Le ragazze

Un romanzo molto chiacchierato e apprezzato, Le ragazze racconta una storia avvincente con tutti gli ingredienti giusti per accalappiare il lettore: disagio giovanile, sesso, flashback nell’atmosfera alternativa e peccaminosa del periodo hippy e, per finire, un bel tocco di crimine. Infatti la vicenda è ispirata a un famigerato fatto di cronaca: il massacro nella villa californiana di Roman Polanski dove fu uccisa la sua bellissima moglie, Sharon Tate (incinta di otto mesi) e un gruppo di amici ospiti.
Assassinati dai seguaci della setta di Charles Mason.
L’autrice, Emma Cline, al suo esordio narrativo, è stata così scaltra da inventarsi una vicenda alternativa basata su questo massacro.
Siamo nell’estate del’69 in periferia di S.Francisco dove vive la sua protagonista: Evie, una quattordicenne in piena crisi adolescenziale. Benestante ma annoiata e insicura.
E qui partono i luoghi comuni: il papà se n’è andato con una ragazza più giovane, la mamma (siamo in California dove sono nate tutte le teorie fitness e alternative) cerca di riciclarsi con la new age e l’alimentazione bio per mantenersi sexy e in forma e trovare ovviamente un nuovo compagno.
Evie naturalmente lo odia.
La ragazzina è precoce nello sballo e nelle fantasie sessuali. Ha anche un vicino di villa, dodicenne, che si fa le canne e beve whisky (francamente mi sembra un po’ presto). Poi la nostra incontra un gruppo di ragazze (quelle del titolo) molto trasgressive, ribelli e misteriose, e ne rimane incantata.
Vorrebbe far parte del loro gruppo e naturalmente ci riesce. Così on and off si trasferisce nella loro comune dove, come da copione, succedono tutte le cose che devono succedere in un luogo del genere (sesso, droga e rock’n roll). Infatti il loro guru avrebbe velleità da rocker, strimpella malamente la chitarra e sogna un contratto discografico.
Ma le cose non vanno come dovrebbero e allora arriva il massacro…
Il lato che ho apprezzato di più nella scrittura della Cline sono state alcune citazioni realistiche sul destino delle ragazze, non necessariamente quelle del titolo ma il giovane universo femminile in generale, frasi come: …il semplice fatto di essere una ragazza a questo mondo ti riduceva la capacità di credere in te stessa…
oppure altri riferimenti ai consigli delle riviste femminili (adesso c’è la rete) che vengono presi come oro colato dalle giovanissime per diventare più belle, seducenti, scaltre.
O ancora le aspettative sull’amore, bello e speciale, pubblicizzato molto anche nelle canzoni, quando poi nella realtà si impara presto ad accontantarsi…
Mi è piaciuto lo stralcio di indipendenza femminile che si insinua fra le pagine di questo romanzo, mentre mi ha deluso l’appesantimento negativo di cui grondano molte descrizioni.
Ad esempio un vestito che Evie indossa per un festa nella comune, odorava di merda di topo
Come può il lettore riconoscere la sfumatura tipica degli escrementi di ratto?
Non bastava scrivere che aveva un puzzo insostenibile?
Insomma ho notato un fastidioso compiacimento rindondante nella scelta degli aggettivi. E un po’ troppo sensazionalismo nelle scene di sesso.
In un’altra pagina, la tinta a buon mercato, comprata al super, nei capelli della madre era croccante
Forse è colpa della traduzione, ma come si fa a scrivere in un altro paragrafo: mi sono sgrillettata tutta la notte?