Cane clonato? No grazie!

Oggi ho letto questa notizia sul Corriere che mi ha veramente colpito: la moda dilagante soprattutto negli USA e in Corea di farsi clonare gli animali domestici, per troppo amore. In previsione della loro dipartita, gli si ruba con un’operazione un po’ di DNA con la speranza di riprodurli pressochè identici. Dagli anni novanta quando nacque la famosa pecora Dolly, ai processi di clonazione per i purosangue, la ricerca non si è più fermata. Già da tempo si può aver un cucciolo clone del cane o del gatto che, per raggiunti limiti di età, un brutto giorno non sarà più in famiglia.

E naturalmente con i soldi si può fare (quasi) tutto: 100.000 dollari per il cane bis, mentre il gatto è molto più conveniente, solo 25.000 per ricopiarlo.

I padroni che hanno scelto di farlo si giustificano raccontando che non riuscirebbero a sopportare la vita senza il pet adorato. Secondo me invece si tratta di mostruoso egoismo; per prelevare il DNA, infatti gli animali devono essere sottoposti a operazioni, poi i cloni sono molto più fragili e quindi spesso non sopravvivono all’esperimento e  ancora il carattere e il comportamento di un animale non è dovuto solo al patrimonio genetico, anche i cani della stessa razza spesso hanno attitudini differenti. Influisce molto anche l’ambiente e l’educazione (è facile che con il passare del tempo gli stessi padroni possano mutare nel carattere e nelle abitudini)  quindi magari il pet clone è materialmente identico ma molto meno adorabile. E infine ci sono così tanti cani e gatti abbandonati che hanno bisogno di aiuto e cercano una famiglia, nei canili e nei gattili e proprio lì sarebbe più etico investire dollari e affetto.
Ma voi cosa ne pensate?