Nuove perle a nuovi porci

Il diario di un anno di scuola: da settembre a giugno raccontato da un insegnante di lungo corso, cinico e acuto. Ne è uscito un resoconto esilarante, vero e scomodo. Un libro, appena pubblicato, che tutti gli insegnanti e i genitori dovrebbero leggere. Anche solo per garantirsi una risata, un po’ di sano buon umore, al netto del pernicioso buonismo imperante e della dittatura noiosa del politically correct.

Gianmarco Perboni è il nome de plume di un vero insegnante (altrimenti come potrebbe entrare con tanta disinvoltura negli spinosi dettagli della burocrazia scolastica?) che nel 2009 ha già pubblicato il bestseller Perle ai porci, sempre sullo stesso tema. Quasi un decennio dopo, tecnologia e social sono entrati prepotentemente nell’universo scolastico e le cose culturalmente non sono migliorate. Anzi.

In questo divertentissimo excursus sulla vita davanti e dietro alla cattedra, scopriamo ad esempio che i CD allegati ai testi cartacei servono quasi esclusivamente come specchietto per rifarsi il trucco e i gruppi velenosi di Whattsapp fra gli insegnanti sono più crudeli e soprattutto fantasiosi di quelli dei genitori. Anche di quelli più belligeranti.

Mentre si nomina “il muro di Dublino” e anche “l’asina goga”, si scopre che i nuovi somari si chiamano BES (bisogni educativi speciali) e la sfangano con i PDP (piano didattico personalizzato). La promozione è un diritto e quando si cerca di sfuggire da una situazione imbarazzante si cita Don Milani.

Ovviamente nessun docente può permettersi di criticare un alunno e quindi i giudizi sugli studenti sono sempre molto diplomatici. Ad esempio, alla madre del più grande rompiballe fannullone si dirà semplicemente che il figlio ha la stoffa da leader. Giusto così per dribblare ulteriori problematiche.

Bellissime alcune traduzioni dei giudizi base:

Tiene un comportamento non sempre responsabile/E’ un autentico pericolo pubblico.

Assolve con una certa irregolarità le consegne/ Nei rari casi in cui si degna di fare qualcosa lo fa pure male.

Partecipa saltuariamente all’attività didattica/E’ in bagno oppure dorme.

La sua attenzione non è costante/Ha scambiato la scuola per il bar.

Comunica in modo non sempre corretto/E’ tale quale a una scimmia.