Figlie geek


Ieri Emma mi ha stupito con questo video, realizzato grazie a iMovie il programma per il Mac con cui da un po’ Anita si diletta. Me lo sono fatta giurare e ri-giurare: chidendole più volte “Ma l’hai fatto veramente tu?” Anche Anita che si esprimeva ancora a mugugni (oggi menomale parla, lentamente ma parla) ha ammesso di aver aiutato Emma solo con la colonna sonora. L’idea del riciclo gira in casa da anni, Emma l’altro giorno ha visto al GTRagazzi un servizio che raccontava quante bottiglie d’acqua in plastica servono per fare una sedia, una bicicletta, ecc. Le foto delle bottiglie le ha trovate su Google, il cestino è quello del computer….
E il miracolo si è compiuto. Anzi, gasata dall’attenzione ricevuta, ha anticipato che forse ne farà una serie!
L’umiltà è una dote, lo so, ma questa volta, concedetemelo, sono veramente proud-mother!

Tutto è cominciato una decina di anni fa: una mattina eravamo in cucina e ho detto a Sant’:
“Dobbiamo chiamare l’idraulico”
“Mandami un email”, mi ha risposto senza ridere.
Da allora ho capito che nella nostra famiglia comunicazione avrebbe fatto sempre e comunque rima con connessione. E così da brava famiglia post moderna ci parliamo per link: questo è il nuovo blog di Anita, nato oggi.
E’ una fan di stardoll e lo scopo del suo blog è commentare e svelare trucchi che possono servire a giocare meglio su questo sito.
Mi ha chiesto di invitare le vostre figlie a dare un’occhiata! (un po’ di sano nepotismo alla Sarkò)