Peggio di così…

Sul D di Repubblica ho letto un bellissimo, interessante e purtroppo realistico articolo sulla sessualizzazione precoce degli adolescenti. I nostri figli sono esposti, immersi, in un mondo altamente erotizzato e ne vengono manipolati senza avere la maturità e la competenza per interpretare e filtrare i messaggi. Questo cercavo di spiegare anche ad Anita, domenica dopo aver visto “Romeo and Juliet” e riflettuto sull’età acerba della protagonista. A quattordici anni lei si è “rovinata” per Romeo, ora ci sono delle bambine di undici, di nostra conoscenza che messaggiano su internet con dei nick name da bombe del sesso o descrivendosi nel loro profilo con frasi spagnoleggianti che invitano all’amplesso. Cosa facciamo? Ascoltiamo il premier che ci spiega che la proporzione soldati e belle ragazze non è attuabile? O guardiamo Sanremo? Dove il baldo presentatore Bonolis spiega, ammiccando: “Certo il Festival è un programma per famiglie, anche se ci saranno come ospiti le conigliette di Playboy, dipende dall’apertura mentale della famiglia!”.