Cattive madri?

Ecco un articolo di puro mommyblogging: la scrittrice americana Aylet Waldman sostiene e lo prova con un libro che si può amare il proprio marito più dei propri bambini senza sentirsi/dover essere una cattiva madre. Il libro, che non ho letto e ordinerò su Amazon, perchè non è ancora stato pubblicato in Italia, pare elencare una serie di situazioni in cui un’apparente cattiva madre si ritrova. Esempio lampante l’odio per le lunghe ore passate a fare i compiti. Nel succitato articolo Aylet dice un sacco di cose giuste e condivisibili a parte questa: “Le mamme italiane non potranno accettare questa teoria, visto che amano i loro mariti non solo più dei figli, ma addirittura più di Dio…”, ovviamente non ci conosce ed è rimasta aggrappata a stereotipi stile Little Italy/pizza e mandolino.
E un ultima considerazione: il marito di Aylet è Michael Chabon, scrittore americano fichissimo, magari anche questo conta, magari la moglie di un marito base, panzone e frustrato sul lavoro, potrebbe essere un po’ meno motivata a mettere a letto presto i figli e passare torride serate con lui.

Parlando di maschi e maschietti attraenti passo a Zac Efron: l’altra sera siamo andate a vedere 17 Again-ritorno al liceo ed è stato molto divertente e innocuo. Due parolacce-due e tanti buoni sentimenti americani. Zac suscitava un certo entusiasmo in sala e durante i primi piani le ragazzine urlavano estasiate.

Una delusione invece, per me, Una notte al museo 2, avevo molte aspettative ma è solo un costoso sequel senza trama. Alle mie figlie è piaciuto (penso sarà così per tutti i bambini piccoli perchè ha molti effetti speciali) ma nonostante il cast stellare, adoro Owen Wilson, Robin Williams e Ben Stiller, è stata una vera pizza.