Pazza gattara si diventa

Noi siamo una famiglia da cani. Nel senso cinofilo dell’espressione.
Con i gatti non abbiamo mai avuto molto feeling. I nostri animali domestici sono sempre stati cani. Insomma eravamo dell’altra sponda…fino a quando nello scorso mese di agosto non abbiamo incontrato lui: Pepe.
Il primo a parlarne è stato Sant’, il gatto bivaccava nell’aiuola davanti alla porta del palazzo dove c’è il suo ufficio. Bello, grigio, occhi gialli, molto socievole. Il classico milanese in agosto, super-friendly con i pochi residenti rimasti. Solo che essendo un felino la situazione era più complessa, era in giro d’agosto non perchè facesse poi le ferie a settembre ma perchè, molto probabilmente, qualcuno l’aveva abbandonato.
Così incuriosite siamo andate a conoscerlo. Ci ha fatto subito le fusa e intenerite abbiamo cominciato a portargli anche qualcosa da mangiare. Il feeling è nato soprattutto con Emma (mentre Anita lo snobba un po’, sogna di possedere un cavallo per cui il gatto è un po’ riduttivo).
A settembre pensavamo che i padroni tornassero e invece il gatto era sempre in strada.
Coccolato e nutrito anche da altre persone oltre che da mia figlia. Infatti da una signora che abita nella casa di fronte Sant’ ha saputo il nome, Pepe appunto, e che la padrona fedifraga è una signora che è andata in vacanza, gli ha tolto il collare e l’ha lasciato in strada.
Emma, anche un po’ gelosa delle attenzioni che gli rivolgono gli altri, giorno dopo giorno ha intensificato cure e attenzioni. L’ufficio di Sant’ è abbastanza vicino a casa nostra e quindi lei appena ha un momento libero vuole andare da Pepe. Il gatto è sempre più affettuoso, miagola per salutarla e se non è troppo affamato prima di gettarsi sul cibo le fa anche le fusa, oppure gliele concede solo al momento del commiato strappacore.
Mia figlia è diventata anche esperta nel scegliere le scatolette di cibo al supermercato:
“A Pepe piace questo….no aspetta… forse più quest’altro”
Fortunatamente l’estate continua e il povero Pepe senza tetto non ha ancora dovuto combattere contro le intemperie autunnali.
Ma già da un po’ le previsioni parlano di svolta climatica, da qui il passo successivo:
“Mamma lo adottiamo?”
Al pelo morbido e agli occhi magnetici di Pepe è difficile resistere, anche per una come me che sa tutto sui cani e, fino a un mese fa, non provava nulla nei confronti dei felini. Per farmi consigliare, ho telefonato a una mia amica esperta di gatti la cui diagnosi è stata:
“Portalo a casa e sii felice”.
Mi sono consultata con Sant’ per capire dove potremmo piazzare la gattaiola, senza imponenti lavori di muratura, poi sono andata a parlare con la vicina informata dei fatti per ulteriori informazioni.
E ho ricevuto una doccia fredda. Ho saputo che la padrona che l’ha abbandonato, e abita a 50 metri, ora è tornata a casa ma ancora lo frequenta. Ha un comportamenteo ambiguo: lo lascia dormire fuori ma di giorno lui la segue in casa.
(Come quei fidanzati che si mollano ma continuano a vedersi)
Quindi, maledizione, non è un gatto libero.
Adesso dovrò andare a conoscerla per sapere le sue intenzioni. Oppure dobbiamo rapirlo?

Bird watching


Da un po’ di giorni dal mio balcone provenivano cinguettii allegri, insistenti e rumorosi. La primavera scapigliata, pensavo mentre continuavo a stare china sulla tastiera per guadagnarmi la pagnotta. Poi l’altra sera Sant’ ha detto che in fondo al terrazzo c’era un nido di merli e infatti da giorni anch’io avevo visto un merlo/a svolacchiare sulle mie nuove fioriere. Era ora di cena, abbiamo abbandonato i fusilli al pomodoro sul piatto, per correre a verificare, da dietro le finestre per non disturbare.
In un angolo del balcone, c’era un piccoletto. Nero e tutto arruffato, la versione pulcina del merlo bebè, abbandonato lì che aspettava che la mamma tornasse con il cibo. Stava immobile e ogni tanto la chiamava “Mamma mieni, mieni!” (come diceva Anita da piccola).
Noi commossi, sbuffavamo e commentavamo:
“Cavolo, ma quanto ci mette? Non sente che lui piange? Quanto ci mette per trovare un verme?”
Finalmente è arrivata e noi siamo tornati ai fusilli, pacificate.
Abbiamo capito che il nostro balcone è una perfetta pista per allenarsi al volo: si parte dal nido nella parete in fondo e poi tutta la pista in lunghezza, fino al lato opposto dove c’è la porta finestra della sala.
Quasi meglio di Linate.
Ieri pomeriggio sono rimasta da sola in casa a scrivere e nelle pause mi sono dedicata al bird watching. Volevo paparazzare la mamma, ma ogni volta che mi avvicinavo e la beccavo sempre al ritorno dalla spesa, a becco pieno, provavo a scattare e lei volava via. Bella, magra, elegante, tutta nera con il becco arancione.
All’ora di cena, finito il mio lavoro, mi sono avvicinata alla porta finestra della sala e chi vedo? Non uno ma due pulcinotti (Piero Angela mi fa un baffo). Proprio lì nell’angolo del balcone, a fine pista di allenamento al volo. Uno addirittura appollaiato sul mio ficus. Non potevo farmeli sfuggire: scatto, scatto e scatto.
Loro poveretti erano fermi, probabilmente immobilizzati dalla paura. Quello a terra a un certo punto è schizzato in casa, ha fatto una corsa pazza, facendosela anche addosso, fino a nascondersi sotto i mobili della cucina. Panico. Fuori la mamma è tornata in picchiata:
“Non ti avevo detto di stare attento a tuo fratello, deficiente!”
“Non è colpa mia…”
Cip Cip Cip CipCip!!!!!!
Mamma continuava a cinguettare inquieta e spaventata. Ha detto anche qualche parolaccia. Era fuori di sè.
Non sapevo cosa fare, capivo che il piccolo mi considerava peggio di un boia ed era terrorizzato. Ho spento i Simpson alla TV perchè ho pensato che i versi di Homer potessero spaventarlo ulteriormente. Ho chiuso la porta della cucina e il piccolo si è spostato strisciando fino all’angolo del frigo. Allora ho preso uno strofinaccio gliel’ho buttato sopra e delicatamente l’ho preso.
“Non devi avere paura adesso ti riporto dalla mamma”, gli ho detto dolcemente.
“Cip ???? Cip ???”
Ho riaperto il terrazzo e l’ho rimesso fuori.
Cip Cip, Cip, Cip, Cip, Cip, Ciiiiiip!!!!!
I festeggiamenti sono andati avanti per un bel pezzo. Papà merlo però non si è mai visto.

1 3 4 5