Andersen Festival a Sestri Levante

Sestri Levante ė uno dei miei luoghi del cuore, vi ho passato molte estati e soprattutto una lunghissima, nel 2000, quando Emma era appena nata e non dormiva mai. Piangeva giorno e notte, in carozzina, nel marsupio, sotto l’ombrellone, sul bagnasciuga… Poi ho smesso di mangiare la focaccia di Recco e finalmente sono finite le coliche!

L’unico lato negativo di Sestri, sono i milanesi (per chi non li apprezza) che hanno praticamente colonizzato il luogo. Ma questo prossimo weekend, dall’8 all’11 giugno, bisogna tornare a Sestri per partecipare all’Andersen Festival, un evento imperdibile con un programma di workshop, conferenze e laboratori che permetteranno ai bambini e ai loro genitori di divertirsi ed entrare nel magico mondo di Andersen.

E sarà possibile scoprire più da vicino i luoghi che hanno ispirato i racconti di Andersen e influenzato le sue opere. Tra le diverse iniziative verrà presentato il progetto Andersen a Spasso, quando passeggiando per le vie di Sestri Levante le favole prenderanno vita.

Per iscriversi a questa iniziativa e ai vari laboratori basta cliccare qui

Un’altra importante e originale iniziativa per i genitori é prevista sabato 10 giugno, quando la giornalista e psicologa americana Jessica Joelle Alexander parlerà del segreto della felicità danese, fondato sul metodo educativo. Pare infatti che proprio i genitori danesi riescano a crescere bambini felici che poi diventano adulti felici e il ciclo si ripete di generazione in generazione.

Sarà vero?

Per saperne di più, si può partecipare alla presentazione del manuale “Il metodo danese per crescere bambini felici” e ascoltare l’autrice che ne illustrerà i pilastri fondamentali, come l’autenticità, il cambio di prospettiva, l’empatia e il famoso concetto dello “Hygge” (si pronuncia ügghe) che possono rendere le nostra vite e le nostre relazioni più serene.

Poi per chi volesse approfondire il mondo fatato di Andersen, dopo la tappa a Sestri, non resta che una gita in Danimarca, qui tutte le info.

In Danimarca sulle tracce di Andersen

Quando pensavo alla Danimarca di Hans Christian Andersen, mi fermavo alla famosissima statua della sirenetta a Copenhagen, ma finalmente quest’anno mi sono evoluta, dopo aver partecipato a Be Nordic ho scoperto un sacco di dettagli interessanti che voglio condividere con voi.
andersen

Per un viaggio in famiglia, alla scoperta dei luoghi di Andersen, l’itinerario inizia a Odense, in Fionia, l’isola delle favole per eccellenza, conosciuta anche come “giardino di Danimarca” proprio per le sue bellezze naturali e i favolosi castelli. La prima tappa è la casa natale di Andersen, nel vecchio quartiere di Odense, permette di ripercorrere la vita e le opere dello scrittore, e mette in mostra una raccolta completa dei suoi disegni.
Il viaggio ad Odense continua nella casa d’infanzia in Munkemøllestræde, vicino alla cattedrale, dove Andersen visse dai 2 ai 14 anni.

Il mondo incantato di Andersen rivive anche al Villaggio di Fionia (Den Fynske Landsby), un museo all’aperto dove è ricostruito l’ambiente di un villaggio danese tra il 1700 e il 1900, con case di pietra e legna, un laghetto e una deliziosa stradina. In estate il villaggio è animato da figuranti in costume, che rendono ancora più viva l’atmosfera, raccontando la vita quotidiana nella campagna danese del XIX secolo.

Ma è soprattutto a Fyrtøjet (L’acciarino magico) che i più piccoli possono entrare realmente nello straordinario mondo delle fiabe: si tratta di centro culturale per l’infanzia dove i bambini e le loro famiglie possono giocare con vestiti, trucchi e scenografie legate alle fiabe di Andersen, tra musica, teatro e arti figurative.

Odense fy

E in occasione del 211^ anniversario dalla nascita sempre a Odense è stato annunciato, in questi giorni, il progetto della nuova Casa Museo di Hans Christian Andersen, che farà rivivere il mondo delle fiabe dell’autore. Progettata dall’architetto giapponese Kengo Kuma, aprirà nel 2020.

Nel 1819 il quattordicenne Hans Christian Andersen arrivò per la prima volta a Copenaghen, città in cui morì nel 1875. Le sue spoglie riposano al cimitero di Assistens, nel quartiere di Nørrebro, che è anche un parco molto frequentato, con scoiattoli fra gli alberi, giocatori di frisbee e aree pic-nic disseminate senza timore tra le lapidi.

Copenhagen è una città molto ecologica, piena di spazi versi e sono stati invece altri giardini, quelli di Tivoli a dare lo spunto per una delle fiabe più famose di Andersen: “L’usignolo”. Racconto che fu ispirato, infatti, a uno spettacolo cui lo scrittore assistette proprio nel giardino oggi famoso come parco delle fiabe.

Hans Christian Andersen era inoltre solito scrivere le sue fiabe nella biblioteca della Torre Rotonda, il più antico osservatorio funzionante d’Europa, costruito nel XVII secolo, dalla cui cima si può godere di una splendida vista su tutta la città, e nelle belle giornate anche sulla costa svedese.mermaid
Per celebrare il suo autore più famoso, Copenaghen gli ha dedicato una strada, H.C. Andersen Boulevard, un museo interattivo nella piazza del Municipio e due statue tra cui la celeberrima statua della Sirenetta sul molo di Langelinje, realizzata nel 1913 in memoria della sfortunata protagonista dell’omonima fiaba che nella versione originale non ha il lieto fine americano imposto dalla Disney!
Ma per saperne di più e progettare l’itinerario migliore per una vacanza in Danimarca, cliccate qui.

P.S. Per seguire l’itinerario sulle orme di Andersen a Odense ora è possibile scaricare da App Store e Google Play l’app Andersens Odense, un’utile guida per la visita, con cartina e descrizioni, disponibile anche in italiano.