Mamma in 3 ore

La qualità del rapporto mamma/bambino non è data dai litri di latte che lei fornisce, ma dall’amore con cui circonda il piccolo.
(buona e verissima notizia per tutte le mamme che hanno problemi di allattamento)
Questo è uno degli aforismi che si trovano nelle ultime pagine di Mamma in 3 ore
prezioso manuale di self help, esaustivo per tutte le neomamme, scritto da Giuseppe Ferrari, primario della divisione di Neonatologia e Pediatria dell’ospedale Umberto I a Torino.
Il titolo scelto dall’autore è volutamente provocatorio: bastano tre ore per leggere il libro e dopo si dovrebbe essere pronte, perfette per affrontare gioie e dolori della maternità.
Ogni mamma ha il bambino che si merita (nei primi anni di vita), riporta ancora Ferrari nell’elenco degli aforismi che devono far riflettere le madri.
Sembra quasi una minaccia, quindi altro che 3 ore, il manuale, per far funzionare le cose, conviene impararlo bene.
Magari anche un po’ a memoria.
Ma non c’è bisogno, perchè questo libro affronta i problemi relativi al primo anno con il bebé e, capitolo dopo capitolo, spiega proprio tutto. Come farcela in qualsiasi situazione, dalla più semplice a quelle di emergenza. Si può consultare di volta in volta, trovando facilmente l’argomento che interessa. Allattamento, coliche, dentizione, problemi di sonno, sviluppo motorio e cognitivo: c’è proprio tutto.
L’importante è imparare a mettersi in ascolto e cogliere le esigenze e i tempi del piccolo, perché il bebè è il miglior medico di se stesso. Un manuale che bada all’essenziale: agile e completo, ricco di consigli su come far crescere al meglio il proprio bambino. Senza trascurare gli imprevisti, i piccoli contrattempi, le preoccupazioni che, pare, siano quasi sempre immaginarie.
Questo scrive il grande pediatra ed esorta le mamme a stare traquille, ad avere fiducia nelle proprie capacità di ascolto e intuizione.
Però nelle ultime pagine del libro, Ferrari un sassolino dalla scarpa se lo toglie.
Dopo tanti anni di onorata carriera e tante frequentazioni con neonati, bambini e soprattutto con le loro mamme, si è divertito a stilare una piccola lista di stereotipi materni, descritti con tutti i loro tic e idiosincrasie.
Questa è la parte più divertente del libro e fa capire molto bene da dove provengono molti problemi dei nostri figli.

Provare la febbre con il bluetooth

Come tutti i genitori imparano presto, le malattie dei bambini arrivano sempre nei momenti più scomodi: quando si va in vacanza, nei giorni delle feste comandate o anche semplicemente durante i finesettimana, quando è più difficile cercare la consulenza di un pediatra.

E il sintomo che spaventa più di tutti, quello infido, più difficile da decifrare, è la febbre. Più la temperatura si alza, più i genitori vanno nel panico.

Quando facevo la volontaria al Pronto Soccorso della Clinica De Marchi, la domenica pomeriggio, l’80% dei casi era proprio quello dei neonati con la febbre alta. Spesso non è nulla di grave ma per i genitori a volte è anche difficile riuscire a monitorare il decorso della febbre perchè spesso i bebé sono insofferenti alle manovre per misurare la temperatura.

I termometri tradizionali sono invasivi, difficili da far restare nella giusta posizione o anche solo lenti, i minuti per una corretta rilevazione sembrano eterni. Adesso fortunatamente sul mercato c’è un nuovo dipositivo, molto funzionale, che risolve questi problemi. Si tratta di Temp Sitter un termometro, tra l’altro molto con un design elegante ed essenziale, che funziona con il sistema bluetooth collegato direttamente a un app che si può scaricare su smartphone (iOS e Android).

Così la temperatura dei neonati 3.0 può essere rilevata senza disturbarli troppo. Soprattutto nelle ore notturne quando la febbre tende ad alzarsi, perchè il funzionamento di Temp Sitter è molto semplice. Dopo aver scaricato l’app, basta connettere con il bluetooth il proprio smartphone con il termometro e poi usare uno dei patch adesivi che si trovano nella confezione del termometro, per attaccare il dispositivo con i sensore sotto l’ascella del bambino.

A questo punto Temp Sitter invierà allo smartphone la temperatura che si leggerà direttamente sull’app. Si potrà impostare un intervallo durante il quale monitorare e anche stabilire un “allarme” in caso di picchi di febbre. Inoltre rimarrà traccia dell’andamento della temperatura, un grafico, che potrà essere riferito al pediatra per aiutarlo nell’eventuale futura diagnosi.

Temp Sitter è disponibile in tre diversi colori, bianco, rosa, azzuro, e si può acquistare da MediaWorld, Apple Premium Resellers e su Doctor shop


(post scritto in collaborazione con GIMA)

Magico probiotico

Oggi c’è una notizia molto interessante sul Corriere della Sera : riguarda le coliche gassose dei neonati che purtroppo colpiscono ben sette bebé su dieci e di solito continuano per i primi tre mesi. Emma le ha avute e non mi ha scontato neanche un minuto: ha strillato ogni sera fino allo scoccare della mezzanotte del suo novantesimo giorno di vita. Secondo l’articolo del Corriere, uno studio dell’Università di Bari (che sarà pubblicato sul prestigioso The Journal of Pediatrics) ha scoperto che per lenire o, meglio ancora, evitare le coliche basta somministrare al neonato alcune gocce di un fermento lattico probiotico. Così miglioreraranno digestione e motilità intestinale dei bebè che non saranno più costretti a soffrire e a urlare, ogni sera dalle sette in poi, sgambettando in aria. Speriamo che funzioni perchè le maledette coliche mandano in tilt la gioia dei primi mesi per molti genitori che perdono il sonno e il senno. E se la mamma si stressa, per osmosi, il bebè fa altrettanto e le coliche aumentano. Conosco neo-genitori disperati che hanno passato intere serate a guidare senza meta, nella speranza di placare e far addormentare la creatura urlante. Altri che mettevano il piccolo sulla lavatrice durante la centrifuga nella speranza che il movimento dell’elettromestico lo placasse. Una mia amica aveva attaccato un lazo alla carozzina, perchè durante le passeggiate non poteva fermarsi altrimenti la bambina urlava. Ma con la corda, se era previsto uno stop, poteva comunque tirare avanti e indietro e continuare a far rollare la figlia. Io ho bevuto ettolitri di tisana di finocchio senza risultato. Perciò se ora basta un lactobacillo siamo tutti molto più sereni.