Simbolismo: la mostra a Milano

Da oggi fino al prossimo 5 giugno sarà possibile visitare questa mostra imperdibile allestita a Palazzo Reale. In 24 sale si possono ammirare circa 150 capolavori fra dipinti, opere grafiche e sculture.
Il percorso espositivo parte da Baudelaire, considerato il vero precursore del Simbolismo, versi de I fiori del male, sono riportati nei vari pannelli che introducono alle opere della mostra, che spaziano dal 1890 al 1914, quando l’orrore della prima guerra mondiale spazzò via brutalmente sogni e idealismi.

XIR18924 Orpheus, 1893 (oil on canvas) by Delville, Jean (1867-1953); 79x99 cm; Private Collection; Belgian, in copyright PLEASE NOTE: This image is protected by the artist's copyright which needs to be cleared by you. If you require assistance in clearing permission we will be pleased to help you.

Orpheus – Delville

Il simbolismo si diffuse in tutta Europa e contagiò non solo l’arte ma anche la musica, la filosofia e la neonata psicologia come testimoniano le opere di Nietzsche, Wagner e Freud, protagonisti occulti della mostra. I temi sono affascinanti e coinvolgenti, basati sul contrasto tra eros e thanatos, amore e morte, purezza e dannazione. La donna è angelo e demonio, meravigliosa ma pericolosissima fonte di perdizione. Tra i quadri leggiadri e onirici si insinuano così opere molto sensuali che testimoniano il lato più oscuro e provocatorio di questo movimento.

Amore dea – Segantini

Ieri sono stata alla conferenza stampa, che era gremita. Soprattutto di persone anziane, sembrava di essere a Villa Arzilla. Piacevole da un certo punto di vista perchè mi sentivo quasi una teenager, ma anche molto frustrante perchè questi vecchi giornalisti (probabilmente in pensione e con una gran voglia di vedere gratis la mostra) si comportavano come i loro coetanei sull’autobus o in fila alla posta. Aggressivi e maleducati.

Sez15_Kienerk_IlSilenzio

Il Silenzio – Kienerk

Terminata la conferenza stampa sono entrati come una fiumana imbizzarita nelle sale della mostra, spingendo senza ritegno, passando davanti a chi cercava di guardare un quadro o leggere un pannello, senza scusarsi. Anzi, facendosi largo a colpi di borse e cartelle stampa.
Poi dopo le prime sale, quando i quadri si sono fatti più erotici, hanno cominciato (probabilmente) a sentirsi più frizzantini e si sono un po’ calmati rimanendo fermi, immobili davanti alle opere, sognando probabilmente dei tempi andati. Una signora particolarmente impellicciata si faceva anche dei selfie (nonostante la mancanza di luce) davanti ai ritratti più sexy delle femme fatale della Belle Epoque. Gli addetti alla sala, che di solito possono redarguire i visitatori che si comportano male, non potevano dire nulla, perchè si trattava di un vernissage privato. E i vecchi birboni lo sapevano e ne approfittavano, alla grande.
Altro che silenzio. Chiacchieravano sempre, al telefono e fra loro. Era tutto un “sapesse signora” in stile un po’ rintronato.
“Ti do la mia email”
“La metterò nel mio indirizzario”
“E quindi tu sei la figlia”
“Ma di chi?”

Amore-Chini

Gauguin: racconti dal Paradiso, un po’ al buio

Come ho già scritto, martedì scorso sono stata all’inaugurazione del Mudec e oltre alla mostra di Barbie, ho visto anche quella di Gauguin, che ha come sottotitolo “Racconti dal Paradiso” perchè il pittore francese ha passato gli ultimi anni della sua vita in Poinesia, dipingendo molti paesaggi e moltissime bellezze del luogo e prima aveva anche vissuto in Martinica, luogo altrettanto paradisiaco.

E’ una mostra molto interessante di circa 70, oltre a quelle di Gauguin ospita anche quadri di Pissarro, Cezanne e Van Gogh. E c’è anche il famoso Autoritratto con Cristo Giallo, prestato dal Musèe D’Orsay di Parigi.

Schermata 2015-11-03 alle 16.00.02

Tutto meraviglioso, peccato che le sale siano così buie che si fa fatica a vedere, sono penalizzate soprattutto le sculture. Devo ammettere che quando ho visitato la mostra era ancora in stato di allestimento, per cui le schede messe di solito di fianco ai quadri in un luogo un po’ luminoso, erano ancora appoggiate per terra e di fianco ai quadri c’era solo lo scotch che indicava il luogo esatto dove porle. Ma a parte questo, era veramente troppo buio.
Ho sentito (giuro) una collega esclamare, esasperata: “Ma qui non si vede una cippa!”
E non potevo certo darle torto.
Più che ammirare una mostra sembrava di cercare qualcosa in cantina. Ma il buio fa tendenza, anche nei negozi alla moda, il primo a sperimentare questa mancanza di luce è stato Abercrombie&Fitch, per essere fichi si sconfina nella tenebra!

Giornata delle famiglie al museo: domenica 4 ottobre

“Mamma, c’era un bambino che si chiamava Olmo”
“E un altro Emmo”, risatine.
“Emma è un nome solo femnimile, forse ti sbagli”
“No! No! Giuro si chiamava proprio Emmo!”
Quando le mie figlie erano piccole le portavo sempre nei vari musei e naturalmente le iscrivevo anche ai laboratori correlati dove, a sentir loro, pullulavano gli Olmo e gli Emmo.
Le bambine volevano farmi capire che quelle attività erano cose da gente strana, con nomi strani.
Però sono convinta che Olmo ed Emmo oggi siano diventati due adolescenti curiosi e intelligenti, perchè dalla mia esperienza portare i bambini al museo, metterli a contatto con la musica, l’arte e la storia è comunque un toccasana intellettuale.
Anche se sono piccoli i bambini riescono ad apprendere e immagazzinare emozioni importanti.
Utili sia nella vita che negli studi.
Perciò la notizia che questa prossima domenica, il 4 ottobre, per il secondo anno, sia stata organizzata su tutto il territorio italiano la Giornata delle famiglie al museo, con ingressi gratuiti e/o visite guidate, laboratori didattici ed esperienze interattive è molto importante.
Lo scorso anno sono stati 590 i musei coinvolti e quest’anno le adesioni sono già 650.
Consultando questo sito si possono trovare tutte le informazioni, la lista degli spazi che partecipano all’iniziativa e le attività complementari programmate. L’età consigliata è quella scolare e nelle città più piccole si organizzano anche dei tour nei vari musei del territorio per intrattenere i bambini per tutta la giornata.
Il payoff di questa iniziativa è Nutriamoci di cultura per crescere, una frase preziosa e commovente nel panorama di sciatteria che ci circonda.