Sulle Dolomiti a caccia di stelle

Sulle Dolomiti, per osservare le stelle non si aspetta la notte di S. Lorenzo.

E non si ammirano solamente sdraiati sui pascoli, nelle notti in cui il cielo è più limpido. Quello per il firmamento è un vero e proprio culto che ha ispirato la nascita di una serie di proposte stellari nel contesto del Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO, capace di illuminarsi in senso astrale anche quando il buio non è ancora calato sulla valle.

A chi non si accontenta di osservatori e planetari, il primo astrovillaggio d’Europa, nei paesi di Collepietra e San Valentino del comune di Cornedo, offre il piacere di una straordinaria vista sul cielo stellato. Ogni giovedì sera, a solo mezz’ora da Bolzano ma lontano dalle luci cittadine, l’Osservatorio Astronomico “Max Valier” offre uno sguardo nelle profondità dello spazio cosmico e informazioni pratiche per l’esplorazione del cielo. L’unico osservatorio astronomico dell’Alto Adige è raggiungibile con un sentiero lungo il quale le distanze del sistema solare sono state riportate con una scala di 1:1 miliardo. Una volta giunti, è possibile scrutare di notte la volta celeste, e di giorno la straordinaria attività del sole nell’Osservatorio Solare “Peter Anich”.

L’intero universo si apre davanti agli occhi, gettando una nuova e avvincente luce sul mondo dell’astronomia. Passeggiando attraverso i paesi di Collepietra e San Valentino in Campo può capitare di imbattersi in meridiane che abbelliscono le facciate delle case e i giardini. Presso ogni ristoratore aderente è posizionato un punto informazioni astrologico e un “telescopio” che permette di dare un’occhiata nella profondità dell’oscurità planetaria. Nella biblioteca è inoltre a disposizione tutto il materiale necessario per approfondire le conoscenze astronomiche.

Sempre in tema di stelle e volte celesti, il Planetario Alto Adige di San Valentino è l’unico nel suo genere in Alto Adige. A differenza dell’Osservatorio astronomico, qui l’universo viene mostrato mediante l’aiuto di strumenti ottici 3 D molto precisi, insieme ad un ottimo sistema acustico. Un viaggio nello spazio, alla volta del pianeta Marte o Venere è sempre stato un antichissimo sogno dell’uomo. Quel sogno ora diventa realtà in un’affascinate sala di simulazione.

Austria: paradiso per i bambini

L’Austria è la meta green per eccellenza: montagne, vallate, paesi incastonati in paesaggi fiabeschi, dove la natura si unisce alle tradizioni di ospitalità. Per questo gli albergatori e i consorzi ogni anno preparano una serie di attività legate al territorio per emozionare grandi e piccini.

Iniziando dal Tirolo, il “geocaching” è il trend dell’estate 2018: i partecipanti di questo gioco, alias i geocacher, nascondono piccoli tesori in bauli, barattoli, bottiglie. Con lo smartphone ci si registra, si sceglie la regione (in Tirolo ad esempio la caccia al tesoro più emozionante è sul ghiacciaio dello Stubai, con facili sentieri segnati, adatti anche alle famiglie), si scaricano le coordinate del tesoro e si parte alla sua ricerca.

Un’altra meta ideale per le famiglie è il Mondo dei Cristalli di Swarovski, a due passi da Innsbruck, “capitale” del Tirolo, i bambini si divertono al parco della Torre, che offre le più diverse avventure su quattro piani sovrapposti uniti da una rete da arrampicata veramente unica, che si può scalare fino a quasi 14 metri di altezza. Qui si possono fare scalate, andare in altalena, oscillare e scivolare e quasi avere l’impressione di librarsi. La facciata della torre è costituita da 160 sfaccettature cristalline tutte diverse. Le lastre sono stampate con un inedito motivo fatto di milioni di minuscoli animaletti; in ogni momento si può guardare da dentro a fuori e le attività all’interno sono pure visibili dall’esterno; la sera la torre appare come un corpo luminoso spettacolare; ci si diverte anche a nascondersi nel labirinto a forma di mano realizzato da André Heller che fa parte delle più belle sezioni del parco Swarovski.

 

Poi c’è la regione del Salisburghese, i bambini si divertono in mille modi, a cominciare dalle piste ciclabili facili, a misura di famiglia, come per esempio le piste ciclabili nella Lungau: è possibile raggiungere il castello di Mauterndorf su un itinerario pianeggiante, e diventare principesse o cavalieri con tanto di corona, armatura e balestra.  Anche il giro del lago Zell è un percorso semplice e breve che affascina tutta la famiglia. Per chi ama fare il bagno, i laghi alpini si prestano a fare tuffi nelle acque cristalline; per i bambini coraggiosi lo slittino estivo offre divertimento senza limiti nella Lammertal e anche in Tennengau; è possibile prendere velocità, cronometrata, anche negli scivoli dei minatori nella miniera di sale di Hallein, dopo una visita guidata e una gita in trenino.

E ancora in Carinzia, la regione più a sud dell’Austria, confinante con il Friuli Venezia Giulia, propone vacanze spensierate con la famiglia: attività all’aria aperta nella natura, come nascondersi in un grande mucchio di fieno o camminare su dolci cime arrotondate; si può organizzare un semplice pic-nic in riva al lago, ammirare stambecchi e marmotte in libertà nel loro habitat naturale o semplicemente chiudere gli occhi e tuffarsi dal pontile nelle calde acque di uno dei numerosi laghi della regione, balneabili e caldi. I più coraggiosi si possono calare con la corda dalla Pyramidenkogel, la torre panoramica in legno più alta del mondo (75 metri). La salita con l’ascensore panoramico regala già panorami meravigliosi, ma i più sportivi possono conquistare la torre salendo a piedi 441 scalini; per i bambini alti almeno 130 cm, la torre è una sfida avventurosa e divertente, con lo scivolo coperto più alto d’Europa. Si sfreccia a valle superando 52 metri di dislivello.

Itinerari tattici nella notte di S.Lorenzo

Il prossimo 10 agosto chi non vuole perdersi la possibilità di vedere una stella cadente, può fare una gita nel cuore delle Dolomiti dove si trova il primo astrovillaggio d’Europa.

Nei paesi di Collepietra e San Valentino, del comune di Cornedo, è possibile godere di una straordinaria vista sul cielo stellato.
Ogni giovedì sera, a solo mezz’ora da Bolzano, ma lontano dalle luci cittadine, l’Osservatorio Astronomico “Max Valier” offre uno sguardo nelle profondità dello spazio cosmico e informazioni pratiche per l’esplorazione del cielo.

L’osservatorio è raggiungibile con un sentiero e, arrivati a destinazione, è possibile scrutare di notte la volta celeste e durante il giorno eventualmente la straordinaria attività del sole.

Da queste parti sono tutti innamorati dell’astronomia: passeggiando attraverso i paesi di Collepietra e San Valentino in Campo può capitare di imbattersi in meridiane che abbelliscono le facciate delle case e i giardini. E presso alcuni ristoranti della zona è posizionato un punto informazioni astrologico e un “telescopio” che permette di dare un’occhiata nella profondità dell’oscurità planetaria.

Per approfondire poi i misteri della volta celeste poi c’è il  Planetario dove l’universo viene mostrato mediante l’aiuto di strumenti ottici 3 D molto precisi, insieme ad un ottimo sistema acustico. Un viaggio nello spazio diventa realtà in un’affascinante sala di simulazione.


Chi invece non vuole andare in montagna, può intraprendere un viaggio spaziale dallo storico borgo medievale del Castello di Petroia, vicino a Perugia. Tornano, le Grigliate Astronomiche, tutti i venerdì fino al 10 agosto, serate per esplorare i misteri dell’universo da una posizione privilegiata: la piazza del castello che ha dato i natali a Federico da Montefeltro. Qui è totalmente assente l’inquinamento luminoso, tanto che i valori di buio registrati sono considerati tra i più alti d’Italia.

In barca vela con i figli

Vi piacerebbe fare una vacanza in barca a vela ma non avete mai osato provarci?
Perchè costa troppo, oppure perchè i bambini sono piccoli? O avete paura che si possano annoiare (e diventare insopportabili) senza gli amici?
Adesso queste scuse potrebbero non valere più, infatti c’è Sailsquare , l’airbnb della barca a vela, dove tutti gli appassionati di vela, o quelli che vorrebbero diventarlo, possono iscriversi e a prezzi modici partire per un avventura con il vento in poppa. Infatti su questa piattaforma vengono pubblicizzati viaggi da condividere a seconda delle proprie preferenze ed esigenze.
Schermata 2016-06-05 alle 17.45.16
Nata nel 2012, Sailsquare è la prima piattaforma di vacanze in barca dove gli iscritti possono creare la propria crociera su misura, mentre gli utenti possono entrare a far parte di un equipaggio in via di formazione: l’affidabilità della community è costantemente monitorata attraverso un sistema di verifiche, feedback e recensioni.

Su Sailsquare in questo periodo ci sono tante idee adatte alle famiglie con bambini, (con foto, curriculum dello skipper papà e naturalmente età degli altri ragazzi dell’equipaggio). Proposte di vari giorni per visitare e scoprire le località più belle del Mediterraneo: da Palmarola, all’ Isola d’Elba, Costa Azzurra, Malta e tante altre mete. Da studiare e condividere con altri genitori, bambini e adolescenti.

Schermata 2016-06-05 alle 18.02.05

Le incredibili sorprese del Valais

La settimana scorsa sono stata invitata alla “cena svizzera”: una serata di degustazione enogastronomica dove ho scoperto il Valais, il cantone più soleggiato che si estende dalla valle del Rodano fino al Lago di Ginevra. Ha un’altitudine che va dai 400 ai 4000 metri e un clima molto temperato, simile a quello della riviera francese. Infatti nei 5000 ettari di vigne la produzione dei vini è incredibile (ne abbiamo assaggiati di ottimi poi mi sono dovuta fermare perchè dovevo guidare fino a casa!) e fra i prodotti tipici ci sono inaspettatamente pere, albicocche e asparagi. Oltre naturalmente a quelli più tradizionali come i formaggi, la carne e la cioccolata.

Schermata 2016-05-30 alle 16.03.33

Mentre cercavo di non abuffarmi troppo, mi hanno raccontato del panorama naturale unico del Valais, (raggiungibile da Milano con un viaggio di circa due ore e mezzo, anche in treno) dove si trova l’Aletsch, il più grande ghiacciaio delle Alpi. Con un’estensione di ben 23 km, è talmente unico e maestoso da essere stato nominato patrimonio dell’Unesco.

familie-im-aletschwald-aletsch-arena-cp-s

La zona del ghiacciaio, l’Aletsch Arena è chiusa al traffico e rende possibile, in estate, 317 km di sentieri escursionistici, vie ferrate, parchi avventura, voli in parapendio, percorsi per mountain bike. E’ perciò una meta ideale per una vacanza in famiglia con vari tipi di divertimento, tutti in completa sicurezza. Tre sono i punti panoramici principali della zona, offrono una vista stupenda e sono meta di escursioni: Riederalp, Bettmeralp e Fiesch-Eggishorn. Si può scegliere una di queste località come base e da lì esplorare il territorio. Per farlo si può utilizzare la modernissima cabinovia che, oltre a essere comoda, permette di ammirare panorami mozzafiato. E magari se un giorno il sole non splende e il tempo fa i capricci, per i bambini nel punto panoramico di Bettmerhorn c’è un museo interattivo molto speciale: con parete di ghiaccio, caleidoscopio e plastico dell’Aletsch.

Da non sottovalutare inoltre l’aspetto magico di questo luogo incredibile: infatti da sempre gli abitanti indicano la zona del ghiacciaio dell’Aletsch come un «centro di energie». Un luogo geologico che, per effetto di radiazioni della Terra, emana energia positiva sul visitatore.
Schermata 2016-05-30 alle 16.02.14

Mai come quest’anno, avrei bisogno di ricaricare le pile con taniche di energia positiva e, dopo anni di pratica yoga, ho abbandonato ogni scetticismo, so che il fenomeno esiste veramente. Basta crederci per beneficiarne. Qui tutte le info su come raggiungere i punti migliori sul ghiacciaio per ricaricare le pile di energia positiva e farsi baciare dalla fortuna!

Qui invece il calendario degli eventi della prossima estate: da tenere d’occhio il prossimo 10 luglio dove ci sarà la festa delle famiglie con tanti eventi dedicati ai più piccoli!