Un sapone solidale per salvare gli orangotanghi

Domani, Black Friday dello shopping pre-natalizio scontato, che da più di una settimana ci viene ricordato in maniera martellante, potrebbe anche essere un giorno di solidarietà. Almeno se si compra un sapone naturale che può aiutare una specie in estinzione.

Lush, infatti, presenta #SOSsumatra, una campagna etica in collaborazione con Sumatran Orangutan Society, associazione attiva nel campo della tutela e della salvaguardia degli habitat e delle specie animali a Sumatra, al fine di proteggere gli orangotango e la foresta pluviale nella quale vivono.

A partire da domani, tutto il ricavato della vendita di Orangotango, il sapone in edizione limitata, verrà devoluto all’associazione SOS e ai suoi partner nell’isola di Sumatra, lOrangutan Information Centre (OIC), per acquistare 50 ettari di terreno nel Bukit Mas a Sumatra e rigenerarli allo stato di foresta di origine.

“Gli orangtango che vivono allo stato selvatico sono soggetti a diverse minacce”, spiega Helen Buckland, presidente dell’associazione SOS. “La soppravivenza dipende dalla protezione del loro habitat e dalla salvaguardia della foresta”

La campagna #SOSsumatra si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della deforestazione e sul forte rischio di estinzione degli orangotango. Ad oggi si contano solo 14.600 oranghi che vivono allo stato selvatico nel loro ambiente naturale a Sumatra. Lush produrrà 14.600 saponi in edizione limitata, pari al numero di orangotango, rimasti. Sono tristemente e a tutti gli effetti gli ultimi pezzi disponibili!

Il sapone Orangotango, al profumo di arancia e patchouli, è realizzato con una base di olio extravergine di cocco proveniente da Nia, un’isola al largo di Sumatra.