Come scrivere un romanzo rosa

Perché i romanzi rosa sono i libri più venduti? Cosa hanno in comune Orgoglio e Pregiudizio e Cinquanta sfumature di grigio? Sex & the city e Twilight?

Dai classici agli ultimi bestseller nati su internet e sviluppati su wattpad, come After di Anna Todd, il segreto è nella struttura narrativa che rimane sempre la stessa declinata poi in varie situazioni a seconda della cornice di spazio e tempo dove si vuole ambientare la storia. Sia in una cornice storica che distopica o in una trama biografica, il plot deve sempre seguire le medesime regole. Lo scheletro, lo schema, deve essere rigidamente lo stesso. Non si può sgarrare.

Via libera alla creatività ma bisogna condividere e rispettare la stessa regola ferrea che esiste anche per lo schema dei libri gialli.

In un romanzo sentimentale la trama e la vicenda devono catturare l’immaginazione di chi legge che si immedesima e vorrebbe vivere la stessa esperienza. Per accalappiare i lettori ci sono ci sono punti fermi che non devono essere sottovalutati.

L’ho imparato a mie spese, nei primi tentativi di scrittura. Un esempio eclatante su tutti? Il finale che non deve essere assolutamente aperto. Non bisogna lasciare fantasticare il lettore su come potrebbe svilupparsi la vicenda. No, bisogna dirglielo, anzi scriverlo chiaramente. Non si può pensare che qualcosa sia implicito, che possa essere “letto fra le righe”. O peggio, interpretato magicamente per telepatia dalla mente dell’autore.

Il finale deve essere chiaro e soprattutto positivo. Per non rischiare di irritare chi legge. A me è successo con il primo romanzo Love.com, su Amazon qualcuno, palesemente insodisfatto, in una recensione, aveva commentato:

“All’autrice è venuto un crampo alla mano e non è riuscita a chiudere degnamente la storia”

Ho impiegato un po’ di tempo a digerirlo, mi sono venute anche le lacrime agli occhi. Crudele ma simpatico, mi ha fatto assimilare bene il concetto 🙂

Adesso dopo aver sbagliato, capitalizzando nel bene e nel male sulla mia esperienza, ho deciso di condividere le dritte su come scrivere un romanzo rosa. Focalizzandomi soprattutto sugli errori da evitare. Lo scorso anno ho organizzato lezioni su questo argomento per le studentesse del liceo classico frequentato da mia figlia. Mentre da gennaio comincerò un corso di scrittura creativa finalizzato alla stesura di racconti che diventeranno poi un ebook.

Qui tutte le info per saperne di più.

L’amore è una bugia: un’anteprima

Per incuriosirvi un po’ di più sul mio romanzo, aspettando mercoledì 24, ecco qualche pagina. Il giveaway ha avuto un po’ di condivisioni ma stranamente anonime, quindi ricordatevi, eventualmente, di lasciare un commento 🙂

Di regola si può leggere negli store online un estratto di 20 pagine di un romanzo, perciò ho pensato di non ripetere quelle ma andare un po’ più avanti, senza “spoilerare” ovviamente.

(Peccato perchè le pgine più belle sono un po’ più avanti, ma ho cercato di trattenermi).

Quindi ecco alcuni pezzi che mi sono divertita a scrivere

(Mi piace un sacco inventare i dialoghi, le descrizioni invece per me sono più pesanti da scrivere).

Questi sono i due amiconi, i protagonisti maschili:

Più tardi la serata non prevedeva niente di particolarmente eccitante: all’orizzonte non c’erano appuntamenti mondani o eventuali incontri piccanti. Così Andrea e Mattia decisero di con- cedersi un bel trancio di pizza unta e saporita, a buon mercato.

Stravaccati sulla panca “dell’egiziano” sotto casa di Andrea, si gustarono un po’ annoiati una cena veloce innaffiata di birra. «Ti fai anche un kebab dopo la pizza? Sei proprio un maiale! È inutile che ti ammazzi sull’ellittica se poi mangi così» commentò Mattia, scandalizzato, dopo che il suo amico aveva ordinato altro cibo.
«Ho fame perché oggi non ho pranzato. Ho avuto pazienti tutto il giorno, senza pausa. Non faccio mica il giornalista fancazzista!» si difese Andrea.Ma Mattia non lo ascoltava più. Stava armeggiando con lo smartphone. Sorrise. Poi cominciò a digitare un messaggio.

«Ne prendi un’altra?» gli fece Andrea.
«Di cosa?»
«Di birra, coglione.»
Mattia non reagì. Era troppo preso dall’interazione con il telefono.
«La prossima volta vengo a mangiare da solo, visto che sei di grande compagnia.»
«Stai calmo! Mi è arrivato un messaggio su Facebook da una tipa, che ho incontrato l’altra sera allo showcase dei Depeche. Una ragazzina, figlia di un ex groupie di Dave Gahan…»

«Ah! Interessante! Tale madre tale figlia.»

«Non proprio. Però su questo ho fatto l’attacco nel mio pezzo. Lei l’ha letto e si è arrabbiata perché ho un po’ ricamato sulla storia.»

«Hai raccontato un sacco di balle come al solito.»
«Più o meno.»

 Qui la protagonista Elena incontra la sua amica:

…finalmente all’orizzonte comparve Giulia. Era trafelata, accaldata e barcollava sui tacchi, che le impedivano un passo spedito.

«Questi sandali maledetti mi stanno distruggendo i piedi» si lamentò prima di stramazzare sulla sedia di fianco a Elena.

«Però sono bellissimi…»

«Grazie, ma dovrei andare a lavorare in tuta, altro che tacchi e vestitino. Almeno starei comoda e magari quel porco la smetterebbe di allungare le mani.»

«È successo ancora?»

«Succede sempre. È la sua tecnica. Appena può, mi si stru- scia contro, peggio dei maniaci sul tram. Mi scanso, ma sembra non farci caso. Non demorde. Oggi mentre facevo delle foto- copie, con una scusa, mi si è piazzato dietro e non ho resistito: sono arretrata di un passo e gli ho piantato il tacco sul piede…Ho avuto un momento di soddisfazione quando ha guaito di dolore.»

«Brava, si meritava la stilettata!»

«Sì, ma non posso fare così tutte le volte che mi si avvicina. Devo finire il praticantato, lo sa e ne approfitta. Ho parlato con la segretaria più vecchia dello studio, ma naturalmente non ha potuto raccontarmi molto perché anche lei ha bisogno di lavo- rare. Comunque mi ha fatto capire che di ragazze neolaureate dal loro ufficio ne sono passate tante.»

«E sono tutte scappate…»

«Infatti, il maiale usa sempre la stessa strategia. Mette un annuncio in facoltà per cercare praticanti… non può scrivere che vuole solo donne, ma quando fa i colloqui i maschi pun- tualmente li scarta. Così ha sempre carne fresca. Abboccano in molte. Lo studio Pinzoni è in centro, piccolo ma abbastanza conosciuto. Con la fame di posti di lavoro che c’è in giro, all’inizio sembra una buona opportunità.»

«Giulia, è uno schifo, devi denunciarlo per molestie.»

«Ci ho pensato, ma lui è più potente di me, temo che la cosa mi si ritorcerebbe contro.»

E anche una descrizione:

Si infilò dentro per comprare una ricarica. Mentre aspettava di essere servita, Elena scorse biglietti di Gratta & Vinci appesi ovunque. Anche sopra il suo naso. Pensò che, anche per lei, forse tentare la sorte poteva essere l’unica via d’uscita. Era stata così sfortunata con il furto di quel pomeriggio da essere in credito con la fortuna. Riuscì quasi a sorridere.

Se avesse vinto, con uno di quei tagliandi che promettevano vent’anni di rendita con l’unica preoccupazione di andare in vacanza, in una botta sola avrebbe potuto mandare al diavolo Bigli e anche Lorenzo!

«Una ricarica da dieci e un Turista per sempre.»

Mentre grattava con una moneta le icone colorate degli in- fradito disegnate sul tagliando, invocò mentalmente la fortuna. Concentrata sul suo sogno, si appoggiò al bancone dove c’erano ancora i resti dell’happy hour. Pezzetti di pizza e focaccia, in mezzo a patatine e olive che avevano visto giorni migliori.