Tutto questo ti darò

In un matrimonio si crede di conoscere tutto del proprio coniuge ma non sempre è così. E’ quello che accade a Manuel, dopo quindici anni di unione, quando suo marito Alvaro muore improvvisamente in un incidente d’auto, è scioccato nello scoprirne la doppia vita.

Questo è l’incipi da cui parte la trama di Tutto questo ti darò, l’emozionante e corposo thriller (576 pagine) della scrittrice spagnola Dolores Redondo. Autrice bestseller in patria e tradotta in 22 paesi, con questo romanzo si è aggiudicata il Premio Bancarella 2018.

Una storia coinvolgente e appassionante che parte subito audace e provocatoria. Manuel è un famoso scrittore, Alvaro un pubblicitario: il matrimonio fra due uomini è ben tollerato nella cosmopolita Madrid, dove vivevano, ma visto come un peccato, un’eresia, nella mentalità della Galizia dove, dopo le primissime pagine, trasloca la vicenda.

Manuel infatti si sposta in questa zona rurale e selvaggia della Spagna, prima per partecipare alle esequie di Alvaro e poi rimane per scoprire la verità sulla sua scomparsa.

Infatti quella che sembrava una tragica fatalità si intuisce sia in realtà qualcosa di ben diverso. Un evento molto più complesso e tragico, dietro a cui si nasconde una complicata e cupa storia di famiglia. Un nucleo famigliare di nobile casato dove l’apparenza è più importante della verità. Segreti, invidie e rancori sono sedimentati da troppo tempo.

Alvaro ne era diventato l’erede e conduceva una doppia vita proprio per nascondere questa realtà a Manuel. Nel dipanarsi della storia quest’ultimo riuscirà a scoprire tasselli di verità grazie all’aiuto di un ruvido poliziotto in pensione e quello di un giovane parroco, amico di infanzia della vittima.

Capitolo dopo capitolo, la trama si snoda poi con risvolti imprevisti. L’autrice è bravissima ad avvolgere il lettore in una spirale di sospetti, grazie a un ritmo serrato e preciso. Soprattutto nelle descrizioni nella realtà della Ribeira Sacra, una parte della Galizia ancora ancorata a usi e tradizioni del passato.

La scrittura diventa molto evocativa, quasi cinematografica, in uno scenario in cui descrive il lato più oscuro della vecchia aristocrazia del luogo, insensibile e arroccata ai propri privilegi. Ma riesce anche a ritrarre la poesia di una terra dalla bellezza ruvida e incontaminata. Per arrivare lentamente al colpo di scena finale.