Assertiviamoci

Ieri sera ho chiamato la babysitter poi sono uscita con lei e ho lasciato Sant’ a casa con le ragazze. O anche le ragazze a casa con Sant’. Comunque, siamo uscite e ci siamo divertite.
La nostra destinazione era la presentazione dell’ultimo libro di Alessandra Faiella, un manuale che insegna ad assere assertivi, a farsi rispettare e non farsi prevaricare. In questo simpatico mondo in cui tutti cercano di fregarci, imparare a reagire e interagire nel modo migliore in tutte le situazioni a rischio (praticamente sempre: dalla famiglia al lavoro passando per il parco giochi e il supermercato) non è cosa da poco.
C’è chi per non farsi mettere i piedi sulla testa dal prossimo reagisce con aggressività, chi invece diventa zerbino e chi si macera nei sensi di colpa.
Mentre l’assertivo invece è estremamente fico: risponde a tono, senza lasciare una scia d’odio, soprattutto senza pensare che avrebbe potuto fare meglio.
Non è affatto facile.
Nella presentazione, divertentissima perchè la Faiella è una comica (oltre che una veggente e infatti ha scritto anche questo libro in tempi non sospetti) e aveva come spalla una collega sono stati fatti parecchi esempi illuminanti e anche un test per misurare il grado di assertività.
Nel rispondere ho un po’ barato e sembravo quasi normale, ma so che propendo per il genere zerbino fuori casa e aggressivo nell’idillio della coppia.
Poi un altro mio problema è che tendo a fuggire invece di affrontare una situazione in cui dovrei dire “no” con assertività, cerco di sparire e non farmi trovare per eliminare i problema.
Insomma ho mooooolto da migliorare. E voi?

P.S. Per chi vive a Milano c’è anche un’altra notizia interessante: al Teatro la scala della Vita che si trova all’interno della Macedonio Melloni, c’è Crisi di riso, una rassegna di spettacoli comici che si tiene ogni due giovedì del mese fino alla fine di maggio. Questa iniziativa sostiene l’associazione onlus Il sipario dei bambini che aiuta i piccoli dell’ospedale.
Tanti anni fa ho partorito proprio in questo ospedale, ho avuto molta sfiga, sono stata ricoverata per tanto tempo. Ho rischiato di dover mettere Anita nella loro patologia neonatale, invece del classico gioiello quando c’è stato un happy ending, con neonata nata sana e abbastanza pacioccona, ho devoluto a questo reparto. (Anche se adesso quando mi fa arrabbiare mi chiedo se per caso non fosse stato meglio beccarmi un paio di orecchini!)
Comunque, questo flash-back un po’ patetico per sottolineare che questa iniziativa mi sta particolarmente a cuore.
E può darsi che quando andrò agli spettacoli invece di ridere mi verrà anche un po’ da piangere per la commozione.