Occhial day

Oggi siamo andati dall’ottico per ordinare gli occhiali. Ho anche localizzato la macchinetta per poi fare le foto tessera occhialute assieme. Avevo memorizzato tutte le frasi a effetto che mi avete lasciato come commento all’altro post sull’argomento e ne ho usate alcune. L’atmosfera era tranquilla e serena, il commesso felice e disponibile all’idea di intascarsi almeno 200 euro (porcavacca). Gli occhiali ce li hanno preparati in 40 minuti, perciò abbiamo ciondolato un po’ in giro e finalmente tadaaaaaà: eccoli qui, montatura azzurra leggera e soprattutto custodia verde fluo’ con Idefix il cane di Asterix.
Emma era molto eccitata li ha messi subito e uscite dal negozio ha cominciato a leggere:
“Passo carraio…affitasi ufficio…servizio ricambi…che fico!”
“Perchè prima non vedevi?”
“Vedevo sfocato”
“Perchè non me l’hai detto?”
“Pensavo fosse normale, in macchina ad esempio credevo che i vetri fossero appannati o sporchi”
“Omiodio!”
“Cosa?”
“Niente, vedi bene eh?”
“Sì, sì, tutti i dettagli…ma mamma quanti passi carrabili che ci sono!”