Un tè con la Regina

Proprio oggi il Principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II da settant’anni, ha detto che per lui va bene così. Ha già dato. E a 96 anni, ha deciso di smettere.
Smettere di andare in giro a presenziare alle occasioni ufficiali a fianco della moglie. Insomma va in pensione.
Peccato perchè a me è molto simpatico. Era quello che animava un po’ le cerimonie più ingessate con commenti irriverenti e politicamente scorretti.

Se volete ripercorrere i momenti più importanti della sua lunga carriera di principe consorte, ma soprattutto siete appassionate alla saga dei Windsor, il posto giusto ove fare una scappata è Parma, precisamente al Museo Glauco Lombardi.

Qui la mia amica Marina Minelli, storica e autrice, appassionata di Royals (probabilmente nella vita precedente è stata una regina o almeno una duchessa) espone la sua meravigliosa collezione di potteries reali per celebrare il Giubileo di Zaffiro che cade proprio quest’anno, vale a dire i 65 anni di regno della nostra Queen Elizabeth, la sovrana più longeva.
Nelle due sale più di trecento pezzi di ceramica racconteranno la storia della royal family a partire dalla regina Vittoria.

Le mug, le tazze e le teiere decorate con i simboli della monarchia o con i volti dei personaggi reali sono molto iconici e favoriscono la condivisione popolare degli eventi legati alla dinastia. Attraverso questi oggetti i sudditi possono simbolicamente prendere parte a una celebrazione.
Tutto questo e molto altro lo potrete vedere a Parma nelle vetrine e nelle bacheche dedicate ai vari sovrani: all’incoronazione del 1953, alle nozze di Carlo e Diana, ai compleanni della Regina Madre e di Elizabeth II e ai royal wedding degli ultimi anni. In più ci saranno spazi riservati al mitico jasperware di Wedgwood, al transferware blue&white e anche diversi tavoli allestiti per l’afternoon tea e per il pranzo.

In esposizione anche oggetti dedicati a Edoardo VII, principe di Galles per tutta la vita ma re per soli nove anni, e poi al figlio Giorgio V celebrato nelle potteries, insieme alla molto regale consorte Mary, in occasione dell’incoronazione nel 1911 e poi per il Silver Jubilee nel 1935. Alla fine del 1936 il suo erede Edoardo VIII decise di abbandonare la corona per sposare la donna che frequentava da anni e l’abdicazione, non solo segnò profondamente la storia inglese, ma rischiò di mandare in crisi anche le fabbriche di ceramica. Infatti la produzione degli oggetti per l’incoronazione era già iniziata e centinaia di manifatture dovettero improvvisamente fare dietrofront, archiviare mug e tazze con il volto dell’ex sovrano e crearne di nuove con l’immagine rassicurante di Giorgio VI e della regina Elizabeth.

Mostra Love

L’amore celebrato in forma pop è irresistibile: da oggi al Museo della Permanente arriva una mostra imperdibile.
Istallazioni, filmati, quadri, sculture interpretate dai più famosi artisti dell’arte contemporanea. Dalla famosa scultura “Love” di Robert Indiana alla Marylin di Andy Warhol, alla scritta al neon di Tracey Emin, artista cupa ma per una volta romantica.
Ieri sono stata alla presentazione e mi sono lasciata incantare e soprendere dagli allestimenti originali e ironici.

Peccato non sia più vasta. Le opere mostrate sono bellissime ma poche.

Questa mostra è già stata presentata a Roma dove ha avuto un’affluenza record nei giovanissimi, circa il 75% dei visitatori tra i 15 e i 25 anni.

Robert Indiana

Infatti oltre al tema, universale e accattivante anche per l’adolescente più ribelle, l’amore è il sentimento che fa girare il mondo, è una mostra molto “cinematografica”. Piena di riferimenti iconici che i ragazzi apprezzano, quasi una versione colta e internazionale dei classici lucchetti. Poi è molto interattiva: è permesso scattare foto, quindi è il paradiso dei selfie artistici e inoltre c’è un muro dove si può scrivere, sbilanciandosi, ciò che si pensa dell’amore.

Andy Wharol

Ieri come sempre, nelle occasioni delle preview, il pubblico era piuttosto anziano, da Villa Arzilla (a me piace andare perchè mi sento, a confronto, quasi una teen-ager!). Quando siamo arrivati davanti al muro dove si poteva appunto esprimere la nostra opinione sull’amore, un paio di signore sono passate oltre, scuotendo la testa (più si invecchia più si diventa cinici). Un’altra non si è potuta fermare a scrivere perché doveva recuperare il marito che, un po’ rimbambito, stava per sbattere contro un’istallazione. Mentre una signora diligente, magari un’ex prof, ha preso il gessetto e deciso di dire la sua.
C’erano anche frasi da completare, per agevolare e ispirare i più timidi e introversi.
L’affermazione che ha scelto la signora da completare era: L’amore è eterno…lei sghignazzando e ridendo con la sua amica ha aggiunto e sottolineato: finché dura!

Poi si è allontanata ribelle e felice.

Tracey Emin

Marc Quinn

Questa interazione viene sfruttata non solo per far sfogare le frustrazioni sentimentali degli attempati visitatori ma anche per scopi più alti.

Scopi didattici, infatti sono previste varie attività di accompagnamento e supporto per scuole e famiglie. C’è la visita interatttiva dedicata alla scuola dell’infanzia e alle elementari, poi quella molto intressante per migliorare l’inglese, attraverso un approccio narrativo in lingua alle opere. E ancora il percorso esplicativo, dedicato agli studenti della scuola secondaria, che approfondisce soprattutto le tecniche artistiche utilizzate nelle varie creazioni.