Come affrontare le sfide della crescita

Essere una famiglia vuol dire coltivare complicità e supporto ma i ruoli devono essere rispettati. Solo così la squadra familiare continuerà a funzionare e a sopravvivere. Istituire delle regole è fondamentale, sembra una banalità ma molto spesso c’è una certa remora nel farle valere.

I genitori cedono per paura di essere troppo severi e fanno danni. Per aiutare padri e madri a esercitare al meglio il loro ruolo, senza timori è appena stata lanciata una nuova collana Piccole e grandi sfide, in cui la psicopedagogista Barbara Tamborini e Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, attraverso libri illustrati, aiutano e consigliano genitori e bambini a cavarsela nelle tappe più importanti della crescita. Sono volumi colorati, arricchiti dalle belle illustrazioni di Elisa Paganelli, che contengono una filastrocca, ironica e accattivante, dedicata ai più piccoli.

La regola è un paletto ben piantato per terra

che non si muove neanche se tu provi a far la guerra.

E’ un monte faticoso da salire e da scalare

ma arrivato fino in cima il panorama puoi gustare

Così scrivono i due autori, con uno stile scanzonato in rima, ma poi aggiungono, in coda al libro anche una parte più pedagogica. Nella quale si elencano consigli per i genitori su come affrontare le varie problematiche e indicazioni sugli errori da non comettere (quelli che in buona fede noi tutti abbiamo fatto!)

I primi due titoli sono Odio le regole e Non voglio andare a scuola e rappresentano un primo passo nell’arcipelago delle ribellioni e dei capricci più comuni.

Leggendo i consigli di Tamborini e Pellai si impara ad essere più consapevoli delle risorse innate dei bambini. In fondo sono piccoli ma ce la mettono tutta, si impegnano al massimo. Bisogna dar loro fiducia, indicare come fare le cose, e poi lasciarli agire. Essere pazienti e non aver fretta, anzi mettere in conto anche qualche fisiologico incidente di percorso. Nel contesto delle regole, invece di usare espressioni come “devi”, “bisogna” è meglio scegliere un linguaggio coinvolgente dove non ci sia mai un’idea di ordine o costrizione.

Naturalmente è fondamentale anche dare il buon esempio come genitori, se i figli vedono coerenza dei genitori a rispettare loro stessi le regole saranno più felici di fare lo stesso.

Di bambini e altre magie

Comunicare è sempre difficile, con gli estranei e anche con le persone più vicine a noi. Spesso, anche quando siamo pieni di buona volontà ed empatia, i franintendimenti nascono dal fatto che non ragioniamo nello stesso modo del nostro interlocutore e quindi magari le parole possono acquistare significati non voluti e inaspettati.

Capita fra adulti ma soprattutto quando ci rivolgiamo ai più piccoli, in particolar modo ai nostri figli, dove gran parte dei problemi educativi nascono dal modo in cui parliamo con loro. Usando una modalità che si rivela sbagliata perchè parte da un nostro modo -adulto- di vedere le cose, dalle nostre aspettative che sono spesso incomprensibili ai ragazzini.
Anche a quelli più desiderosi di compiacerci.

Ci sarebbe invece un modo molto più semplice ed efficace di comunicare con i bambini ed è quello che si può trovare entrando nel mondo fantastico e immaginario della loro fantasia. Uno spazio che nei più piccoli si mescola con la realtà di tutti i giorni, li aiuta a crescere e a capire cosa ci si aspetta da loro.

E’ un mondo, più bello e ottimista del nostro, che purtroppo però spesso ci risulta incomprensibile, così alieno da creare malintesi e confusione.

Per imparare a capirlo ed entrare in sintonia con il modo di ragionare dei più piccoli, è uscito di recente un manuale: Di bambini e altre magie scritto da Elisabetta Rossini ed Elena Urso, in cui le due pedagogiste spiegano in maniera molto semplice ed esaustiva, come rapportarsi con i bambini evitando tensioni, frustrazioni e capricci.

Affrontano le tematiche e problematiche più comuni nell’educazione, affiancando alla teoria molto esempi clinici che aiutano a capire meglio come penetrare nel raggio di comprensione dei più piccoli con facilità e soddisfazione reciproca.

Scuola genitori: un nuovo appuntamento

Le punizioni corporali non servono a nulla, anzi sono deleterie. Lo so per esperienza, da ex bambina picchiata. Ne sono profondamente convinta e non mi stancherò mai di ripeterlo.
Per questo vi segnalo un nuovo appuntamento della Scuola Genitori, di Daniele Novara, intitolato Punire non serve a nulla, in cui si spiega perchè la mortificazione, non è mai un mezzo educativo.
Schermata 2016-01-26 alle 16.06.25
L’appuntamento presso l’Auditorium Don Bosco, in via Melchiorre Gioia, a Milano e l’ingresso è gratuito.

Come antipasto vi lascio con alcune considerazioni di Daniele Novara sull’argomento:

C’è una convinzione dei genitori italiani che, è davvero dura a morire: parlo dell’idea che i bambini possano imparare qualcosa quando sono picchiati o umiliati.
Certo, ormai nessun genitore ammette più pubblicamente di essere a favore delle punizioni corporali, anzi. Eppure quando aumenta la confidenza c’è sempre qualcuno, nella maggiore o minore approvazione dei presenti, che se ne esce con: “Però quando ci vuole ci vuole: una bella sberla non gliela toglie nessuno e vedrai che dopo ci pensa due volte prima di rifarlo!”
Il problema è che ormai le ricerche scientifiche che smentiscono questa convinzione sono troppe e troppo dettagliate per poter nascondersi ancora dietro l’idea che, anche solo in qualche caso, la punizione fisica possa davvero funzionare. È piuttosto chiaro: quando i bambini sono picchiati o umiliati imparano sicuramente qualcosa, purtroppo però non quello che i genitori vorrebbero insegnare.
Prima di tutto, le punizioni fisiche, o comunque le punizioni degradanti, indeboliscono e minano il legame tra genitori e figli. Se un rapporto di fiducia reciproca è alla base di uno sviluppo sano, quando i genitori puniscono fisicamente o emotivamente i bambini, essi impareranno che i genitori non sempre li proteggono: questo produce difficoltà emotive, e spesso anche comportamentali.

Poi: le punizioni umilianti, fisiche o meno, compromettono lo sviluppo emotivo dei bambini. Quando un adulto, un genitore o qualcuno che esercita un ruolo educativo su un bambino, utilizza le punizioni, produce spesso l’effetto di minare l’autostima dei bambini. I bambini hanno bisogno di sentirsi accettati, accolti.
Inoltre, le punizioni fisiche possono generare sentimenti di rancore e ostilità nei confronti dei genitori che i bambini non riescono a esprimere direttamente generando sentimenti di rabbia e risentimento repressi. E si è verificato che questo genere di punizioni diventa un modello di risoluzione aggressiva delle situazioni conflittuali che il bambino cercherà poi di riprodurre nei propri rapporti di forza. I bambini che subiscono punizioni fisiche tendono a diventare più violenti, a essere coinvolti in episodi di bullismo e anche ad aggredire i futuri partner, mentre i bambini che subiscono punizioni umilianti hanno maggiore probabilità di mentire, rubare e ricorrere alla violenza.