Corriamo per una causa importante

Continuo a correre e per farlo meglio ho scoperto tutti i trucchi. E gli errori da non fare. Li ho imparati anche se la mia app, appena il discorso si fa interessante, tipo : “…e poi se vuoi allenarti meglio, avere più energia e anche perdere peso dovresti mangiare più…mi fa abboccare e poi quando clicco su continua a leggere mi manda a una pagina che dice che, appunto, per continuare a leggere è necessario un upgrade. Vale a dire passare alla versione “pro” dell’app, ovviamente a pagamento!

Così mi sono ingeniata e diabolicamente le info sono riuscita e procurarmele altrove. E se proprio voglio “spendere” preferisco farlo per una causa importante. Come, ad esempio, partecipando la corsa benefica MovemenRun che si svolgerà domenica 19 novembre a Milano ai Giardini Montanelli. Questa manifestazione che è una corsa ma può essere anche una camminata, di 5km a cui possono partecipare tutti, bambini compresi, attraverso i giardini di Porta Venezia è organizzata dalla LILT per sensibilizzare sull’importanza della prevenzione del cancro alla prostata, il carcinoma maschile più diffuso.

Due sono le armi fondamentali a nostra disposizione per combatterlo: un corretto stile di vita, che includa ovviamente anche l’esercizio fisico e la prevenzione.

So per esperienza personale quanto quest’ultima sia importante (mi è servita per schivare due tumori!) e quindi sostengo in pieno questa iniziativa. Novembre è il mese della prevenzione del tumore alla prostata in tutti gli ambulatori LILT è possibile sottoporsi a un controllo gratuito.

Correre rende felici, la produzione di endorfine regala un grande benessere. La fatica del movimento fisico aiuta a scaricare le tensioni. Se inizio a correre di cattivo umore, chilometro dopo chilometro mi rilasso e come per magia produco pensieri positivi. Sperimento una botta di euforia che, a fine allenamento mi stampa un’espressione stravolta ma raggiante.

E questa volta sono ancora più contenta di poter unire il mio egoistico benessere a un progetto così importante. Venite anche voi a correre: tutte le informazioni su iscrizione e modalità di partecipazione si trovano qui.

Sondaggio: la salute delle donne italiane

Come stiamo?
Benino e dobbiamo farci i complimenti perchè siamo delle Wonderwomen. Non sto scherzando, questo è quello che traspare da una ricerca fatta da ONDA (Osservatorio nazionale sulla Salute della donna) su un campione di 800 italiane, dai 18 ai 64 anni, di diversa provenienza geografica, status e professione (dalle studentesse, alle pensionate, passando per le casalinghe e le disoccupate).
Da questo studio, compiuto dopo dieci anni dal precedente, emergono fattori molto interessanti.
Leggendo i dati si intravede soprattutto il nostro impegno per stare meglio e aiutare i nostri cari (3 su 4 donne si prendono cura della salute di qualcuno in famiglia) ma nello stesso tempo riceviamo meno aiuto da chi ci sta attorno. Addirittura meno che nel 2006.
Quindi per far combaciare tutto non resta che far conto sui nostri superpoteri.
Infatti 1 donna su 4 è stressata per la condanna a essere multitasking!
La percezione della salute è l’obiettivo principale della nostra vita.
Il 76% delle donne nel 2006 e il 69% oggi la cita come priorità.
Ma la visione è evoluta: si discosta dalla sola assenza di malattia ed efficienza fisica, per diventare sempre più un concetto olistico, una condizione
di equilibrio che coinvolge sia il corpo che la mente.
Si smorza la sua concezione deterministica, dovuta a fattori genetici o addirittura al destino, in favore dell’importanza dei comportamenti e dell’ambiente in cui si vive.
Infatti il 57% delle intervistate cura la propria alimentazione e il 47% fa attività fisica. E 2 su 3 donne vorrebbero fare di più.
Grande importanza è data alla prevenzione, dal 44% del 2006 al 49% di oggi. Il 62% delle donne si sottopone a controlli e visite, contro il 48% di dieci anni fa. Però non siamo soddisfatte degli ospedali e delle prestazioni S.S.N.
Non le ritiene sufficienti il 44% delle interpellate. A questo proposito ONDA ha lanciato la campagna dei Bollini Rosa che vengono attribuiti alle strutture ospedaliere più a misura di donna e ha un grande progetto per i prossimi dieci anni dell’organizzazione: quello di poter costruire un ospedale specializzato nella cura di tutte le patologie femminili.
Un altro importante dato è che la medicina tradizionale per le donne ha sempre meno appeal: dal 25%, di dieci anni fa, sono passate al 71% quelle che cercano cure alternative. Mentre le informazioni sanitarie, il 65% le cerca in rete.
Ma lo stress è sempre in agguato, infatti 1 donna su 4 fuma, come dieci anni fa. Però l’insoddisfazione per lo stato di salute mentale e psicologica è purtroppo peggiorato: dal 10% nel 2006 al 14% odierno.

Nastro rosa per la prevenzione

 

 

#senonlosai4(1)

Ottobre, mese della prevenzione del tumore al seno, anche quest’anno grande sensibilizzazione con le campagna nastro rosa che informa e organizza, come sempre controlli e visite diagnostiche gratuite, prenotabili sul sito della LILT o anche attraverso la pagina FB dell’associazione. Poi per saperne di più e soprattutto rispondere ai mille dubbi che riguardano la prevenzione e i fattori di rischio si può leggere questo manuale scritto dal senologo Alberto Luini, co-direttore del Programma Senologia dello IEO a Milano. Un libriccino molto utile che smentisce molte credenze e chiarisce quali siano i comportamenti più giusti per prendersi cura di sè. Gli errori da non commettere nello stile di vita e nelle abitudini alimentari. Alberto Luini l’ha scritto assieme alla moglie Maria Giovanna, medico e scrittrice, e alla nutrizionista Lucilla Titta che consiglia una facile “dieta in rosa” per mantenersi sane il più possibile.

 

Videogioco contro gli orchi

Un post brevissimo, ma spero utile. Ho appena trovato su La Repubblica questo articolo su un convegno che si terrà domani sul tema della sicurezza della navigazione in rete dei più piccoli. Si parla di bambini dai 7-8 anni in poi. Certo si può usare il parental control, il filtro che permette di bloccare l’accesso a siti non adatti. Ma è importante anche allertare i bambini “a drizzare le antenne” in caso di pericolo. A essere più sicuri di sè, a conquistare l’autonomia di affrontare un piccolo percorso, a fare una commissione senza panico. Da aprile sarà possibie scaricare grauitamente un videogioco che aiuterà i bambini a essere più consapevoli, meno ingenui e a evitare eventuali adescamenti. Secondo gli esperti il videogioco è uno degli strumenti più adatti e facili per far passare qusto tipo di comunicazioni. Il tema è delicatissimo e difficile da trattare. Alle mamme fa venire i brividi solo a pensarlo. Nella cronaca continuano ad arrivare, anche in questi giorni, notizie di arresti di persone super-insospettabili ma coinvolte in questo odioso crimine. Ho sperimentato la difficoltà di parlarne ai bambini: fino a che punto bisogna essere chiari e quando si rischia di terrorizzare? C’è un libro di Alberto Pellai, uscito un po’ di tempo fa ma sempre attuale, che forse può aiutare ad affrontare l’argomento anche con i bambini più piccoli. La comunicazione su questi temi può sempre dare origine a malitesi, a volte molto teneri. A un compleanno, un nostro amichetto non voleva farsi servire una bibita da un papà a lui sconosciuto, perchè la mamma gli aveva raccomandato di non accettare cibo o bevande da estranei.