistare giovani non lettori e trasformarli in appassionati di libri puntando invece sulla condivisione, sul coinvolgimento. Infatti con Booksound leggere diventa un’attività da fare con i coetanei. Perché si legge insieme a voce alta. E’ un’idea gratuita proposta alle scuole per liberare la voce dei ragazzi e trasformarla in una risorsa straordinaria.
Nel 2016 più di duemila ragazzi in tutt’Italia, grazie ai volontari LaAV
(rete di lettori ad alta voce) images
si sono divertiti con i libri Marcos y Marcos, sperimentando prima la forza della loro voce durante i laboratori in classe (Booksound lab). E dopo, scatenandosi in tanti piccoli spettacoli di lettura e happening al di fuori della scuola: negli auditorium, in libreria, per le strade e in diversi festival: i Booksound live. Ragazzi che leggevano e ragazzi che ascoltavano.
Hanno anche partecipato al premio BookSound Story, realizzando dei bellissimi video sul tema “leggere ad alta voce” e il risultato si è visto al raduno nazionale lo scorso 23 maggio ad Arezzo (il BookSound Fest), in compagnia di tanti ospiti, autori e personaggi amati dai ragazzi, tra cui il rapper Shade.
Il risultato è stato importantissimo: sono nati dei nuovi lettori, giovani e appassionati.
Così anche nel 2016/2017 BookSound risuonerà nelle scuole e anche in altri eventi. Lunga vita alla lettura!
Se volete partecipare e condividere, le iscrizioni sono aperte e gratuite fino ad esaurimento disponibilità.

Il condominio dei cuori infranti

images.duckduckgo.com

Un film sorprendente, poetico, ironico e molto intelligente. Al quale, come purtroppo spesso succede con i film stranieri, è stato appioppato uno stupidissimo titolo Il condominio dei cuori infranti che ha ben poco a che fare con la storia della pellicola.
Forse si pensava di accalappiare spettatrici in cerca di romance?
Il titolo francese Asphalte ha un suo perché ed è molto più indicato. Infatti questa storia è ambientata in una casa popolare in una tristissima, non ben identificata periferia, in mezzo a casermoni tutti uguali in un mare di asfalto.
Ma in questa squallida banlieu comunque di amore ce n’è molto.
Non si tratta di un sentimento da commedia romantica, che regala il batticuore, ma piuttosto di un’emozione con una sfumatura più ampia e universale. E’ l’amore per il prossimo, nel bene e nel male, l’affetto e la solidarietà per chi ci sta attorno e magari appare anche un po’ ostico, strano e soprattutto indecifrabile.
In questo film non ci sono protagonisti vincenti, maschi alfa e seduttrici, ma persone comuni, come nella vita vera, un po’ bruttine e anche perdenti.
Tutto si svolge nel condominio dove il destino fa atterrare, causa avaria, la navicella spaziale di un astronauta americano che ha perso la rotta e viene inaspettatamente ospitato da un’anziana casalinga algerina.
Poi tra gli inquilini del brutto condominio fatiscente ci sono anche un aspirante fotografo, un’attrice in crisi e un adolescente annoiato e abbandonato a sè stesso. Mentre come improbabili guardiani, sui gradini d’ingresso dell’edificio ci sono due ragazzi un po’ troppo stonati, dall’abuso di sostanze, che non si stupiscono più di nulla.
Per tutti la vita è dura e monotona ma il talento del regista (il francese Samuel Benchetril) è stato quello di trasformare le azioni un po’ surreali di questi eroi sfigati in un piccolo capolavoro: coinvolgente e divertente. Il condominio dei cuori infranti è infatti uno di quei film low budget che grazie al passaparola sta avendo molto successo e lascia sul viso degli spettatori a fine proiezione, un grandissimo sorriso.

Nessuno esca piangendo

I bambini nascono prima nella testa e poi nella pancia.
Infatti spesso si sceglie il nome del proprio figlio ancora prima di rimanere incinta, ancora prima di sapere se sarà maschio o femmina.
Nessuno esca piangendo_cover
Così ha fatto anche l’autrice di questo struggente memoir che ha aspettato la sua bambina sognata, Caterina, per molto tempo. Tanto da farla diventare un’ossessione, l’ossessione del suo desiderio di maternità. In Nessuno esca piangendo con una scrittura limpida, coraggiosa e molto coinvolgente Marta Verna, medico specializzata in ematologia e oncologia pediatrica, racconta il suo cammino accidentato alla ricerca di un figlio (anzi di Caterina che non è mai arrivata), gli esami, le visite, i tentativi, le cure ormonali, le procedure di fecondazione, le emozioni e i fallimenti.
Un bambino può essere un collante per una coppia ma anche la mina che fa scoppiare la complicità, che logora l’unione e l’amore. Per Marta e suo marito Fabio è stato così: quando si desidera un figlio, non si può tornare alla dimensione precedente. A quando questo pensiero non esisteva. Nel bene e nel male la ricerca di un figlio cambia tutto, per sempre. Marta Verna nel suo memoir racconta i problemi matrimoniali, l’amore e il dolore, mischiandoli alla realtà del suo lavoro: nella mente il sogno della maternità e nella realtà il contatto quotidiano in corsia, con altre madri e padri che si sono rivolti a lei come medico, perchè guarisse i loro bambini gravemente ammalati.
Ne ha salvati e ne ha visti morire altrettanti: pazienti piccoli indifesi e coraggiosi. Bambini che facevano finta di non stare poi così male per non preoccupare i genitori. Storie che commuovono fino alle lacrime, ma nelle sue pagine Marta Verna non fa sconti al pietismo e non ci sono eccessi sentimentali. C’è solo la vita raccontata nella sua verità, che a volte anche nei momenti più drammatici riesce a stupirci con la sua poesia.

«E se ne andò. Senza rumore, impercettibilmente, con la delicatezza della ballerina che non sarebbe mai diventata. La madre guardò la propria madre e parlò, per la prima volta in nostra presenza nel loro dialetto.
Nessuno deve uscire da questa stanza piangendo. Ci sono delle creature là fuori che non devono sapere. Chiama il parroco e digli di suonare le campane a festa. Devono suonare a lungo.»

Amicizie difficili

Schermata 2016-07-19 alle 10.12.05

Lui è molto fotogenico, curioso e un po’ perplesso.
Lei è irruenta, stupita e moto gelosa del territorio.
L’invasione del balcone va avanti da mesi e ultimamente in questa estate caldissima la tensione dei loro incontri sembra stemperarsi.
Da quando lui, una sera tempestosa di lampi e tuoni si era perso. Temevamo il peggio, ascoltando la voce del suo padrone, chiamarlo disperato, nell’atmosfera cupa del temporale: “Silvestroooooo! Silvestrooooo! Silvestroooo!”
(L’incauto era caduto dal balcone, poi rimasto impigliato e impaurito nel cespuglio sottostante)
Schermata 2016-07-19 alle 10.12.47Da quella drammatica notte le cose sono cambiate.
Lola, inizialmente sospettata di averlo spinto giù e poi scagionata grazie al suo alibi (ha paura del temporale e si era rifugiata sotto il letto), forse temendo di non vederlo più, di non avere qualcuno su cui sfogare la sua abbaiata mattutina, ha capito che avere un vicino di casa peloso non è poi così male. Anche se diverso.
Di un’altra razza. Una razza che, per convenzione atavica, viene considerata nemica.

Così da un po’ di giorni, le intrusioni di Silvestro vengono accettate con minor fastidio. Ne sono molto contenta e ho cominciato un’opera di diplomazia, delicatissima, ispirandomi alle negoziazioni fra Israele e Palestina.
Mi sono intromessa da loro: quando Silvestro scavalca il confine del suo balcone e si affaccia sul nostro, cercando poi timidamente di avanzare, sempre con lo sguardo spalancato e perplesso, Lola lo guarda in cagnesco e gli abbaia da sotto.

Ho cercato, con il mio body language, di fare capire che andava tutto bene.
(Ispirata, nel mio piccolo, dall’uomo che sussurava ai cavalli :)!)

Si poteva evitare di abbaiare e anche di inarcare il dorso.

Allora Lola ha scodato e Silvestro anche. Però le mie figlie mi hanno detto che questa reazione da parte di un gatto non è così positiva.  Forse hanno ragione, infatti quando in segno di benvenuto ho allungato una mano verso Silvestro per fargliela annusare, mi sono presa un piccolo morso. Ma voglio essere positiva, continuerò i negoziati e spero presto di poterli fotografare assieme!

Weekend low cost in Europa

Schermata 2016-07-15 alle 18.26.39

Amo viaggiare ma odio sentirmi una turista ed essere trattata come tale. Se siete come me e in agosto preferite non far fuori tutte le vostre ferie, ma tenervi un po’ di giorni di vacanza da sfruttare per piccoli break durante l’anno, questo è il manuale che fa per voi. Una guida impareggiabile che elenca ben 46 mete in Europa da visitare senza spendere troppo, grazie ai consigli e ai trucchi di chi ci è già stato e vi aiuta ad evitare le trappole da turisti. Giuseppe Ortolano, l’autore di questo libro, un giornalista che si occupa di viaggi da tantissimo tempo, ha scoperto le strategie giuste per muoversi, gli hotel e i ristoranti più convenienti e anche le attrazioni turistiche che si possono visitare gratuitamente. La guida, molto facile da consultare, è arricchita da varie mappe e piccoli excursus storici sulla storia delle città da visitare. Poi, oltre alle mete turistiche europee più gettonate da noi italiani, regala preziosissime informazioni su come cavarsela nei costosi paesi scandinavi, nelle sconosciute terrre baltiche e anche nei misteriosi territori balcanici. Per chi abbia voglia di scarpinare ci sono tutte le informazioni per intraprendere i Cammino di Santiago, per chi invece sia patito delle terme, il posto migliore è Budapest e chi sogna la Norvegia low cost troverà indirizzi inediti per sfangarla anche in tempo di crisi. La buona notizia è che all’estero gli ostelli non sono solo per i ragazzi, a Londra i musei sono gratis e ci sono gli Easyhotel della compagnia aerea Easyjet, veramente a buon mercato. E molte altre dritte anche golose, su cosa e dove mangiare, per non farsi prendere in giro nei ristoranti troppo turistici e costosi. Insomma ci sono consigli utili per tutti, tantissime idee e proposte originali per viaggiatori esigenti, avventurosi e curiosi. Pronti a partire senza dover affrontare spese folli.

Crostata di frutta estiva (senza forno!)

Questa settimana vi propongo una crostata velocissima da realizzare, sana e soprattutto fredda! In questi giorni non viene certo voglia di accendere il forno, perciò una torta fredda è l’alternativa giusta, specialmente se leggera e ricca di frutta fresca.

Ingredienti:

  • Due tazze di noci
  • 6/7 datteri Medjool
  • 300g di tofu morbido (detto anche silken tofu)
  • 1/4 di tazza di sciroppo d’acero (o di agave o riso)
  • Mezzo cucchiaino di vaniglia
  • Un pizzico di curcuma (facoltativo, serve a dare il colore giallino alla crema)
  • Frutta fresca a piacere

Procedimento:

  1. Sminuzzare le noci nel mixer fino ad ottenere una consistenza farinosa.
  2. Aggiungere uno ad uno i datteri denocciolati, per ottenere un impasto compatto e malleabile.
  3. Versare l’impasto in una teglia per torte coperta di carta da forno, modellando i bordi in modo da lasciare uno spazio al centro dove versare la crema.
  4. Lasciare in freezer mentre si prepara la crema.
  5. Scolare il tofu e metterlo nel mixer con lo sciroppo, la vaniglia e la curcuma.
  6. Mixare fino ad ottenere una crema liscia.
  7. Togliere la base dal freezer e versarci sopra la crema.
  8. Lasciar riposare nel frigorifero per 2-4 ore.
  9. Preparare la frutta per guarnire la torta, io ho usato frutti di bosco, pesche e mango.
  10. Guarnire la torta appena tolta dal frigo per evitare che si sciolga troppo.

La torta si conserva in frigo, ma, visto il caldo, anche in freezer se non viene mangiata subito!

La base

La base

La crema

La crema

La frutta

La frutta

Il prodotto finito!

Il prodotto finito!

1 2 3 64