Cucina vegana stellata e creativa

Piatti bellissimi e creativi, così originali da lasciare sbalorditi. Ma anche buonissimi, li ho potuti assagggiare tutti ed è stata un’esperienza molto golosa. Infatti il talento degli chef vegani e vegetariani sta proprio nel riuscire ad abbinare gli ingredienti in un perfetto mix di quantità e qualità.

Nel concorso culinario organizzato a The Vegetarian Chance, (manifestazione ideata dallo chef Piero Leeman e dal giornalista Gabriele Eschenazi) in cui erano in gara otto chef internazionali, il primo premio è andato ad Antonio Cuomo, uno chef di Bergamo che ha preparato un piatto incredibile, intitolato “A me non piace il sushi” dove abbiamo scoperto come sono state create “le candele” che, al mio occchio profano, sembravano dei rigatoni trasparenti.

Il trucco è la gelatina agar agar che si rapprende facendola ghiacciare in fretta. Ma nello stesso tempo rimane morbida e perfettamente edibile. Infatti è bastato un piccolo colpo di forchetta per distruggerle e mangiarle. Un vero peccato per l’estetica, ma un trionfo per il palato.

©VGiannella

La magia si tritrova anche nel piatto della seconda classificata la chef giapponese Hoshiko Hondo, che ha presentato un piatto intitolato “Meravigliosa Terra” dove oltre a un incredibile riso blu (colore ottenuto grazie a un te tailandese chiamato “i piselli della farfalla”) c’erano alcune gocce trasparenti che racchiudevano foglie di prezzemolo, ottenute sempre con l’agar agar.

Un altro miracolo classico della cucina vegana stellata è l’uovo apparente, inventato da Piero Leeman, di Joia. Sembra proprio un uovo di quaglia e ivece è creato con tartufo, broccoli e racchiude un piccolo cuore arancione di carota che fa la parte del tuorlo. Bellissimo, sano e soprattutto buonissimo.