Il Paese della legalità

In questo nostro Paese dove tutto funziona a meraviglia, tutti rispettano le leggi, pagano le tasse, le città sono sicure e i servizi per i cittadini sono sempre al meglio, ieri mattina sono serenamente scesa sottocasa cinque minuti per permettere al mio cane, Lola, di fare la consueta passeggiatina.
Vivo in un quartiere residenziale un po’ finto ma molto verde: le case sono circondate da giardini e parchetti.
Molti dei residenti hanno scelto di trasferirsi qui, fuori Milano, proprio per permettere ai propri figli e anche agli eventuali cani di vivere in un ambiente più bucolico. Nel giardino eravamo solo io e Lola, a un certo punto mi squilla il cellulare. Rispondo contenta perchè si trattava di una telefonata di lavoro che attendevo. Lola mi trotterella a fianco annusando qua e là.
Dopo un minuto di telefonata vedo un tipo che mi chiede se il cane è mio. Annuisco e continuo a parlare al telefono. Lo stesso tipo mi si avvicina, sempre mentre parlo, in modo spiccio mi chiede i documenti. Lo guardo con stupore. Ripete con ancora con mal garbo la domanda. E mi fa vedere un distintivo. E’ un poliziotto in borghese. Anzi sono due, perchè nel frattempo è stato affiancato da un collega.
“Documenti!”, a questo punto sono a pochi centimetri da me. Mi sembra di essere in un telefilm.
Non mi resta che chiudere bruscamente la mia telefonata di lavoro.
“Non ho i documenti. Abito lì, se viene al portone, glieli prendo. Ma perchè?”
“Il suo cane è senza guinzaglio”
“Scusi, ma qui tutti, se non c’è nessuno in giro, lasciano correre un po’ i cani. Non c’è un’area specifica per loro”
“E’ contro la legge. Abbiamo avuto delle segnalazioni, c’è stata un aggressione”
Dell’aggressione avevo sentito parlare anch’io: un pointer aveva morsicato un piccolo meticcio.
Lola pesa 9 chili, è lunga 35cm e alta 40. Sta facendo, ignara, le feste al poliziotto.
“Sono 100 euro”
Sono ancora lì con la bocca aperta, mentre hanno già fermato un’altra signora che stava arrivando con due bassotti a pelo corto, uno al guinzaglio e l’altro no.
Altri 100 euro per le casse del comune. I poliziotti, sono abbastanza soddisfatti, raccontano che è dalle 6 della mattina che sono in giro a fare multe ai padroni dei cani.
Dopo questo incontro sono furibonda e per sfogarmi racconto poi l’accaduto a una conoscente.
Lei non si stupisce: il 15 agosto alle 3 di notte, sua figlia stava rincasando a Milano, in una via della zona di Città Studi. Ha avuto una multa di 80 euro perchè andava contromano, per parcheggiare la bici, prima di salire in casa.