E’ sempre tutta colpa dei genitori

Gli ultimi due film che ho visto me l’hanno confermato ancora una volta.
Purtroppo non si scappa: gli errori che fanno mamma e papà ricadono dui figli. Alla grande. E in tutte le declinazioni possibili.

Rassegnamoci almeno un po’.

Certo, i signori Fang, protagonisti dell’omonimo film, tratto dal best- seller sulla loro storia, sono molto peggio dei genitori medi. Perché sono veramente squilibratissimi: costringevano sin da piccoli i figli a seguirli nelle loro performance creative, assurde e surreali. A recitare calandosi nei ruoli più improbabili. Solo per onorare l’obiettivo più alto: essere un’opera d’arte vivente. Crescere con genitori così è un bel fardello e infatti i Fang-figli, che in famiglia venivano frettolosamente etichettati “Bambina A” e Bambino B”, da adulti hanno comportamenti molto disfunzionali.
In questo film Nicole Kidman (la Bambina A cresciuta) interpreta finalmente un ruolo in cui non appare algida e perfetta, è fragile e nevrotica tanto da suscitare simpatia e tenerezza. E’ un’attrice frustrata e insicura, costretta a spogliarsi per poter lavorare. Jason Bateman (ex Bambino B e nella realtà anche regista della pellicola) è il fratello minore, ex autore di best-seller in pieno blocco creativo.

Il film non riesce a eguagliare il ritmo e la delizia del romanzo da cui è tratto, ma è comunque molto piacevole: coinvolge e suscita interessanti riflessioni.

Un altro figlio, con grandi questioni irrisolte nei riguardi dei genitori, è Tommaso, il protagonista del nuovo film di Kim Rossi Stuart, che ne è regista e interprete. Il bel Tommaso ha parecchi problemi di autostima e questo si riflette totalmente nelle sue relazioni disgraziate con le donne. Poi quando, nella pellicola, viene delineato il personaggio della madre se ne comprende la causa.
(E’ più vecchia di me, ma un po’ mi sono immedesimata. Se non faccio attenzione potrei diventare come lei!).
Questo film è molto onesto, intelligente, coraggioso, divertente, realistico e soprattutto fuori dal coro. Kim Rossi Stuart ricorda un po’ un Nanni Moretti giovane, ovviamente più bello, ugualmente arguto ma molto meno pretenzioso.