La vendetta del Re Leone


Speravo di averla sfangata e invece…
Come ho già scritto, ultimamente mi rallegro di essere quasi uscita dal tunnel dei cartoni animati e arrivata al tempo dei film con gli umani. Ma forse mi sono illusa. Infatti proprio ieri sera Emma ha deciso di guardare per la milionesima volta Il Re Leone. Ha detto che lo faceva per i suoi pupazzi, c’era stato il compleanno del ranocchio e per concludere la festa (avevano ballato tutto il pomeriggio, sopra la foto ricordo del simpatico party) niente di meglio che un bel filmetto.
Il Re Leone era il film preferito di Anita quand’era piccola, perciò è stata la colonna sonora di tantissimi pomeriggi. Io lo trovavo un po’ sdolcinato, mi piaceva solo la musica. Devo ammettere che non l’ho mai visto tutto, magari sono stata anche seduta davanti al film ma avevo la mente altrove. La trama la so ma solo a grandi linee: il cattivo, il buono, le iene e alla fine il bene trionfa e ciao.
Ieri sera Anita faceva altro poi a un certo punto, ci siamo ritrovate tutte e tre sul divano davanti alla tv.
Ho guardato il video, c’era uno scimmione e ingenuamente ho chiesto ad Anita: “E quello chi è?”
Mi ha guardato inorridita: “Come chi è? Ma mamma! E’ lo sciamano!”
“Ah!…”
“Non ti ricordi?”
“Mmmmm…veramente no”
“E’ quello che ha disegnato Simba” ha detto Anita, guardandomi male. “Ma non l’hai visto mille volte il film?”
“Infatti…scusa…un’amnesia momentanea”
Non l’ha bevuta.

Cambio argomento e concludo con una comunicazione di servizio, spero utile: oggi si è tenuta una conferenza stampa a Roma organizzata da Youtube e dalla Polizia delle Comunicazioni per migliorare la sicurezza dei ragazzi in rete e combattere il cyber bullismo, nell’accesso a Youtube e nei social netwoks. Questa iniziativa è rivolta ai ragazzi delle medie inferiori e superiori e le scuole interessate al progetto possono chiedere di organizzare un workshop per insegnanti e studenti su questo tema.