Rapporto sull’obesità in Italia

Nonostante l’enfasi sul food, sui cuochi e sulle ricette, continuiamo a mangiare troppo e soprattutto male. La cultura alimentare mediterranea, salutare per tradizione, ormai non riesce più a difenderci.

Perchè a causa del consumismo e della smania di profitto che, genera sempre nuove e pericolose sofisticazioni alimentari pericolose per l’organismo, nelle abitudini alimentarici stiamo globalizzando nel modo più trash.

Il junk food è diventato un’abitudine di vita per troppi.

E questa tendenza penalizza soprattutto le nuove generazioni, a riprova di ciò, riporto una sintesi del comunicato sul Rapporto sull’obesità in Italia che dipinge una situazione drammatica. Perché non si tratta solo di fallire in pieno la prova costume ma anche di essere predestinati ad avere gravi ripercussioni future sulla salute.

Circa 1milione e 700mila tra bambini e adolescenti italiani, pari al 24,9% della popolazione 6-17 anni, ha un eccesso di peso. Tale eccesso di peso raggiunge la prevalenza più elevata tra i bambini di 6-10 anni (34,2%), e il valore minimo tra i ragazzi di 14-17 anni (14,6%) e in generale nei ragazzi (28,3%) piuttosto che nelle ragazze (21,3%). Inoltre, le prevalenze di sovrappeso e obesità aumentano significativamente passando da nord a sud (19,7% Nord-Ovest fino a un massimo del 36,1% in Campania). Sono questi alcuni dei dati emersi dal nuovo “Rapporto sull’obesità in Italia. Obesità e sonno: dalla patogenesi alla terapia”, curato da 22 tra specialisti dell’Auxologico e ricercatori Istat.

La pubblicazione approfondisce poi ampiamente il circolo vizioso che lega obesità e disturbi del sonno, discutendone i meccanismi patogenetici e fornendo particolari riferimenti anche alle differenze di genere e alle peculiarità del problema nelle diverse epoche della vita. In particolare, sono trattati i complessi rapporti tra obesità, sindrome metabolica, disturbi respiratori notturni, regolazione neuroendocrina, disturbi alimentari e sonno. Spazio rilevante è dato anche alla relazione tra sonno, obesità e complicanze cardiovascolari o neurologiche; l’obesità è infatti quasi sempre una condizione disabilitante associata a diverse patologie croniche.

Il livello di istruzione e il tenore di vita degli adulti emergono come elementi che influenzano la tendenza all’eccesso di peso oltre che per se stessi, anche per i figli: più si studia e meno si ingrassa, o meglio, maggiore è l’attenzione all’alimentazione, agli stili di vita salutari e all’attività fisica. Il risultato è che i ragazzi che vivono in famiglie caratterizzate da un livello socio culturale più elevato o buone risorse economiche presentano prevalenze di eccesso di peso più basse rispetto a coloro che al contrario vivono in famiglie in condizioni socio-economiche più svantaggiate. Inoltre, i bambini e ragazzi che vivono in famiglie in cui almeno uno dei genitori è in eccesso di peso sono più spesso anch’essi in sovrappeso o obesi.

Rispetto ai disturbi del sonno, si riscontra che circa il 27% dei bambini in età scolare e il 45% degli adolescenti dormono meno rispetto a quanto raccomandato per la loro età dalle principali società scientifiche. Il rapporto evidenzia che la cronica restrizione e la scarsa qualità del sonno sono associati ad un aumento del rischio di obesità.