Ma la mamma, non ti ha detto niente?

A colazione, Anita mi guarda seria e dice:
“Mamma, vorrei chiederti un paio di cose…”
“Certo, tesoro, dimmi tutto”
“No, adesso no. Vorrei farlo quando siamo sole…”
“E’ una cosa contro di me?”, si informa Emma già sulla difensiva.
“No, no…è una cosa noiosa…un problema delle medie”
“Uh..”, fa Emma poco convinta. “Se è contro di me, guarda che lo scopro…”
Comincio a preoccuparmi, questa è chiaramente una balla per distogliere Emma dall’argomento. Sarà mica una cosa “da grandi”?
Un argomento pruriginoso? Sara mica una cosa come la pillola del giorno dopo, quella del giorno prima, il viagra, gli scambisti, le webcam girls, e diosacosaltro xrated?
Vabbè sono pronta. Parole semplici, chiare, niente toni scandalizzati… meglio che lo sappia da me.
Un quarto d’ora dopo, creo l’occasione di un complice tete à tete madre-figlia.
“Anita vieni ad aiutarmi a stendere i calzini!” e le strizzo l’occhio.
Ubbidiente mi segue. E spara a sangue freddo:
“Mamma, ma la matita per truccarsi gli occhi si mette sia sopra che sotto?”
La guardo stupita, si sente incoraggiata ad andare fino in fondo:
“E l’eye-liner?”