Buone Vacanze!

Oggi giornata di grande esodo, in città oramai si guida veloce e si trovano un sacco di parcheggi: tutti stanno partendo per le vacanze.
Così anche il blog si prende una pausa, mentre ne approfitterò per scrivere (un progetto che procede troppo pigro) tappata in casa nella penombra delle tapparelle abbassate. Leggerò dei libri lasciati sul comodino in attesa per troppo tempo. E alla sera forse andrò a vedere qualche vecchio film nei cinema all’aperto, sfidando con coraggio le cattivissime zanzare d’agosto. Ci rivediamo a settembre con qualche bella novità.
Felice estate a tutti!

Violenza in piscina

IMG_0324

Di solito non sono una persona aggressiva.
In auto per esempio Sant’ si lascia andare e dice delle cose tremende agli altri automobilisti, mentre io sono sempre tollerante. Ma forse ognuno ha i suoi ambiti.
L’agnellino in un settore si trasforma in una tigre in un diverso territorio.
L’ho scoperto nella mia ultima puntata in piscina. A me piace nuotare, soprattutto d’inverno nella piscina chiusa dove si fanno le vasche seriamente. In estate, buttarsi tanto così per rinfrescarsi è piacevole ma non mi dà soddisfazione.
Questo prologo per dire che probabilmente ero già maldisposta. Così l’altro pomeriggio mi sono buttata con Emma a fare un po’ di vasche con la “tavoletta”: si allenano le gambe e si può anche chiacchierare. Andavamo avanti e indietro tranquille quando ho scorto due persone, un lui e una lei, che conversavano in piedi proprio alla sommità della nostra corsia.
La corsia di fianco era vuota quindi ero tranquilla: si sarebbero tuffati lì. Invece dopo poco si sono buttati proprio nella nostra. Non so cosa mi sia preso ma sono diventata una furia, ho abbandonato Emma alla sua velocità e sbattendo le gambe come posseduta ho puntato sul nuotatore maschio armata di tavoletta, purtroppo l’ho mancato. Ma non mi sono persa d’animo e ho virato verso la ragazza e, come indemoniata, nuotando sempre al massimo delle mie possibilità, le ho dato una tavolettata sulle braccia. Così, per farle capire che aveva sbagliato corsia.
La sventurata non ha detto nulla. Forse speravo in una collutazione ma lei ha continauto a nuotare a stile. Forse avrà pensato che non l’avessi fatto di proposito? O avrà avuto paura di provocare una psicopatica?
Non lo sapremo mai, però nel frattempo, gonfia di adrenalina come un hooligan, ho continuato a nuotare fortissimo avanti e indietro. Mentre Emma si vergognava di essere mia figlia nuotava da sola, facendo finta di non conoscermi.
Ho fatto altre 4-5 vasche sperando in una rissa ma le mie due vittime designate si sono fatte gli affari loro, continuando ad allenarsi a stile senza darmi la soddisfazione di un duello.
Alla fine, dopo 15 vasche sono uscita un po’ delusa dal loro spirito zen.
Una profonda vergogna mi ha assalito solo quando mi sono asciugata e rivestita. Sono tornata a casa in fretta sperando di non incontrarli mai più. Poi mi è anche venuto in mente che tanti anni fa avevo già preso a tavolettate un’altra persona che aveva invaso la mia corsia in un’altra piscina cittadina. Quella donna era piuttosto robusta e mi aveva preso a male parole.
Per questo forse ho aspettato quindici anni prima di rifarlo.
Domani vado in vacanza e forse ne ho proprio un gran bisogno. Due settimane per rinfrancarmi e tornare in me.